I numeri di Debrecen-Torino 1-4: i granata sono stati più cinici

I numeri di Debrecen-Torino 1-4: i granata sono stati più cinici

Statistiche / Osservando i dati post partita si può notare di come, a differenza della gara di andata, gli ungheresi sono stati più pericolosi

di Luca Sardo

Il Torino di Walter Mazzarri si qualifica al terzo turno del preliminare di Europa League confermando ancor di più il risultato della gara di andata: i granata infatti hanno battuto 4-1 il Debrecen in terra ungherese grazie alle reti di Zaza, Izzo, Belotti e il giovane Millico. A differenza della gara di andata però gli ungheresi si sono resi più pericolosi impensierendo più volte Salvatore Sirigu, costringendolo un paio di volte a compiere un miracolo.

Difensivista a chi? Così è cominciata la rivoluzione offensiva di Mazzarri

TIRI – Partiamo analizzando i dati dei tiri fatti dalle due squadre. A differenza dell’andata al Moccagatta, in cui il Torino aveva terminato la partita con 20 tiri contro i 4 degli ungheresi, il Debrecen ha mostrato qualcosa in più in fase offensiva. La squadra di Herczeg infatti ha concluso la partita con 13 tiri (di cui 4 nello specchio della porta), contro i 14 dei ragazzi di Mazzarri (6 in porta). Il Torino è stato più cinico del Debrecen, considerando che il match è terminato 4-1 a favore della squadra piemontese. C’è anche da dire che i granata hanno terminato il match con un solo gol subito anche grazie a Salvatore Sirigu che, in due occasioni, ha compiuto due prodezze che hanno evitato una possibile rimonta degli ungheresi.

FALLI – Molto alto è stato il numero di falli commessi da entrambe le squadre: 19 per il Debrecen e 18 per il Torino. Questo sta a significare che è stata una partita molto fisica, interrotta più volte dal fischio dell’arbitro Jovic. Relativamente basso il numero di cartellini: solo quattro i gialli (due per parte) estratti dal fischietto croato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy