Dall’inizio o a gara in corso: Toro, a Firenze serve il miglior Falque

Dall’inizio o a gara in corso: Toro, a Firenze serve il miglior Falque

Focus on / Lo spagnolo dovrà tornare sui livelli della scorsa stagione per trascinare il Toro in questo finale di stagione

di Alberto Giulini, @albigiulini
iago falque in azione con il torino

Lasciata alle spalle la sconfitta con il Bologna ed archiviata la sosta del campionato, il Toro è ora chiamato a riprendere la propria corsa ad un piazzamento europeo. L’occasione per farlo si chiama Fiorentina, in uno scontro diretto con una Viola che si gioca le ultimissime possibilità di rientrare nella corsa all’Europa attraverso il campionato.

ELEMENTO CHIAVE – Per ottenere un risultato importante al Franchi, dove Mazzarri dovrà fare a meno degli squalificati Nkoulou ed Aina, il Toro avrà bisogno dell’apporto dei suoi elementi chiave. In particolare, dopo le ultime prestazioni in chiaroscuro, Iago Falque dovrà riprendere per mano la squadra, svolgendo quel ruolo di collante tra centrocampo ed attacco che è mancato troppe volte in questa stagione. Che sia dal primo minuto, probabile, o a gara in corso, lo spagnolo dovrà tornare sui livelli delle scorse stagioni per contribuire da protagonista alla corsa all’Europa.

Fiorentina-Torino: Viola a trazione anteriore, ma la partita si deciderà a centrocampo

PROBLEMI FISICI – Nelle ultime due stagioni, Iago Falque ha fatto registrare infatti numeri da grandissimo giocatore. Ventisei gol e diciotto assist in due anni per lo spagnolo, che in granata ha trovato la definitiva consacrazione dopo l’esplosione al Genoa e la stagione sfortunata alla Roma. In questa campionato, invece, l’esterno è fermo a quattro gol e cinque assist in ventidue presenze. A complicare le cose, oltre ad una posizione più centrale in campo rispetto agli ultimi due anni, hanno contribuito soprattutto alcuni problemi fisici. Più volte, infatti, lo spagnolo si è dovuto fermare per alcune noie muscolari. Ed ora, ristabilitosi, Iago Falque dovrà riprendersi sulle spalle il Toro per la corsa all’Europa, a partire da Firenze.

 

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. granata - 5 mesi fa

    E’ mia opinione che il cosiddetto rendimento “altalenante” di Iago Falque, l’ elemento di maggior tecnica della nostra “rosa”, sia dovuto a un’ errato utilizzo da parte di Mazzarri, che troppe volte l’ ha tolto dalla fascia destra (dove dà il meglio) e messo in mezzo al campo. Ci ricordiamo tutti le belle prestazioni di Iago quando giocava da esterno e dialogava con Ljajic. Il nodo di questa squadra resta la manovra offensiva per la quale Mazzarri non ha trovato la quadra. Per questo dico da tempo che dovrebbe utilizzare tutti insieme Belotti-Zaza-Iago Falque, quest’ ultimo con compiti che una volta si definivano da “tornante”. Bisognerebbe sacrificare uno fra Meitè e Baselli (anche lui “altalenante” perchè gli si chiede di fare l’ incontrista e non ne ha il fisico). Certo si tratta di cambiare un modulo a cui Mazzarri sembra particolarmente affezionato (al limite della testardaggine). Che la coppia Belotti-Zaza possa essere utile (il secondo non è un campione, ma l’ unica vera spalla a nostra disposizione per il Gallo) l’ hanno dimostrato i fatti: in tre partite hanno segnato quattro gol in due.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy