Ljajic, voto 6.5: qualità e sregolatezza, tra lampi di genio ed esclusioni

Il pagellone / La sua stagione è divisa in tre parti: con Mihajlovic ottima partenza e poi un netto calo causato anche da motivi comportamentali, con Mazzarri prima di fatto quasi mai impiegato e poi determinante e continuo nel finale di stagione

di Redazione Toro News

Fine della stagione, tempo di bilanci: è il momento del tradizionale pagellone di fine anno. Giudicheremo l’annata di ogni giocatore del Torino tenendo conto del rendimento in campo, delle aspettative e del contesto intorno a lui. Per i lettori è sempre a disposizione lo spazio dei commenti per “giudicare” i nostri giudizi.


Per Ljajic questa avrebbe dovuto essere la stagione della consacrazione definitiva: il presidente Cairo e l’allenatore Mihajlovic l’avevano messo al centro del progetto convinti che insieme a Belotti e Iago avrebbe trascinato il Torino verso le zone nobili della classifica, ma così non è stato. Tuttavia la sua annata non è stata completamente negativa, anzi – con 6 gol in campionato e soprattutto ben 10 assist.

Luce e buio – La stagione di Ljajic è subito positiva: dopo appena due giornate ha già segnato due gol e il suo bottino è di tre gol e cinque assist dopo quindici giornate. L’obiettivo di Mihajlovic è subito chiaro, ovvero costruire un Torino vincente con Ljajic assoluto protagonista. Ma dopo un accesso diverbio con il suo allenatore contro la Lazio all’Olimpico viene clamorosamente spedito in tribuna: il tecnico perde la pazienza e dalla panchina punitiva passa alle maniere forti escludendolo dai convocati. Un segnale forte che l’allenatore ha voluto dare alla squadra in un momento difficile: tutti uguali e necessità di tornare a giocare bene e vincere; sappiamo tutti come è andata, ovvero che la decisione di Mihajlovic non ha pagato ed è stato esonerato lasciando il posto a Walter Mazzarri

Rinascita – Dopo l’arrivo di Mazzarri in panchina per Adem è l’inizio di un calvario fatto di ben otto partite consecutive saltate tra infortuni e scelta tecnica. Dal suo arrivo in poi Mazzarri ha retrocesso il serbo a ultima scelta nel reparto offensivo, preferendogli sempre tutti gli altri attaccanti a disposizione, tra cui addirittura l’oggetto misterioso Boyè, poi ceduto in prestito al Celta Vigo. I risultati sul campo inizialmente sembrano dare ragione al tecnico toscano; ma con l’arrivo della primavera risboccia anche il talento serbo che dopo le ottime prestazioni con Fiorentina e Cagliari non lascia più il campo e con tre gol e ben cinque assist trascina letteralmente il Torino a un ottimo finale di stagione dopo quattro sconfitte consecutive tra febbraio e marzo senza di lui. In questo senso è stata decisivo il suo ricollocamento tattico da trequartista nel 3-4-1-2 mazzarriano.

Perciò in generale la sua stagione può ritenersi più che sufficiente e addirittura ottima se escludiamo i due mesi in cui non è sceso in campo. Il prossimo anno per lui sarà decisivo e solo giocando come nell’ultimo scorcio della stagione appena conclusa potrà veramente trascinare il Torino come tutti si sarebbero aspettai al suo arrivo nell’estate del 2016.

# CAMPIONATO COPPA ITALIA
Presenze 27 1
Minuti giocati 2155′ 90′
Gol 6 0
Assist 10 0
Cartellini gialli 2 0
Cartellini rossi 0 0
VOTO 6.5

 

 

 

 

 

 

 

Luca Signorelli

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. steacs - 3 anni fa

    Speriamo faccia un bel mondiale (anche se dubito che giocherá) cosí magari si riesce a vendere e possiamo prendere giocatori utili e che abbiano voglia di giocare.

    Avere i numeri non basta, non ha la testa, non l’ha mai avuta e ormai é cresciuto, se non l’ha capito fino adesso non lo capirá mai.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 3 anni fa

      Io credo che verra’ venduto, e’ stato fatto giocare piu’ per far punti che altro e per metterlo in mostra.

      a mazzarri servono laterali di spinta e due punte che giochino in simbiosi davanti.

      Gallo (o alternativa nuova) + Iago; Edera naturale riserva di Iago.
      Cercasi riserva per il Gallo.

      A meno che non riusciamo a vendere Niang ad un prezzo decente (cosa possibilissima)

      E a quel punto Niang e’ la riserva del Gallo…

      Ljacic in panchina? Non ci credo.

      L’unico spiraglio e’ fare le partite ‘facili’ con 3 punte come quest’anno.

      Ma concordo che giocare 30/40 minuti a partita non e’ sufficiente, non in una squadra come il toro.

      Alla juve andrebbe bene, panchina dorata, entra, incanta, mezz’ora ed esce.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. iard68 - 3 anni fa

      Ma ti prego, cambia la tua di testa! L’unico fenomeno che abbiamo e avremo per chissà quanti anni ancora… Fosse anche continuo, non giocherebbe certo da noi!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. steacs - 3 anni fa

        Siccome non é continuo e non lo sará mai, non serve, semplice, non é che possiamo giocare le partite in 10 aspettando che abbia voglia di fare qualcosa, giá in 11 siamo a medie da serie B!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Toro71 - 3 anni fa

    Ma come 6,5???? Allora Belotti meriterebbe 4. Ma con quale logica mettete i voti?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 3 anni fa

      Belotti 4 lo merita tutto, se han dato 6 a Obi.. Entrambi con infortuni, il gallo ha fatto il doppio dei goals ma e’ un attaccante, ha sbagliato tutti i rigori…

      Ma gli daranno un 5.5, non hanno le palle di dargli 4.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. prawn - 3 anni fa

    Se con mazzarri trova la continuita’ e la disciplina non lo ferma + nessuno.

    Io pero’ dopo le famose parole di mazzarri (4 attaccanti di ruolo, lui e’ un attaccante puro, di fatto bocciato ala/mezza punta) non so se resti (manca una prima punta e la seconda punta titolare e’ il + costante Iago)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. filippo.burdes_657 - 3 anni fa

    Il giocatore con più talento che abbia visto al Toro da 20 anni a oggi. Grande Adem!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Joker - 3 anni fa

    Uno dei giocatori più importanti del Torino insieme a Belotti Jago Baselli N’Kolou Sirigu Bonifazi Yanko devono assolutamente restate e diventare il perno della squadra

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-13726000 - 3 anni fa

    Forza Adem…!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy