Luci e ombre per Budel e Dalla Bona

di Roberto Maccario-Nel confronto che vedeva contrapposti Budel e Dalla Bona ieri pomeriggio allo stadio Olimpico non c’è stato un vincitore e il nostro duello si conclude in parità, come del resto la scialba partita.
Certo è che avrebbe potuto vincerlo Budel: fino a un quarto d’ ora dal termine dell’incontro il biondo centrocampista granata ha giocato una partita decisamente positiva,…

di Roberto Maccario

di Roberto Maccario-Nel confronto che vedeva contrapposti Budel e Dalla Bona ieri pomeriggio allo stadio Olimpico non c’è stato un vincitore e il nostro duello si conclude in parità, come del resto la scialba partita.
Certo è che avrebbe potuto vincerlo Budel: fino a un quarto d’ ora dal termine dell’incontro il biondo centrocampista granata ha giocato una partita decisamente positiva, gestendo il gioco  e segnalandosi per la precisione dei passaggi; poi è arrivato quello sciagurato retropassaggio da quasi metà campo, scelta incomprensibile, che ha causato l’angolo da cui è scaturita la sfortunata autorete di D’ Ambrosio. Il nuovo arrivato in casa Toro ha poi cercato di riscattarsi nel recupero con un tiro da fuori deviato dalla difesa ospite che però non ha avuto gli effetti desiderati.
Nonostante la sua squadra non abbia brillato ,Daniele Dalla Bona ha comunque disputato un match onesto, dettando i tempi del Cittadella con passaggi e lanci lunghi: anche in una giornata difficile, contro un avversario come il Toro, lui e i compagni hanno avuto il merito di cederci fino all’ultimo.
A difesa di Budel va detto che era solo alla seconda presenza in granata e alla prima da titolare mentre Dalla Bona fa parte di un sistema di gioco collaudato da ormai quasi due anni.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy