Il Toro verso la ripresa: Bremer, ora serve continuità. E anche qualche altro gol

Il Toro verso la ripresa: Bremer, ora serve continuità. E anche qualche altro gol

Focus On / Il difensore brasiliano duellerà con Lyanco per un posto da titolare nella difesa a tre granata

di Luca Sardo

Il trend della curva epidemiologica del Covid-19 continua ad essere positivo. Come stabilito dalle istituzioni del calcio e dal Governo, ci si avvia verso la ripresa del campionato. Il Torino è chiamato a lottare per la salvezza nelle ultime partite che rimangono. Dopo la quarantena forzata, i giocatori gradualmente hanno cominciato ad allenarsi, prima individualmente e poi in gruppo. Andiamo ad analizzare la situazione per i singoli componenti della rosa granata. Oggi è il turno di Bremer.


Per Gleison Bremer è arrivato il tempo di dimostrare una definitiva maturazione. In queste 13 partite che rimangono prima della conclusione di questo lungo campionato, il difensore brasiliano avrà l’opportunità di far vedere le sue capacità, che quest’anno sono emerse, ad esempio nel match di Coppa Italia contro il Milan a San Siro in cui è stato autore di una doppietta, ma solo a corrente alternata. Fondamentale è stato anche il suo gol a Marassi contro il Genoa che ha permesso ai granata – ancora allenati da Walter Mazzarri – di portare a casa tre punti importantissimi contro una diretta concorrente per la salvezza.

Il Toro verso la ripresa: dal riscatto di Nkoulou passa un pezzo di salvezza

GERARCHIE – Salvo sorprese, andrà in scena un duello tutto brasiliano per il posto da titolare sulla sinistra della difesa a tre di Longo. Considerando come titolari Izzo e Nkoulou, per il terzo posto sarà concorrenza tra Bremer e Lyanco (con Djidji staccato). Nelle gerarchie di Longo, il secondo pare essere ad ora leggermente favorito; ma complice il calendario molto compresso, ci sarà spazio per tutti e anche Bremer avrà certamente le sue possibilità.

Il Toro verso la ripresa: Aina, Longo vuole un altro approccio mentale

RISCATTO – Il numero elevato di partite dopo la ripresa è molto elevato (13 in 44 giorni, in media un match ogni 3 giorni circa): Longo avrà bisogno dell’aiuto di tutti. Bremer dovrà essere bravo a sfruttare ogni opportunità che gli sarà concessa. Fondamentale sarà la continuità: al Toro serve il difensore imperioso e con il vizio del gol visto in alcune occasioni (viene in mente la partita contro la Fiorentina) e non quello balbuziente che tende a commettere gravi ingenuità (vedi le espulsioni contro Parma e Spal). Consapevole del fatto che  probabilmente i titolari della difesa a tre di Longo saranno in partenza Izzo, Nkoulou e Lyanco, Bremer – a suon di buone prestazioni – dovrà mettersi d’impegno per far cambiare idea al tecnico granata.

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Gallochecanta - 3 mesi fa

    Non mi ricordavo neanche che esistesse.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-14239294 - 3 mesi fa

    Tranquilli adesso Cairo dopo aver preso Vagnati Cottafava adesso ci prenderà Oronzo Cana’ e Aristoteles. Così la banda Mescal e al completo. La banda Mescal e quella film Trinità x chi nn lo sapesse.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maxx72 - 3 mesi fa

      Grazie per il chiarimento, ci voleva.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. pinco pallino - 3 mesi fa

    nkoulou izzo e zaza a cambio di Nainggolan, una figata
    Che giochi Millico al posto di zaza.
    Lyanco e Bremer al posto dell’uomo di merda e izzo
    Sarebbe bello rivedere Kamil Glik in granata
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bertu62 - 3 mesi fa

      Credo che all’Inter interessi solo Izzo, o meglio a Conte Nicolas N’Koulou non interessa…
      Dal’altra parte N’Koulou era “promesso sposo” alla Roma, portato da Petrachi, anche perché così Petrachi avrebbe dimostrato di “saperci fare”: ceduto Kostas Manolas al Napoli per 36Mio avrebbe preso N’Koulou da Cairo “per un tozzo di pane” dopo che avrebbe “fatto carte false” per essere ceduto, e invece…
      Invece non solo Petrachi non ha preso N’Koulou (p forse l’ha preso, ma è una questione “semantica”…) pur avendo ceduto il miglior centrale difensivo della Rosa, ma adesso anche a Roma hanno scoperto di che pasta è fatto, ed è ai saluti…
      La questione Naingoolan non è tanto il cartellino (in un “mercato di scambi” potrebbero anche andar via “alla pari” ma è l’ingaggio, che vale per Lui così come per quasi tutti quei calciatori “che passano” per le BIG del nostro campionato o che arrivano dall’estero…
      Tempo fa è uscito qui su TN un articolo dove si parlava di Martin Vasquez, dell’arrivo al Toro di un giocatore del Real Madrid NON a fine carriera, NON per “una pre-pensionamento tranquillo” ma per motivi legati agli stimoli ed alla voglia di dare ancora il proprio contributo attivo: ebbene ora come ore queste “operazioni” non sarebbero possibili proprio per via dell’ENORME DIVARIO che s’è venuto a creare fra INGAGGI MULTI-MILIONARI di club “dopati economicamente” e ingaggi “normali” di tutte le altre squadre…
      Una delle poche strade percorribili in Italia (ed anche all’Estero…) per quei club che hanno una gestione economica “normale” rimangono:
      A) scovare talenti “acerbi” che diventino FENOMENI
      B) prendere in prestito (oneroso molte volte) un ottimo giocatore da un club che non gli garantisce in quel momento un posto in squadra…
      Nel caso di Naingoolan il Toro farebbe ciò che ha fatto il Cagliari quest’anno perché se da una parte come valore di cartellini Izzo e il Ninja potrebbero equivalersi, dall’altra ci sarebbe un enorme divario a livello di ingaggio appunto (cosa che UN DOMANI pregiudicherebbe il ritorno di Izzo al Toro oppure in qualsiasi altro club “normale”, un po’ come per il caso di Glik dal Monaco….)…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. pinco pallino - 3 mesi fa

        Non so quanto prende izzo, pero ad inizio campionato ha rinnovato quindi…prende, più lo stipendio di zaza e quello dell’uomo di cacca,che prendono parecchio anche loro, con quei soldi li, son sicuro che uscirebbe anche il salario del Ninja.
        Una opinione personale.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. bertu62 - 3 mesi fa

          Certo, matematicamente è così, però…..Però come già detto parecchie volte, il calcio non è solo matematica, e ti faccio un esempio: seguendo il Tuo ragionamento allora si potrebbero avere solo 14/15 elementi “validi” e stra-pagarli invece di avere 23/24 giocatori di cui “alcuni” molto bravi e, anche per questo, pagati PIU’ degli altri, solo che fra infortuni/squalifiche si correrebbe il rischio di arrivare in alcuni casi ad avere solo 9/10 giocatori disponibili, per chissà quanti incontri, senza contare che, in questo caso, si aprirebbe UN CASO: Nainggolan prenderebbe l’ingaggio di Izzo+N’Koulou+Zaza, E BELOTTI ALLORA? E SIRIGU? Sarebbero CONTENTI secondo Te?
          Naaaaaaaaaaa, dammi retta, al limite si prende il Ninja SE l’Inter paga una parte di ingaggio, noi ci possiamo mettere “la quota” che era di Izzo, questo sì, cosa che il Cagliari non potrebbe fare, ed ecco perché sarebbe plausibile…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. pinco pallino - 3 mesi fa

            CI tengo a chiarirti che non sono io chi ti spollicia verso.Anzi faró il contrario.
            Ti confesso (tanto per parlare) che mi sarebbe piaciuto avere Giampiero Ventura come DS. QUello che ha portato al Toro, Gazzi, Glik, Belotti, Darmian, Cerci per citarne alcuni. Ha cappellato solo Barreto e quei passaggi indietro insopportabili.Adesso ho paura che SIrigu izzo, Belotti se ne andranno, perché anche loro potrebbero avere contratti più ricchi per i loro procuratori o giocare competizioni internazionali.Abbiamo visto che Cairo ha tirato i remi in barca, non abbiamo più uno zoccolo duro, cambierá di nuovo tutto e sará la stessa storia riciclata della …..terra promessa
            FVCG

            Mi piace Non mi piace
  4. Bacigalupo1967 - 3 mesi fa

    Come marcatore a 2 metri di distanza dall’avversario è il numero 1.
    Il ministro Speranza ringrazia per l’esempio!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. bertu62 - 3 mesi fa

    Mah…
    Continuare a dare la possibilità di giocare a Izzo e N’Koulou che, oltre ad avere le valigie in mano, hanno dimostrato di “non tenerci più” al Toro, e relegare a ruoli di “riserve” quelli che l’anno prossimo dovranno essere i titolari, non la vedo come una mossa furba…
    Però mi rendo conto che Longo si trova davanti ad un bivio: se rischia e lascia fuori i due “fenomeni” e per caso non dovesse andar bene allora APRITI CIELO! PROCESSO E CONDANNA ISTANTANEA! Viceversa se dovesse lasciarli titolare e per caso non dovesse andar bene lo stesso beh, il processo ci sarebbe uguale ma “con le attenuanti del caso”, giusto? Ci sarebbe comunque chi difenderebbe la scelta mentre nel primo caso tutti quanti gli darebbero addosso, un po’ come quando si leggeva ovunque, a Gennaio/Febbraio, FORTI delle prestazioni INDECENTI da parte della squadra, che sarebbe stato meglio “puntare e far giocare” i ragazzi della Primavera mentre adesso che sono in squadra beh, APRITI CIELO, E’ DA PAZZI!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. crew_389 - 3 mesi fa

    All’appello mancano un sacco di giocatori

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. maxx72 - 3 mesi fa

    I gol chiedeteli a quei fagnani di Izzo e Nkoulou.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy