Corsa, sorrisi e il riscatto: così Aina si è innamorato del Torino

Corsa, sorrisi e il riscatto: così Aina si è innamorato del Torino

Le parole / Il terzino nigeriano è tornato da meno di una settimana, ma è già pronto a scendere in campo. E il Toro se lo gode

di Nicolò Muggianu

Sono passati esattamente 365 giorni dal primo giorno in granata. Un anno esatto. Era il 14 agosto 2018 quando un ragazzo di 22 anni, sconosciuto ai più, si presentava al Torino con una valigia carica di sogni e tanta voglia di dimostrare tutto il suo valore. Sullo sfondo il sogno di tornare, un giorno, nel “suo” Chelsea. Ma in un anno, si sa, possono cambiare molte cose. E così è bastato un anno per stravolgere il destino di Aina: diventato in poco tempo un giocatore importante, riscattato dal Torino per 10 milioni di euro. Addio sogno Chelsea, benvenuta Europa League in granata. Un traguardo meritato, anche se “con un po’ di fortuna”; come detto dallo stesso Aina.

Sfida la redazione di Toro News su Magic: crea la tua fanta squadra con i tuoi campioni preferiti e diventa il migliore fantacalcista d’Italia solo con La Gazzetta dello Sport!

UN ANNO – È bastato un anno per fare innamorare i tifosi del Torino di Aina, così come è bastato un anno per fare innamorare Aina del Toro. Una conquista fatta di corsa e tanti sorrisi: “Mi hanno tutti abbracciato e sorriso quando sono tornato – ha detto Aina a Torino Channel, dopo aver fatto ritorno dalle vacanze – erano felici di rivedere me come io ero felice di rivedere loro”. In poche parole: “Il Toro mi è mancato: mi mancava tutto, la città, la squadra, l’ambiente”. Chi l’avrebbe mai detto che sarebbe bastato un anno per far scoccare la scintilla. Eppure così è stato: il ragazzo timido, arrivato al Torino con tanti punti interrogativi, oggi è diventato una certezza. Del Torino e della Nazionale Nigeriana, conquistata proprio grazie alle ottime prestazioni in granata.

FUTURO – Con un anno di rivoluzione alle spalle è però giunto il momento di guardare avanti. Con una sola certezza: il Toro. “Il riscatto? – ha proseguito Aina – Quando l’ho saputo sono stato contento. Ringrazio il Torino e il presidente Cairo per avermi dato la possibilità di continuare a giocare in questo club importante”. Un club che gli ha dato tanto e a cui Aina ha restituito altrettanto. Ora è il momento di raccogliere i frutti seminati lo scorso anno, a partire dall’Europa League: “Vogliamo fare di tutto per arrivare ai gironi, la squadra è forte e può farcela”. Intanto una cosa è certa: Aina a Minsk ci sarà ed è già pronto per tornare a correre sulla “sua” corsia laterale. “Anche se mi sto allenando da pochi giorni – ha concluso Aina – mi sento bene, dovessi giocare farei di tutto per aiutare la squadra”. Mazzarri lo tiene d’occhio e i tifosi non vedono l’ora di vederlo sfrecciare di nuovo. Sempre con il sorriso.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Mimmo75 - 2 settimane fa

    Non è vero che il suo sogno era di tornare nel “suo” Chelsea. Il suo procuratore, intervistato da radio Kiss Kiss, disse che il sogno di Aina è quello di “tornare a giocare a quei livelli”. Disse letteralmente così, affermazione generica e non specifica. E vorrei vedere chi non ambisce a giocare ai massimi livelli mondiali. Daje Timoteo che magari ci arriverai con noi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Fede Granata - 2 settimane fa

    Belle le tue parole verso il Toro che confermi anche con i fatti…la simpatia ce l’hai scritta nel tuo sorriso. Grande Ola..Buon campionato!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy