Torino-Juventus 1-3: Castan, la nota stonata che non ti aspetti

Torino-Juventus 1-3: Castan, la nota stonata che non ti aspetti

Focus on / Il brasiliano toppa sul più bello: scarsa lucidità ed errori di posizione, uno scivolone improvviso per uno dei pilastri di Mihajlovic

di Federico Bosio, @fedebosio19

Un’estate rocambolesca, vissuta tra il saluto alla Roma, il mese che ad oggi potrebbe essere definito ‘di prova’ alla Sampdoria ed infine il trasferimento al Torino: Leandro Castan è approdato in maglia granata come da richieste di Sinisa Mihajlovic, per rilanciarsi e sfruttare una seconda occasione che gli permettesse di giocare con continuità e tornare sugli importanti livelli precedenti l’operazione alla testa. Non è passato molto tempo, prima che il brasiliano conquistasse la maglia da titolare e diventasse una vera e propria colonna della formazione granata

Un’ascesa, o meglio un ritorno, a tutti lieto ed una stagione finora vissuta da grande protagonista: ecco perchè la prestazione offerta dal centrale nel derby della Mole stupisce negativamente e stride con quanto mostrato sino a questo momento. Proprio sul più bello, Castan non è riuscito a ripetersi e contro i bianconeri è sembrato scendere in campo in maniera davvero poco lucida: poco precisi un paio di passaggi in avvio di partita, regalati ad avversari di livello indiscutibile, poco reattivi ed utili alcuni interventi sulla trequarti. All’opposto del compagno di reparto Rossettini, protagonista di una prestazione personale molto convincente almeno prima di quel maledetto finale di partita, il brasiliano ha questa volta deluso le aspettative. Una sensibile quanto inaspettata battuta d’arresto.

In maniera particolare, duole dirlo, il mancino non è esente da colpe su tutti e tre gli episodi che hanno portato alle marcature avversarie: se per quanto riguarda la prima rete di Higuain è innegabile che si sia trattato di un’azione assolutamente fortuita confezionata dalla Juventus, resta fuori discussione il fatto che il granata al momento dell’assist di Mandzukic si trovasse ampiamente fuori posizione. Ancor più evidenti gli errori di posizionamento sui gol successivi: il raddoppio dell’argentino è arrivato in seguito ad un contrasto vinto da quest’ultimo contro Barreca, tuttavia il centravanti avversario avrebbe dovuto essere marcato proprio da Castan, lento anche a riposizionarsi.

Così come lento a rientrare il centrale, dopo essersi fatto saltare con facilità da Dybala al termine di un’avventato raddoppio sulla fascia sinistra – ma in questa occasione gli imputati si allargano ad almeno tre giocatori – è stato in occasione del sigillo definitivo di Pjanic, con Hart che ha dovuto compiere due vani miracoli ed i bianconeri che hanno avuto modo di riappropriarsi a ripetizione della sfera. Di certo, una prestazione sottotono, che tuttavia non cancella quanto di buono dimostrato sinora: il brasiliano osservato nel derby non è di certo quello che i tifosi granata hanno potuto ammirare in questo inizio di stagione, e proprio per questo un tale scivolone imprevisto – ed imprevedibile – è risultato ancor più marcato. Il Torino necessita di ritrovare al più presto il vero Castan, colonna e leader della retroguardia, già dalla sfida contro il Napoli.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. dukow79 - 4 anni fa

    Poteva almeno spaccare le gambe a qualche gobbo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ToroSardo - 4 anni fa

    Stravedo per Sinisa, meglio perdere giocando x vincere ma, Domenica troppi errori, doveva avere il coraggio di togliere Castan a fine primo tempo, e dopo 15′ del secondo anche Ljajic.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Yuri - 4 anni fa

    Commento OT.
    Cara redazione, potete gentilmante EVITARE di mettere sta cacchio di video rassegna stampa in tutti gli articoli?!…Grazie.
    Basta e AVANZA un articolo dedicato, dopodichè rompe solo i cocones.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. bogianen - 4 anni fa

    Il problema non e’ tanto Castan (sbagliare una partita ci puo’ stare) quanto l’assortimento della difesa. Continuo a chiedermi perche’ sia stato ceduto Jansson, che di testa le prendeva tutte (e noi siamo ora la squadra che piu’ ha subito gol di testa) e che in Inghilterra sta facendo un campionato strepitoso. Jansson e’ molto piu’ forte di Rossettini, che se la cava ma almeno una cappella a partita la fa, e ci costa sempre un gol. Perche’ Miha si e’ impuntato contro di lui, senza averlo MAI provato?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Akatoro - 4 anni fa

    Si lo sappiamo e lo sa anche lui che ha fatto errori. Ma è un giocatore in recupero. Perciò incoraggiamolo e non lasciamo che una brutta partita condizioni le prossime.applaudiamo questi ragazzi che hanno dato tutto e se la sono giocata alla pari. In questa partita guardiamo e valutiamo il gruppo .Un grandissimo applauso ai tifosi e allo striscione e che ha accolto i nostri ragazzi alla ripresa allenamento.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy