Empoli-Torino 4-1: Mazzarri perde su tutta la linea. Andreazzoli trionfa

Empoli-Torino 4-1: Mazzarri perde su tutta la linea. Andreazzoli trionfa

Testa a Testa / Il tecnico granata sbilancia la squadra, e l’allenatore dell’Empoli elude il primo pressing e schiaccia il Toro in contropiede

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Il Torino è uscito dal match contro l’Empoli al Castellani con le ossa rotte. Il sogno granata di finire in Europa League è pressoché sfumato, con una prestazione che ha premiato senza dubbio gli azzurri. Andando ad analizzare le prestazioni dei due allenatori, si può evidenziare che il tecnico dei toscani sia riuscito a mettere in piedi la partita perfetta per schiacciare i granata e portare a casa quei tre punti che lasciano l’Empoli aggrappato alla Serie A. Mazzarri, invece, ha commesso degli errori.

Empoli v Torino FC - Serie A

ATTACCO – L’allenatore del Toro ha valutato in maniera errata alcune situazioni. Partendo dal principio, Mazzarri ha deciso di schierare dal primo minuto Alex Berenguer, tenendo in panchina Iago Falque che, nel momento in cui è entrato in campo, ha subito segnato realizzando un gol molto bello. Il tecnico avrebbe potuto premiare lo spagnolo fin dal primo minuto e la gara poteva andare in altri modi. In più, come lo stesso allenatore ha dichiarato, la sua squadra è risultata troppo sbilanciata e votata all’attacco: Izzo giocava altissimo, il centrocampo era pressoché un attacco aggiunto. Per di più gli ingressi di Falque e Zaza hanno dato un peso ancora più offensivo alla manovra. Col senno di poi, la scelta di Meité in campo poteva essere cambiata con la partenza dal primo minuto di un Sasa Lukic che fino ad oggi aveva mostrato buone cose e che contro l’Empoli sarebbe servito molto fin da subito.

Falque entra, segna e aumenta i rimpianti del Toro: la sua annata storta ha inciso

PRESSING – Poi, però, c’è anche da premiare il lavoro svolto da Aurelio Andreazzoli, che ha costruito la partita in maniera pressoché impeccabile. La strategia del tecnico azzurro è stata indirizzata sul pressing: la squadra toscana ha sopportato la pressione asfissiante del Torino fin dal primissimo minuto, riuscendo in diverse occasioni ad eludere il pressing e a ripartire con un contropiede veloce grazie alle giocate di Traoré e Farias per vie centrali, Di Lorenzo e Pajac sulle fasce, che hanno permesso agli azzurri di volare verso la porta avversaria.

16 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. sarino - 4 settimane fa

    Mister grazie mille per il traguardo raggiunto. Mi scusi il girone d’andata e con le piccole abbiam fatto cilecca. Vabbè adesso si rilassi si faccia una scorpacciata di scopate e poi si aggiorni a Coverciano azzecchi gli acquisti e le cassioni faccia una preparazione atletica ad hochoc li faccia crescere in autostima e si riparte belli carchi con obiettivi dichiarati e non nascosti. In bocca al lupo e F v c G

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Madama_granata - 4 settimane fa

    La persona del Toro che io ho spesso criticato è Mazzarri. Non ho mai apprezzato la “panchina corta”, né il sacrificio di tanti nostri giovani del vivaio non per grandi giocatori (quali Nkoulou, Rincon, Ansaldi, Falque), ma per mezze figure straniere, giovani e sconosciute, poi rivelatesi non migliori dei nostri ragazzi.
    Detto ciò, però, non trovo giusto criticare Mazzarri in questo momento.
    Se avesse affrontato la partita contro l’Empoli mirando al solito pareggio, o sperando nell’1-0 “da rapina” lo avremmo tutti “sbranato”.
    Volevamo i 3 punti, e volevamo giocare al massimo.
    Così è stato fatto: pareggiati i conti, nel momento del maggior forcing granata, loro sono riusciti a risegnare per primi.
    Ci siamo scoperti x cercare di riagguantare il pari, ed ecco un altro gol in contropiede. La squadra a questo punto è entrata in confusione,si è disunita, sono saltati tutti gli schemi, ed è stata una débâcle.
    È successo a quasi tutte le grandi, ed è capitato anche a noi.
    Il discorso dell’articolo non regge. Berenguer era stato sperticatamente lodato da tifosi e giornalisti: poteva mai sapere Mazzarri che la sua prestazione, proprio contro l’Empoli, sarebbe stata opaca, ed ottima quella di Falque? Tra l’altro assente da mesi?
    Quali sarebbero state le reazioni dei tifosi a un Berenguer in panchina?
    Squadra sbilanciata in avanti: tutti ad attaccare.
    A parte che si fa per recuperare lo svantaggio, non era ciò che volevamo noi
    tifosi?
    Se fosse entrato il gol di Belotti, avrebbero rincorso loro e sarebbe stata una partita diversa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13722867 - 4 settimane fa

    hai ragione giaguaro stiamo dicendo la stessa cosa forse ho scritto mazzarri a parte xché l articolo riguardava lui ma io al suo posto dopo 20 minuti aina l avrei già cacciato a calci in culo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. MV - 4 settimane fa

    Esattamente, Ernesto Bronzelli, con quali di quelle società farebbe a cambio, tolte le 6 big? Con Udinese? Parma? Genoa o Doria? Sassuolo? Il Livorno? Forse il Palermo? Non dico con quale farebbe a cambio quest’anno. Parlo proprio di prospettive di crescita societaria e di squadra. L’unica situazione che si può ragionevolmente invidiare è quella dell’Atalanta: grandi risultati della prima squadra, bel vivaio, stadio di proprietà. Ma anche lì, lasciando stare che loro non devono confrontarsi con la nostra controparte cittadina, voglio vedere quando va via Gasperini: torneranno dove erano prima che arrivasse.
    Quindi, in conclusione, che senso ha quel confronto, se non mostrare quanto siamo cresciuti negli ultimi anni rispetto alle società che una volta prendevamo a modello?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-13722867 - 4 settimane fa

    mazzarri a parte sono scesi in campo giocatori senza grinta senza rispetto x quei 2000 tifosi presenti c é modo e modo di perdere e allora visto che il loro contratto di lavoro prevede anche di giocare e cercare di vincere partite impegnandosi fino alla fine ,avrei voluto vedere solo un Po di sudore in più ….allora il Frosinone non avrebbe nemmeno andare a San Siro se la mettiamo sulla motivazione e invece ha fatto più bella figura di noi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giaguaro 66 - 4 settimane fa

      Mazzarri a parte una sega; lui è il primo responsabile se i “giocatori” sono scesi in campo molli! Ma stiamo parlando di persone che di professione fanno i calciatori e sono strapagati, e l’allenatore per prepararli e dirgli come devono giocare prende 2 Milioni di Euro netti all’anno!!! Ma chi di noi, dei 2mila tifosi presenti a Empoli, ha mai visto 2 M€ netti all’anno??

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. suoladicane - 4 settimane fa

    ovviamente anche un allenatore un po’ più moderno aiuterebbe……..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. suoladicane - 4 settimane fa

    E VERO QUELLO CHE DICE CARLO ED ANCHE QUELLO CHE DICE LIGHTYEAR

    nel calcio di oggi o investi o programmi
    fino ad oggi il pres ha fatto plusvalenze, vediamo se si deciderà finalmente ad investire davvero, non prendendo i di michele ed i barone……….
    SFT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Bischero - 4 settimane fa

    Ma gaute la nata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. lightyear - 4 settimane fa

    Riporto pari pari un commento di un tifoso granata, Ernesto Bronzelli, che sottoscrivo in pieno: “negli anni 90 c’erano i “tifosi da bollino”, che erano quelli che, secondo alcuni, mettevano il bollino sulla targa della macchina senza mai andare allo stadio.
    Oggi, sempre secondo alcuni disagiati, ci sono i “tifosi da tastiera”….
    La verità è che questo tipo di distinzioni le fa chi vuole sentirsi in qualche modo migliore di altri…il che solitamente è sintomo di insicurezza e di debolezza.
    Volete sentirvi tifosi migliori? Fatelo pure, ma fidatevi: non lo siete
    Siete tanti tapini che credono di contare qualcosa in un mondo del calcio dove siete unicamente vacche da mungere, consumatori finali di un prodotto scadente e spesso taroccato.
    Vi illudete di essere ciò che non siete, non paghi rincarate la dose accusando gli altri di essere in qualche modo non alla vostra altezza.
    Questo campionato è finito col Toro fuori da tutto, ancora una volta, l’ennesima.
    È il campionato migliore degli ultimi 25 anni?
    Certo che lo è, e siamo settimi…fuori da tutto.
    Negli ultimi 25 anni ben 16 squadre hanno fatto meglio di noi, arrivando seste almeno una volta in campionato:
    Juve
    Milan
    Inter
    Roma
    Lazio
    Napoli
    Fiorentina
    Sampdoria
    Genoa
    Livorno
    Chievo
    Udinese
    Sassuolo
    Atalanta
    Palermo
    Parma
    Il mondo ci è arrivato davanti….il mondo intero…
    E state ancora lì a menarla con gli arbitri, la Juve, il var, i torti e la maremma maiala assassina….facendo le liste di proscrizione sui tifosi…
    A me non interessa andare in Europa così, anzi un pochino mi mette rabbia.
    Non riuscire MAI a conquistare un obiettivo sul campo, è un qualcosa di moralmente avvilente.”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giancarlo - 4 settimane fa

      In parte è vero. Ma solo in parte. Il tuo elenco: dalla Fiorentina (compresa) in giù vediamo squadre che praticamente hanno ballato una sola estate: Noi abbiamo dato, duramente, con anni trascorsi in serie B ed altri a tentare di salvarci. Ora, forse, qualcosa sta cambiando e spero si arrivi ad un consolidamento del Torino nella parte alta della classifica. A me l’Europa, fine a se stessa non interessa. Dobbiamo tendere ad avere una Società, intesa nel suo complesso più ampio, in grado di raggiungere e mantenere certi livelli. Andare un anno in Europa League o in Champions (vedi Sampdoria) per poi ricadere in B, non ha senso. Ognuna delle squadre “sotto la riga” ha una storia tragica (ultima il Palermo, ma, tra le “grandi” anche la Fiorentina o l’Udinese e tante altre). Mentre molte di quelle “sopra la riga” non se la passano affatto bene, nonostante cinesi, americani e avventurieri vari.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Policano - 4 settimane fa

      C’è anche il tifoso granata che compra l’auto Fiat… Quello è il. Peggio di tutti!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Marchese del Grillo - 4 settimane fa

        Hanno interessi economici e finanziari in talmente tante di quelle cose che se volessi evitare in qualche modo di dargli denari resteresti in mutande e a lume di candela. C’era una volta la Fiat, oggi sono imperi economici con 10000 ramificazioni.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Policano - 4 settimane fa

          Boicottali

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Granata - 4 settimane fa

          Sono esattamente 672 le compartecipazioni, a vario livello e con varie società, della famiglia.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Policano - 4 settimane fa

        Se uno odia gli ovini, i loro simboli, le loro sovvenzioni i ricatti che fanno…

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy