Genoa, con Sturaro e Bertolacci è un centrocampo di qualità e sostanza

Genoa, con Sturaro e Bertolacci è un centrocampo di qualità e sostanza

Verso Torino-Genoa / I due italiani sono il motore e il cervello della mediana rossoblu, ma attenzione al venezuelano Rincon    

di Nicolò Minella

A 2 giorni dal fischio d’inizio della difficile sfida del Toro contro il Genoa, proviamo ad analizzare la mediana rossoblu.

UNA MEDIANA A TINTE AZZURRE- Tra gli interpreti del centrocampo genoano, spicca la presenza di un giocatore destinato a diventare un protagonista della Nazionale del futuro: Stefano Sturaro. Il classe ‘93 è un giocatore molto abile in fase d’interdizione e dotato di una più che discreta fenicia di base. Autentico leader carismatico del centrocampo gasperiniano, Sturaro giocherà al fianco del suo connazionale Bertolacci, altro giocatore finito nel radar del CT Antonio Conte. L’ex Lecce sta vivendo una grande stagione e, oltre ad aver mostrato degli evidenti progressi in fase d’impostazione, è molto temibile negli inserimenti e nei tiri dalla distanza. Il terzo interprete che probabilmente andrà a completare la linea dei 3 centrocampisti sarà il venezuelano Rincon

DA VALUTARE KUCKA, IPOTESI GRECO- Fortemente in dubbio, invece, la presenza di Kucka che negli ultimi giorni ha seguito un programma di lavoro differenziato. Non è da escludere, infine, un possibile impiego dal primo minuto dell’ex Roma e Livorno Greco, impegnato l’ultima volta nel match interno del Griffone contro il Palermo del 24 novembre scorso.

In ultima analisi, è lecito affermare come la mediana rossoblu sia un reparto ricco di pedine in grado di garantire temperamento, equilibrio e fantasia: un vero e proprio mix di ingredienti che, al pari di una buona solidità difensiva e la presenza di attaccanti di tutto rispetto quali Perotti, Iago, Matri e Pinilla, sta permettendo al Genoa di vivere una stagione sinora indimenticabile.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy