7 settembre 2008, l’ultimo ko interno dei lombardi

Si aprirà sabato alle 15 al “Franco Ossola di Varese il girone di ritorno del Torino. Di fonte una neopromossa, che però ha ben poco delle caratteristiche che ci si attenderebbero da una formazione appena arrivata in categoria. Il quarto posto in classifica lo evidenzia e i numeri della formazione di Sannino davanti al proprio pubblico fanno addirittura paura. L’ultima sconfitta interna risale…

di Redazione Toro News

Si aprirà sabato alle 15 al “Franco Ossola di Varese il girone di ritorno del Torino. Di fonte una neopromossa, che però ha ben poco delle caratteristiche che ci si attenderebbero da una formazione appena arrivata in categoria. Il quarto posto in classifica lo evidenzia e i numeri della formazione di Sannino davanti al proprio pubblico fanno addirittura paura. L’ultima sconfitta interna risale al 7 settembre 2008, erano i tempi della C2. Da quel momento i tifosi biancorossi non sono più usciti dallo stadio a testa bassa, anzi. In 45 confronti, hanno festeggiato 33 successi e 12 pareggi, per un bottino totale di 111 punti. Il che equivale a dire una media di 2,46 punti a partita, qualcosa di pazzesco.

A Varese sono cadute, nell’ordine, Novara, Reggina e Siena. Ha saputo, invece, conquistare un punto l’Atalanta di Colantuono, che alla seconda giornata ha strappato lo zero a zero. Il Toro non può sottovalutare questi risultati, ma ha anche la piena consapevolezza della propria forza, dopo aver portato a dieci la striscia di risultati positivi su di un campo, quello di Padova, non certo tanto meno insidioso. Lerda potrà, poi, fare pieno affidamento su Bianchi, che sta via via ritrovando la condizione migliore dopo l’infortunio muscolare subito. Tre degli otto gol realizzati dal capitano granata sono arrivati in trasferta ma nessuno di essi ha regalato i tre punti al Toro. Chissà che sabato non possa essere la volta buona. Rimanendo in tema di goleador, in casa Varese il capocannoniere è l’ex granata Ebagua, con cinque reti all’attivo, seguito a ruota da Neto Pereira e Carrozza, entrambi a quota quattro.

Curiosa, infine, la suddivisione dei gol realizzati dal Toro fino ad ora. Dei 26 totali, 18 sono stati messi a segno di destro, 6 di testa, uno su rigore e uno solo di sinistro. Un’ulteriore statistica rivela che Bianchi e compagni hanno realizzato 24 reti dall’interno dell’area di rigore e solo due da fuori, dove invece comandano la speciale graduatoria Modena (grazie ad un super Pasquato) e Crotone, con sette.

(foto: Varesenews.it)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy