La cosa da non dimenticare

La cosa da non dimenticare

Editoriale / La maturità della squadra di Mazzarri si misurerà nel saper ripartire dopo questa batosta

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Si diceva che il Torino avrebbe dovuto fare nove punti tra Chievo, Frosinone e Bologna; ne ha fatti solo sei, ma non per questo adesso tutto ciò che si è fatto di buono si deve dimenticare. La prestazione del Toro è stata disastrosa, i granata hanno sbagliato tutto lo sbagliabile mentre la squadra di Mihajlovic ha azzeccato la serata della vita (complimenti). A nostro avviso però una partita completamente steccata non basta per cambiare il giudizio sul percorso nel lungo periodo di una squadra che da gennaio ad oggi ha inanellato sette risultati utili consecutivi non solo perchè tutto è girato bene, ma per la solidità e la compattezza mostrata e per i passi avanti nella mentalità che erano stati compiuti.

Ciò posto, onestà intellettuale impone di dire due cose. La prima è che Mazzarri ha perso in prima persona il duello con Mihajlovic: scelte tecniche col senno di poi sbagliate (Djidji e Meité non erano da far giocare) e, cosa per lui insolita, insufficiente lettura tecnico-tattica del match. La seconda è che probabilmente qualcuno si è illuso troppo facilmente dopo il gol del vantaggio di Ansaldi. Il Toro, questo Toro, fa fatica a mettere sotto gli avversari sul piano del gioco e non ha elementi, salvo eccezioni, che possano spostare gli equilibri con una singola giocata. Dunque se vengono meno l’intensità, l’organizzazione, la concentrazione, questa squadra rischia di perdere con tutti. Qualcuno se l’è dimenticato e non deve più succedere se il Torino vuol conservare ambizioni di Europa League che restano assolutamente realistiche.

Già, perchè il Toro vero non è quello visto contro il Bologna, altrimenti non sarebbe dov’è in classifica. Le giornate storte nel calcio succedono; è accaduto alla Juventus contro l’Atalanta, all’Atalanta contro il Torino, al Torino contro il Bologna. Quella di ieri è dura da digerire per i 26mila tifosi che hanno affollato lo stadio Grande Torino, speranzosi di poter addirittura agganciare la Roma al quinto posto e poi tornati a casa rimuginando. La loro delusione è comprensibile ma questo resta al momento il Toro migliore di sempre nell’era dei tre punti, un Toro che ha quattro punti in più del girone di andata. Adesso spetta a Mazzarri e ai suoi giocatori, nello scontro diretto contro la Fiorentina, riprendersi tutto con gli interessi. Perchè la maturità di un gruppo si misura anche nel saper superare in fretta i passi falsi.

49 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Cecio - 3 mesi fa

    Ho lasciato sbollire la delusione prima di scrivere, forse perché non avevo nessuna voglia di leggere insulti e catastrofismi vari.
    Sabato sera siamo riusciti a sbagliare tutto il possibile, abbiamo commesso errori individuali non pronosticabili (era successo solo un’altra volta quest’anno, con il Parma…).
    L’impressione che ho avuto è che in panca ci fosse ancora Mihajlovic quando le cose andavano storte…cioè squadra non equilibrata, singoli esposti a commettere errori perché non debitamente coperti dai compagni, idee confuse.
    Insomma non sembravamo una squadra allenata da Mazzarri, quadrata solida e con un gioco approssimativo ma a cui segnare è difficile e che non si sbilancia quasi mai.
    Mi viene da pensare che i giocatori abbiano voluto dimostrare qualcosa a Sinisa e abbiano perso le certezze fin qui conquistate.
    Peccato, perchè vincere sarebbe stata veramente la ciliegina e ci avrebbe dato margini per affrontare al meglio le prossime 2 partite. Ora invece non si può più sbagliare e si devono raccogliere almeno 4 punti.
    A magra consolazione c’è la dimostrazione che anche le squadre con un gioco ben migliore del nostro (Roma e Atalanta) hanno anche loro le giornate storte.
    Manteniamo equilibrio e diamo comunque sostegno alla squadra, i conti si fanno alla fine.
    Cerchiamo di non impiccare l’imputato prima della fine del processo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. bepmerlo4_10204832 - 3 mesi fa

    Con realismo e senza frustrazioni dobbiamo riconoscere alcuno cos’è: la prima che ci mancano 5 punti e avremmo una classifica incredibile, la seconda che abbiamo giocato bene pochissime partite: Roma andata, Inter andata s3condo tempo, Bologna primo tempo un tempo a Udine e forse il derby. Altre non ne ricordo, abbiamo fatto giocare male quasi tutti e questo per la scarsa qualità del nostro centrocampo e all’imprecisione diz Belotti e alla sparizione di Jago. Non ci sono alternative, non si e voluto ce4carle o non si e’ potuto? Questa e’ La prima questione da chiarire prima di dare giudizi, due dopo aver visto Lyanco Djidji mi domando se non valeva la pena tenerlo e farlo giocare noi, Non essendoci fuori classe al di fuori del portiere e di Nkoulou , ci sono giocatori che utilizzati con un modulo rendono e con 7n altro meno, questo vale x Soriano com3per altri. I pregi 3 i difetti di Mazzarri si conoscono così anch3 la sua ‘presunzione’ di considerarsi bravo ma prigioniero di un gioco rigido che non offr3 flessibilità. Lui vede gli allenamenti ma Il Djidji di ieri fa rimpiangere Moretti e dopo l’ins7lso rigore, Meité lo sostituisci.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. iltorinese - 3 mesi fa

    sento da più parti criticare Soriano ( quando era al Toro) però qualcuno mi spieghi come mai ora che è al Bologna continua a prendere come minimo 7 di votazione? lo stesso discorso vale per Meite, come mai all’inizio del campionato era uno dei migliori ed ora ( ormai da diversi mesi) è solo più un’ombra?, lo stesso discorso vale anche per Baselli. Non vorrei che sotto sotto ci sia qualche manovra sporca di procuratori. Di Zaza non ne voglio nemmeno parlare, ma in compenso abbiamo un Parigini, un jago che continuano a fare panchina e i nostri primavera che si fanno onore in altre squadre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. daigoro - 3 mesi fa

    Sarebbe bastato rivedere le partite del bologna da quando e’ subentrato Miha per impostare la gara non all’attacco ma agire in contropiede….forse era troppo difficile da capire!!!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ddavide69 - 3 mesi fa

    Ne parleremo di nuovo fra quattro partite. Se faremo nove punti saremo ancora in corsa, altrimenti arrivederci al prossimo anno. Speriamo che questa volta vada diversamente dal solito.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Toscotoro - 3 mesi fa

    Tutto sommato è andata bene, grazie Meggio, sono un po’ preoccupato per la difesa in vista della prossima partita considerando gli squalificati, Djidji rotto e i loro attaccanti, potrebbe essere arrivato il momento di Bremer, ma siamo veramente contati

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. ALESSANDRO 69 - 3 mesi fa

    Fratelli granata, diciamo che è stata la classica partita storta dove a noi non è riuscito nulla e al Bologna è riuscito tutto….La grande Atalanta oggi non è andata oltre il pareggio contro il Chievo….La Fiorentina ne ha prese 2 a Cagliari …insomma se Atene piange Sparta non ride…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. prawn - 3 mesi fa

    L’atalanta ci ha preso solo un punto, ora non resta che imparare e riprendere il cammino

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mauro69 - 3 mesi fa

      Probabilmente anche loro sono stati colpiti dalla sindrome del 5°posto, una brutta bestia davvero!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. BIOFA70 - 3 mesi fa

    Condivido la buona classifica frutto di un girone di ritorno sopra le nostra media da squadra con tre attacanti che a malapena superano Zappata e non si avvicinano in tre a Quagliarella.
    Quindi ė un gruppo da decenni mo posto e tutto quello che arriva in più tanto di guadagnato.
    Poi se Cairo vuol sentire certe sinfonie il Martedi/Mercoledi ha solo da spendere…non scommesse alla Zaza Soriano o Niang….le ultime perle della Cairese fc

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. origliab@libero.it - 3 mesi fa

    Purtroppo son tifoso del toro dall eta’ di 6 anni adesso ne ho 60 e dico purtroppo perche nella realta non ho quasi mai avuto delle gioie ,se non delusioni.Al di la di questo mi chiedo se MAZZARRI e un vero tecnico che non riesce a vedere l’INUTILITA’ del giocatore(si fa per dire)
    DI ZAZA che se uno un po di calcio lo mastica se ne rende conto (sempere dietro all’ uomo,il suo hobby e fare le scivolate ecc. ecc. incredibile ma vero e forse anche un po di presunzione)oltre a essere un danno per la squadra toglie spazio ad altri giocatori molto piu’ competitivi (thiago falche). Fatemi sapere cosa ne pensate.grazie

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. dattero - 3 mesi fa

    il miglior Torino nell’era dei 3 punti,puo’ essere arma a doppio taglio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. alrom4_8385196 - 3 mesi fa

    Continuo a credere che la E.L. ce la giocheremo fino alla fine e poi si vedrà , il tutto tra le solite mille difficoltà che fanno parte fissa della ns storia ( scelte sbagliate , gare decisive regolarmente buttate , ecc.).Spero che chi è preposto a programmare il ns futuro (anche in ottica E. L. )cominci a capire che : Zaza è un corpo estraneo così come lo era Soriano, basta con le scommesse estive ma qualche innesto di sicuro livello ,il Baselli attuale (e non solo attuale) è un fantasma vagante per cui il mister cerchi di recuperarlo oppure via ,anche in difesa con DeSilvestri ed il Moretti quasi 40enne non si va molto lontano. I punti fermi sui quali costruire sono non più di 5 o 6 perciò per quest’anno teniamo duro e qualifichiamoci e poi al lavoro se si vuole veramente compiere il salto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. origliab@libero.it - 3 mesi fa

      CONDIVIDO PIENAMENTE IL CORPO ESTRANEO DI ZAZA MI STUPISCO ANCORA CHE MAZZARRI NON LO VEDA.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. granata - 3 mesi fa

      Caro alrom4 andrei cauto con giudizi così trancianti su giocatori dal curriculum sicuramente di buon livello e mi riferisco in particolare a Zaza e Soriano. Abbiamo già fatto un errore clamoroso con Quagliarella, tanto per citare un esempio. Se ieri Zaza è apparso opaco, c’ è da dire che nelle due precedenti partite aveva fatto il suo e che grazie al suo rientro si è sbloccato Belotti. Il Toro ha bisogno di due punte e, siccome non possiamo permetterci di avere i Milik, i Mandzukic, i Piantek, credo che la coppia Belotti e Zaza sia di buon livello per noi. Ma bisogna saperla mettere in campo (col Bologna erano troppo vicini e si pestavano piedi) e saperla servire decentemente e questo è il vero tallone d’ achille del Toro di Mazzarri, molto carente nella manovra offensiva. Nel Toro dominano i lancioni lunghi e a campanile costringendo le punte a giocare quasi sempre spalle alla porta. Su Soriano non perdo tempo e ti invito a leggere i giudizi dei critici sportivi che l’ hanno considerato il miglior giocatore in campo. Anche in questo caso Mazzarri ha le sue colpe, non sa utilizzare il trequartista come innescatore degli attaccanti (e infatti si è privato del migliore che avevamo, Ljajic, che qualsiasi buon intenditore di calcio non può che rimpiangere).Per quanto riguarda Baselli si sa che non ha il fisico dell’ interditore, ma ha buone doti tecniche, da regista (ruolo in cui è emerso nell’ Atalanta), quindi fargli fare il mediano vuol dire esporlo a brutte figure.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. mauro69 - 3 mesi fa

    Su 28 partite di campionato ne abbiamo steccate completamente 3, tutte giocate tra le mura amiche guarda caso: Napoli, Parma e Bologna.
    Mi pare che ci possa anche stare.
    Guardiamo avanti senza disfattismi e i conti facciamoli alla fine.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granat....iere di Sardegna - 3 mesi fa

      Sono d’accordo con te. I conti vanno fatti alla fine. Invece abbiamo passato la settimana a leggere articoli del tipo tra Mazzarri e Mihajlovic non c è partita oppure Mazzarri prepara la spallata a Mihajlovic…A volte l equilibrio più che i tifosi dovrebbero averlo gli addetti ai lavori. Questa sconfitta non è una tragedia anche se sarebbe stato meglio non perdere. Contro fiorentina e Sampdoria non credo ci sarà l approssimazione e la presunzione di ieri. Testa bassa e lavorare e speriamo finisca con il Toro in Europa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. ddavide69 - 3 mesi fa

    Il perché sul lungo periodo si potrà giudicare solo alla fine del campionato. Se non si raggiungerà per l ennesima volta l Europa allora sarà l ennesimo campionato buttato e un altro fallimento di politica societaria. Il resto sono parole.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Toscotoro - 3 mesi fa

    Come già visto nel corso di questo campionato giocheremo meglio contro squadre più forti, quando non c’è da imporre il nostro gioco essendo incapaci di farlo. E come sottolineato mazzarri è inadeguato poi però giocano i calciatori e sinceramente questo centrocampo è penoso, di meite’ già detto tutto, potenzialità si ma un’involuzione preoccupante e prolungata, baselli modesto pedalatore privo di fantasia, di giocate in verticale e a volte di ossigeno, lukic un po’ meglio ma accidenti al meglio, rincon agonisticamente il migliore ma con quell’innato viziaccio di perdere palloni sanguinosi a centrocampo. É un reparto da rivedere quasi completamente in estate. Dopo di che diventa difficile continuare a sostenere giocatori come Zaza, non pervenuto da inizio campionato, berenguer che perde costantemente 4 palloni su 5 e ieri sera, purtroppo, ha toppato anche la difesa irrisa dal vecchio palacio. Si può perdere e si possono avere problemi strutturali di squadra e di gioco ma un po’ di garra, cazzo, almeno quella, abbiamo giocato una partita da rammolliti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 3 mesi fa

      Veramente il Bologna ha imposto il suo di gioco, sinceramente non so più cosa pensare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ddavide69 - 3 mesi fa

      Veramente la partita l ha fatta il Bologna. Non so più cosa pensare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. mirafiori64 - 3 mesi fa

    dico la mia, mi ha ricordato molto la partita di qualche anno fa, quando il bologna vinse con anche un gol di Bianchi, anche allora c’era entusiasmo e il bologna aveva due o tre squalificati importanti ed era in cattive acque anche allora, sbloccammo subito il risultato pensando ad una goleada e poi ci fecero il culo..come ieri, tutti ieri abbiamo pensato ad una vittoria facile dopo il gol, anche loro in campo, il bologna per 30 minuti ci ha massacrato vincevano tutti i contrasti e le seconde palle erano tutte loro e sulla fascia di ola aina facevano quello che volevano, ma piu per demerito nostro che per meriti loro, sono calati solo nel finale anche perche paghi del 2-1. Nel secondo tempo il toro ha fatto la partita, sinceramente a tratti anche bene ovviamente abbiamo concesso piu spazio e un bologna in stato di grazia è stato micidiale, abbiamo sbagliato troppi gol, la fortuna non è stata dalla nostra parte ed è finita come è finita. Adesso abbiamo 3 partite dove obiettivamente faremo 3-4 punti,per l’europa è durissima molto piu di quello che dicono i punti della classifica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Bischero - 3 mesi fa

    Per me la partita ieri l ha persa Mazzarri. ha voluto dimostrare al confronto con sinisa di essere propositivo pure lui. Come da copione il Bologna nel secondo tempo ha corso meno. Bastava giocare più accorti e chiusi nel primo tempo, farli sfogare e poi punirli Nella ripresa. Zaza djidji e ansaldi dal primo minuto per me sono state scelte assurde. Cmq il Bologna ha giocato meglio. Non ha rubato nulla. Ma noi abbiamo fatto una valanga di errori(i 3 gol loro sono regalati) e il loro portiere su Belotti e Sirigu ha fatto 2 miracoli. In più il gallo a porta vuota si é divorato un gol. Ora devono dimostrare di poter ripartire. A Firenze non sarà impossibile. Ma bisognerà giocare con la testa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mirafiori64 - 3 mesi fa

      anche io ho avuto questa sensazione! la sostituzione baselli – iago mi ha sconvolto e poi ci siamo troppo sbilanciati, buttarci nel secondo tempo tutti all’attacco è stato un suicidio, il “vero” mazzarri almeno i primi 25-30 minuti avrebbe giocato coperto ed evitare assolutamente un terzo gol e solo negli ultimi 20 minuti avrebbe rischiato qualcosa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. steacs - 3 mesi fa

    ” il Toro migliore di sempre nell’era dei tre punti “, certo decontestualizzato dal fatto che ormai la serie A è divisa in 2, le 4 o 5 davanti sono la A, il resto è praticamente una serie B, questo spiega i punti in piú, infatti siamo sempre a centro classifica, altrimenti saremo abbondantemente in zona Champions.

    Per il resto come sempre si difende l’indefendibile, questo è il livello di questo torello, quando manca la fortuna CHIUNQUE ci mette sotto, sul piano del gioco e del risultato.

    Basta aver giocato a livello dilettante per vedere che questa squadra è penosa, si salva giusto il reparto difesa, il centrocampo è indegno e l’attacco senza centrocampo non funzionerebbe nemmeno con Messi, Suarez, Neymar.

    In arrivo tempi duri per Sartori e la redazione, bisogna trovare scusanti per ogni partita che perderemo, scuse migliori da quelle che dirá Mazzarri in sala stampa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 3 mesi fa

      Esatto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. freddy - 3 mesi fa

      Tra Ciro, Sartori e Mazzarri se la giocano a chi si inventa le scuse più assurde. Due gol, uno su autogol, uno su errore del portiere e siamo stati sfortunati. Ma nemmeno la decenza…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Leo - 3 mesi fa

    Ieri non è che abbiamo giocato male, abbiamo fatto schifo (almeno per larghi tratti), che è una cosa diversa. La marcatura su Palacio è stata sbagliata. La formazione è stata sbagliata. I cambi sono stati tardivi. La condizione fisica di qualcuno è stata insufficiente. L’assenza tattica di un piano B (già palesatasi col Parma e in altre occasioni) è stata riconfermata. Il gioco è quasi esclusivamente “laterale”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. patricio.hernandez - 3 mesi fa

    quando vinci non convinci quando perdi sei un disastro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. miele - 3 mesi fa

    Non mi pare che sia solo questione di una partita completamente sbagliata. Pur facendo più punti che in passato, il Toro non ha mai dato la sensazione di poter controllare le partite con organizzazione di gioco, sicurezza nei propri mezzi e valori individuali. Forse solo contro l’Atalanta ci si è avvicinati a questo standard, mentre in troppe altre solo il risultato è stato l’aspetto positivo. Non si possono dimenticare le recenti prestazioni contro le ultime della classifica, condite da sofferenze, brutto gioco ed un po’ di buona sorte. Per poter lottare credibilmente per un posto in EL, ci vorrebbe molto di più, evitando di esaltare giocatori, forse anche validi, ma che devono ancora dimostrare di essere ciò che è già stata frettolosamente acquisita come eccellenza. Per quanto riguarda l’allenatore, sarà anche pragmatico, ottimo professionista, ma nel calcio contemporaneo mi pare un tantino inadeguato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. CHC Bull - 3 mesi fa

    Chi ha praticato sport di squadra sa bene che ci sono gare in cui si entra in campo per spaccare il Mondo e poi le cose non vanno minimamente per come ci si era immaginato. A volte tutto gira storto per quanto puoi aver preparato bene la partita e se dall’altra parte hai un avversario in giornata di grazia può finire che raccogli 5 volte il pallone in fondo alla tua rete. E così le squadre più forti possono sembrare pippe e le pippe dei marziani. Ma è solo apparenza. Io non posso sentenziare sulla base di una serata storta. Pertanto di ieri sera tengo per buono il rammarico per non aver agganciato la Roma al quinto posto a metà girone di ritorno (quando mai l’avrei sperato) e le cinque tifose perfettamente sciarpate (come massima essenza dell’essere Granata) inquadrate sul 1 a 2 che cantavano, incitavano, ridevano e ondeggiavano invece di inveire contro i giocatori. Straordinariamente belle. Questo è per me il TORO aggi, una squadra che nel 2019 mi ha regalato tanti momenti di gioia e pochissimi di delusione: una squadra forte (non ancora fortissima) che in quanto tale ogni tanto stecca come fanno le grandi e non una piccola squadra che ogni tanto fa la partita dell’anno come il Bologna.
    Forza TORO sempre e comunque e anche se perdi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bilancio - 3 mesi fa

      Condivido tutte le immagini che hai voluto trasmettere a parole, ma permettimi di dirti che la squadretta che ieri sera abbiamo affrontato era messa bene in campo, ma soprattutto aveva la mentalita giusta (una squadra che prima del cambio di allenatore stava andando in fondo come un filo di piombo). So che e’ difficile ammetterlo, so che molti qui vorrebbero che si tornasse indietro e si cambiasse il passato e si potesse dargli del Serbo (che non e’ un offesa, ma un popolo fiero, dello zingaro come facevano quei cerebrolesi allo stadium, del somaro o dell asino ecc.
      Ieri sera si sono opposte due visioni di calcio:
      Quella che va ad aggredire gli spazi, che vuole vincere ed interpreta il calcio come un gioco dove vince il migliore, non il piu ricco, senza complessi di inferiorita.
      E quella di chi aspetta, difende ed attacca in ripartenza. Ripeto: NON e’ una critica a quest ultimo modo di giocare, ma difenderlo a spada tratta, sminuendo, denigrando sputando (NON MI STO RIFERENDO A TE) sopra un onesto professionista che ha avuto il torto di cercare di RISVEGLIARE una piazza morta di sonno…come ho letto in questi 16 mesi….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. CHC Bull - 3 mesi fa

        A parer mio, quello che i è visto ieri sera è un TORO che voleva strafare, anche alienato dagli ultimi risultati, e che ha dimenticato l’unico vero insegnamento di Mazzarri: vince chi subisce meno reti. Si è invece provato a giocare all’arrembaggio, probabilmente al di là di ogni preparativo, finendo sul terreno che meglio si adatta al gioco di Mihajlovic (per cui provo simpatia e auguro ogni fortuna anche professionale), e l’abbiamo pagata cara. Mazzarri per quanto possa non piacere è allenatore di livello da lunga data e sa quanto è importante la fase difensiva. Proprio per questo parlavo di serata clamorosamente storta di tutti perché ho rivisto fare gli stessi errori che si contestavano a suo tempo proprio a Mihajlovic. Una lezione dura da digerire ma importante per la maturazione della squadra.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ddavide69 - 3 mesi fa

      La giornata storta contro il Bologna cu sta, ma a una squadra di serie b non puoi prendere cinque gol, gli alibi stanno a zero. Chi ha praticato sport lo sa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Torello di Romagna - 3 mesi fa

    Ultimamente i risultati hanno illuso parecchi ….. sono mesi che la maggior parte di noi evidenzia le lacune di questa squadra-allenatore (mancanza di gioco propositivo e padronanza della partita , assenza di giocatori di fantasia che inventino giocate , imbecchino le punte , siano decisivi sui calci piazzati ….) soffriamo con chiunque prime in classifica e ultime ( con Udinese , Chievo , Frosinone ) in piu’ vengono schierati giocatori senza “garra” e senza lucidita’ (Meite sono tre partite che passeggia …. Baselli va semprea quel ritmo ) o fuori ruolo (Iago e’ un esterno … lo sanno anche I cechi) .
    Ci ha aperto gli occhi Sinisa venendo a giocare a calcio con I ns scarti e meritando brutalmente la vittoria …..
    O facciamo questa benedetta svolta (nel gioco e nell’atteggiamento soprattutto) oppure consoliamoci con l’ ennesimo piazzamento da centro classifica .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Simone - 3 mesi fa

    Se invece di fare 9p ne fai 6 il giudizio cambia ECCOME.
    È come ha scuola, x essere promossi bisognava fare 9p e non li si è fatti.
    Il fatto che sia il miglior Toro dell’era dei 3p non può incidere sul giudizio negativo di ieri.
    Wm l’ha cannata in tutto e devo dire che anche i giocatori ci hanno messo del loro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 3 mesi fa

      *È scappata un H in più

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Toro 8 Scudetti - 3 mesi fa

    Brutta sconfitta in chiave EL, anche xché ora vai a Firenze campo in cui sono anni e anni che non si vince.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. 1947 - 3 mesi fa

    Caro Sartori, purtroppo il gioco del Toro è, tranne rarissime eccezioni, quello visto ieri sera.E non è questione di ”una” partita storta. Riveda il nostro cammino e poi ci dica quante ne abbiamo sbagliate.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. Granat....iere di Sardegna - 3 mesi fa

    Direi che c è anche un’altra cosa da non dimenticare. Le settimane di lodi sperticate al mister sarebbe meglio farle a fine campionato. I record parziali interessano la statistica ma a volte non bastano per la classifica. Infine ci si dimentica una cosa fondamentale: Mazzarri non sta facendo nulla di eccezionale ma solo ciò che ha giustificato il suo ingaggio monstre e una campagna acquisti molto dispendiosa. Sta cioè cercando di portarci in Europa ed è oggettivamente ancora in grado di farlo. Avrebbe fatto qualcosa di eccezionale se la qualificazione fosse già un dato acquisito a questo punto della stagione o se fosse in lotta con una squadra come quella della scorsa stagione. Allo stato attuale sta facendo solo il suo lavoro e almeno adesso la smetterete di fare paragoni con Sinisa per dimostrare che Mazzarri è migliore. Pensiamo a noi che basta e avanza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bilancio - 3 mesi fa

      Concordo 100%

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. granata - 3 mesi fa

    A fine gara Mazzarri ha detto 2 verita:: 1) c’era molto entusiasmo ed era difficile giocare al ribasso (cioe’come si fa di solito). 2)anche con Chievo e Frosinone abbiamo sofferto. E cosi’chi sostiene senza se e senza ma questo allenatore e’servito. Il Toro, come sottolinea anche questo articolo, fa molta fatica sul piano del gioco e io aggiungo non sa mettere le punte in condizione di segnare se non troppo raramente. Lo si e’visto, come ammette lo stesso Mazzarri, anche con Chievo e frosinone. E un limite di questo allenatore, che, se non puo’ far giocare la squadra “al ribasso”, non sa che pesci pigliare. Ieri il Bologna ci ha dato una lezione di calcio coraggioso, rapido, palla bassa e non i nostri insopportabili campanili su cui Belotti deve fare il fenomeno per arpionare la palla. Le due punte giocano quasi sempre spalle alla porta e si pestano i piedi. Senza un trequartista vero (complimenti a Soriano che da noi sembrava un pesce fuor d’acqua e forse non per colpa sua) e senza un Iago fisso sulla fascia a fare il cosiddetto tornante creiamo poco. Ma per Mazzarri proporre gioco e’ troppo azzardato e la squadra non e’abituata a farlo. Il suo gioco e’solo quello sparagnino finora fatto, anche col Chievo e col frosinone. Comunque il campionato e’ molto modesto (esclusi Napoli e Juve) e noi siamo ancora li’.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bilancio - 3 mesi fa

      COMPLIMENTI. Hai detto tutto e mi hai risparmiato le parole.
      WM e’ questo. Prendere o Lasciare.
      NON e’ una critica. E’ il suo modo di vedere il calcio.
      Va rispettato. Ma spero di rivedere un altro gioco negli anni futuri.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. Il_Principe_della_Zolla - 3 mesi fa

    “Dunque se vengono meno l’intensità, l’organizzazione, la concentrazione, questa squadra rischia di perdere con tutti.”
    Eccezion fatta per l’organizzazione, che non vedo così presente, sono d’accordo.
    Intensità e concentrazione sono le uniche armi di questo Torino FC. Ditemi voi se con soli questi ingredienti si può parlare di squadra che ambisce a qualcosa. Infatti siamo fuori da tutti i giochi.
    Proprietà commutativa del Torino FC: cambiando l’ordine degli addendi il risultato non cambia. Devono cambiare gli addendi, e finché restano tali, tali saranno i nostri campionati.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. alrom4_8385196 - 3 mesi fa

    I troppi elogi arrivati durante la settimana ed il gol ad inizio gara hanno convinto i giocatori che fosse sufficiente scendere in campo ed i 3 punti erano già in saccoccia. Sicuramente Mazzarri ha pure lui le sue colpe avendo schierato alcuni che sono inguardabili da tempo ma è l’atteggiamento generale che è stato molto deludente. Aggiungiamo poi che Sirigu non ha fatto i suoi soliti 2 o 3 miracoli ed ecco servita la frittata . I limiti di parecchi dei nostri li conosciamo e se manca l’impegno costante questi sono i risultati. Credo comunque che in E.L. ci arriveremo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. Maroso - 3 mesi fa

    Che brutto risveglio….. Ieri sera e questa mattina. Non mi addentro in disamine tecniche di una partita che si è svolta esattamente al contrario di quello che avrebbe dovuto. Nel primo tempo francamente non ho capito errori e atteggiamento. Non ho capito come si è fatto a prendere il terzo goal due volte in pochi secondi. Ma lasciamo perdere, non me la sento di criticare una serata in cui nulla è andato per il verso giusto.
    Ora punto e a capo, nulla è compromesso, siamo ancorà li. Vediamo se riusciremo a reagire. Questo fa una grande squadra di amici: non si abbatte e reagisce. Questo è ciò che si aspetta il magnifico pubblico di ieri sera.
    Forza Toro niente è perduto!
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. lello - 3 mesi fa

      Condivido in pieno.
      Aggiungo che non serve a nulla prendersela con singoli giocatori.
      Ragazzi come Meite o Baselli e tutti gli altri vanno sempre incitati.
      Gli insulti che leggo in questo blog, che seguono dopo ogni partita persa o non giocata bene, fanno male ai giocatori , tolgono stimoli e attaccamento alla maglia.
      Se siamo il Toro, se vogliamo bene alla squadra e alla nostra storia serve sempre e solo incitare,far sentire la nostra vicinanza ai ragazzi, perchè anche se di professionisti si tratta,sono persone (tanti sono ragazzi)
      Questo blog, come tanti altri, usati senza tenere conto dell’aspetto umano, può essere controproducente.
      (vorrei che chi scrive lo facesse pensando di non essere dietro ad un computer o smartphone, ma di fronte alla persona di cui stanno parlando o insultando).
      Rimaniamo uniti, forza ragazzi, forza Toro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. Garnet Bull - 3 mesi fa

    Mazzarri ha poche colpe a mio avviso, il primo ed il terzo gol, sono completamente uguali, errori individuali stupidi ed evitabili

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vanni (CAIROVATTENE) - 3 mesi fa

      Se molla il culo succede.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy