Torino, Candellone: “Un’emozione bellissima confrontarsi con giocatori così forti”

Torino, Candellone: “Un’emozione bellissima confrontarsi con giocatori così forti”

Le parole / Il giocatore granata racconta le emozioni dei primi giorni di ritiro

di Redazione Toro News

Leonardo Candellone, che ha appena terminato una stagione molto positiva al Pordenone, ha commentato l’esperienza del ritiro con il Toro ai microfoni di Torino Channel: “Sicuramente è stata una bella emozione vedere giocatore forti e affermati che ti aiutano e cercano di farti crescere. Apprendere da loro cosa nuove è bello. Questa è un’esperienza che mi porterò dietro per sempre“. Dopodiché parla anche della sua scelta di abbinare il calcio allo studio: “Sto studiando Scienze motorie e spero di laurearmi presto. I calciatori intorno ai 35 anni finiscono la carriera e dopo c’è un’altra vita da iniziare. Il Torino ci tiene molto, tra l’altro, a vedere i proprio ragazzi che continuano a studiare“.

Poi commenta così l’anno trascorso a Pordenone: “L’ultima stagione è stata la migliore da quando sono in prestito per l’Italia,  abbiamo ottenuto una promozione storica. Non era mai capitata al Pordenone. Contento di essere stato protagonista, dove sono riuscito a crescere molto. Sono stato bene con compagni e mister, vincere poi aiuta, è ovvio. È stato anno molto positivo“, passando poi a ripercorre la sua carriera: “Avevo sette otto anni e giocavo al Pertusa a due passi da casa mia. Tre quattro anni dopo approdavo ai Giovanissimi del Toro, dove ho fatto tutto il settore sino alla Primavera. A quell’età vuoi sempre uscire a giocare, basta una porta o si realizza con due magliette. Si cresce anche con cose semplici, il pallone è divertimento e fantasia. Basta poco per renderlo divertente. Io giocavo anche in casa, mi è rimasta qualche cicatrice in giro perché non è il massimo con le finestre…

Dopodiché si sofferma sul Settore giovanile del Torino: “Qui ritrovo compagni di squadra e amici che fato loro percorso, è bella emozione vedere che settore giovanile granata riesce a sfornare talenti importanti. Per me è qualcosa di importante vedere che arrivano a giocarsi le loro chanche in prima squadra. La vittoria del campionato fu storica, era più di vent’anni che non succedeva, credo. I tifosi ci fecero sentire importanti. La Supercoppa e poi giocare la Youth League…. Che emozione. Anche giocare l’Europa con il Toro, fu una bella emozione. Giocammo all’Olimpico. Sono esperienze che ti fanno crescere e ti porti dentro

Per concludere, racconta il Candellone nella vita privata: “La mia famiglia verrà qui a vedere le amichevoli. Dietro devi avere famiglia che ti sostiene. È importante per stare tranquillo e non ti fa montare la testa. devo molto a loroAmo il basket nba, mi piacere da vedere ma sono negato. Idolo? Luis Suarez, gente che attacca la profondità. Mi ispiro a loro per copiarne i movimenti che vedo in tv. Bisogna provare e provare, in ogni allenamento e crederci sempre. Credere che sia importante e non un passatempo. Con la voglia di far bene si può fare“.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Immer - 2 mesi fa

    Candellone uno di noi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Junior - 2 mesi fa

    L’ho seguito titta la stagione tifando Pordenone oltreche’ il Toro; per me è un bel giocatore; ha tanta grinta, attacca ogni pallone ma dispone anche di una discreta tecnica; con il Pn ha fatto una bella stagione dopo comunque due anni di gavetta; penso sia importante per un giocane, che non sia Maradona o Pele’, farsi un paio d’anni tra C o B; è inutile fare la panchina in A e non giocare!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Fede Granata - 2 mesi fa

    Bravo ragazzo..se ti emozioni così vuol dire che sei umile e parti Bene. Sei sulla strada giusta. Complimenti. Noi ti aspettiamo. FORZA Leo!!! Vai che ce la fai….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Kieft - 2 mesi fa

    Deve confermarsi in serie B, se ci riesce potrà tornare con un altra considerazione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. renzocasa6_13587135 - 2 mesi fa

    Per me lui è veramente forte… Considerate che da “prestito secco” (gli allenatori non favoriscono mai i prestiti per ovvi motivi) ha praticamente vinto (non calcia i rigori) la classifica marcatori del girone e in più è un ragazzo con la testa sulle spalle… Io prima di mandarlo in B ci penserei…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. morassut.maur_9001655 - 2 mesi fa

    Grande Leo, Pn ti aspetta!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy