Il punto sull’arbitro

di Carlo Quaranta

 

Partita spigolosa ma ben amministrata da Dino Tommasi, sempre vicino all’azione, talvolta un po’ permissivo, a tratti irritante nei confronti dei giocatori coi quali cerca…

di Redazione Toro News

di Carlo Quaranta

 

Partita spigolosa ma ben amministrata da Dino Tommasi, sempre vicino all’azione, talvolta un po’ permissivo, a tratti irritante nei confronti dei giocatori coi quali cerca però il dialogo. L’arbitro friulano si conferma indigesto per la squadra di Lerda dal momento che sotto la sua direzione in questa stagione ha ottenuto appena un punto (in casa col Crotone) in tre partite (sconfitto contro Atalanta ed appunto Varese). Niente di eclatante da segnalare durante il match, se non qualche dubbio per falli in mezzo al campo. Al 7’ un piccolo sussulto nei cuori granata: un tiro di Garofalo apparentemente innocuo viene bloccato in due tempi da Zappino dopo che il pallone rimbalza sulla linea (ma non la varca). Poi è attento e puntuale fino al 34’ allorquando De Feudis commette fallo di ostruzione su Carrozza, Tommasi non lo segnala ed un attimo dopo Zecchin interviene con una trattenuta su Pratali: ammonito, tra le proteste, il lombardo. Nei minuti di recupero del primo tempo, poi, il direttore di gara deve intervenire ammonendo Ebagua ed Ogbonna per reciproche scorrettezze. Al 50’ non concesso un corner a Lazarevic. Tre minuti dopo De Vezze scalcia Neto Pereira a centrocampo e viene giustamente ammonito. Al 64’ un nervoso D’Ambrosio entra a gamba tesa su Carrozza: anche in questo caso giusto il giallo per gioco pericoloso. Nonostante la decisione appropriata dell’arbitro, però, all’allenatore Sannino saltano i nervi e Tommasi lo allontana dalla panchina espellendolo per proteste. Al 67’ azione concitata in area del Varese con D’Ambrosio che si trova a due passi dalla porta ma tocca probabilmente col braccio e l’arbitro concede la punizione ai padroni di casa. A questo punto della partita i granata sono tutti nervosi e il capitano Bianchi rischia il cartellino per continue proteste avverso le decisioni arbitrali che lo penalizzano sistematicamente. All’82’ seconda entrata scorretta di De Vezze (non quanto la prima però) e secondo giallo per lui con conseguente espulsione. Nel finale, sebbene il risultato fosse abbondantemente acquisito, sono comunque troppo tollerate le sceneggiate e le continue perdite di tempo dei lombardi e qui forse la terna avrebbe potuto essere più intransigente. A conti fatti, Tommasi si conferma così arbitro propenso al cartellino e poco fortunato per i granata.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy