Cairo: “Stagione rovinata, stiamo attenti a non rovinare anche la prossima”

Cairo: “Stagione rovinata, stiamo attenti a non rovinare anche la prossima”

Le voci / Le parole del patron del Torino in esclusiva alla Gazzetta dello Sport: “Il 30 giugno limite invalicabile, giocare oltre sarebbe sbagliato”

di Redazione Toro News

Urbano Cairo torna a parlare riguardo l’emergenza Coronavirus. Il presidente del Torino ha rilasciato una lunga intervista alla Gazzetta dello Sport. Di seguito un estratto delle sue dichiarazioni: “Quando si vive un momento come questo non si può parlare di sport, calcio, calendari, staccandolo da ciò che sta passando il Paese. Bisogna essere realisti, capire cosa si potrà fare e a cosa invece si dovrà rinunciare. Una stagione purtroppo è stata rovinata, ma dobbiamo stare attenti a non rovinare anche la prossima“.

Serie A, prima ipotesi se non si riparte: niente Scudetto e niente retrocessioni

Sulla questione calendari, Cairo aggiunge: “Il calendario purtroppo non lo decidiamo noi ma l’evolversi della situazione. Oggi tutte le ipotesi rischiano di essere fittizie e la voglia di concludere la stagione non può in ogni caso spingerci troppo oltre con le date. Ritengo che il 30 giugno sia un limite invalicabile oltre il quale giocare sarebbe sbagliato“. Sul taglio degli stipendi ai giocatori, invece, Cairo conferma la linea già tracciata qualche giorno fa: “Prima ancora di prendere la calcolatrice ai giocatori va chiesta un’analisi intelligente della situazione. Se il sistema va in crisi, ne pagano le conseguenze anche loro. Fanno parte del mondo del calcio è richiesto anche a loro un contributo per superare questo momento difficile. D’altra parte non si stanno allenando, non stanno giocando, in molti casi hanno lasciato l’Italia per tornare a casa loro, dalle proprie famiglie, è normale rinunciare a qualcosa“.

Infine, il patron granata torna sulla questione riguardante la ripresa allenamenti; lanciando un chiaro messaggio a chi – come Napoli e Lazio – aveva pensato di tornare in campo già nei prossimi giorni: “Siamo chiari: finché non ci si può allenare tutti, non ci si allena. Inutile fare previsioni e corse in avanti sostituendoci ai virologi. Che senso ha porre delle date adesso con alcune zone del Paese in piena lotta contro il virus? Una cosa deve essere certa: ci si ricomincia ad allenare tutti insieme. Non sono ammessi interessi di bottega”.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Andrea Valentino - 2 settimane fa

    Forse non hai capito che la prossima stagione te ne devi andare…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. CUORE GRANATA 44 - 2 settimane fa

    Affermazioni di per sè condivisibili,salvo che…Il 2020 stà assumendo la connotazione di “Annus orribilis”a livello globale, che ovviamente coinvolge anche “il mondo dorato del calcio”.Direi che dopo vari ” anni mirabiles” che per Cairo sono coincisi con una Sua ascesa imprenditoriale”esponenziale”per il ns. Pres.sia giunto il momento della “riflessione” dovuta anche a”spine”extra calcio.Ritengo utopistico anche solo immaginare che “allo stato dell’arte”qualcuno pensi d’investire nel mondo del calcio.Ecco quindi che,tralasciando voli pindarici,Cairo,a mio parere,dovrebbe concentrarsi su “poche ma fattibili cose”:In primo luogo realizzare quelle infrastrutture più volte annunciate che però..e non stiamo certo parlando d’investimenti faraonici ancor più fattibili qualora procedesse alla cessione,seppur svalutata,di tutti quei giocatori con ingaggi non più sostenibili con una diminuzione delle entrate.Penso che alla più parte di noi tifosi sarebbe condivisibile una politica “aziendale”che ponga in primo piano il potenziamento del settore giovanile(ora ai minimi termini),il rientro dei prestiti più promettenti integrato da “sconosciuti” grazie allo scouting nonchè ad una struttura societaria da migliorare in modo significativo.In buona sostanza un “Toro operaio”nell’accezione più nobile del termine radicato sul territorio con una “Casa”in linea con la ns. Storia e Valori.Noi “granata”siamo o non siamo diversi?Ed allora facciamoci “sentire” e chissà che con la complicità di questi tempi..Sempre FVCG!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andrea Valentino - 2 settimane fa

      Ma perdonami… Se non c’è nessuno che ha voglia di investire nel calcio in questo periodo (leggo sempre la solita frase) per quale motivo dovrebbe farlo Cairo o cosa spinge Cairo a farlo? Glielo ha Ordinato il medico, il Papa o forse… Credo invece che se mettesse la società in vendita qualcuno la comprerebbe…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. G.GRANATA - 2 settimane fa

    Gravina la smetta di dire cazzate.. Ma questi dirigenti dove li prendono?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy