Ljajic 7: al solito pecca d’incostanza, ma sa essere determinante

Ljajic 7: al solito pecca d’incostanza, ma sa essere determinante

Il Pagellone di Natale / Miglior stagione a livello di continuità, ma il serbo può ancora migliorare: quando in forma però è imprescindibile

di Federico Bosio, @fedebosio19

In cima alle richieste di Sinisa Mihajlovic per il suo nuovo Torino, ha rappresentato una delle trattative più calde dell’estate nonchè uno dei principali colpi della campagna acquisti granata in vista della stagione 2016/2017: dopo le altalenanti esperienze con le maglie di Roma ed Inter, Adem Ljajic si è trasferito al Torino a titolo definitivo per trovare finalmente la tanto agognata continuità con indosso una casacca con la quale tornare protagonista e trascinare i compagni. Insomma: non più ragazzo comprimario ma uomo al quale affidarsi nei momenti di difficoltà. Subito condizionato da un infortunio muscolare, il talento serbo è stato disponibile di fatto a partire dall’ottava giornata sul campo del Palermo.

L’obiettivo, a dire la verità, non è ancora stato completamente raggiunto poichè anche in questi primi mesi in maglia granata l’esterno ha confermato quanto dimostrato nell’arco di tutta la sua carriera: la potenzialità ci sono, il talento è sopraffino ed il serbo ha la possibilità di fare davvero la differenza con intuizioni geniali e giocate di gran classe, qual che manca è la costanza anche all’interno di una singola partita nella quale magari si alternano percussioni magistrali e grandi aperture a palloni giocati superficialmente o scarsa concretezza. Numeri alla mano, tuttavia, questa è fino a questo momento la miglior stagione di Ljajic per costanza: sono sette le reti totali in 16 presenze, condite da sei assist. Statistiche importanti per un giocatore che ha dimostrato di saper essere decisivo e che sembra aver intrapreso la giusta strada verso una completa e definitiva maturazione.

Una tendenza dimostrata anche dall’atteggiamento, insolito rispetto alle annate precedenti, di rientrare con una certa frequenza per aiutare i compagni in fase difensiva: non soltanto nel recupero palla, ma anche nella gestione della sfera per il fraseggio corto all’altezza della linea mediana e per offrire l’appoggio e conquistare all’occorrenza punizioni importanti. Questo Ljajic sembra davvero essere sulla via della maturazione, ed il giocatore ammirato per gran parte di questo girone d’andata è davvero imprescindibile per questo Torino, formazione nella quale ha ricevuto la possibilità di essere assoluto protagonista: i colpi da campione vero ci sono, l’obiettivo della seconda parte di stagione non può che essere quello di raggiungere – finalmente – il vero avversario di sempre, la definitiva continuità nelle prestazioni.

LJAJIC
Serie A Coppa Italia
Presenze 14 2
Gol 5 2
Cartellini gialli 2 0
Cartellini rossi 0 0
Minuti 1065 203
VOTO: 7
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy