Torino-Inter 0-3: Conte dà a Mazzarri una lezione di 3-5-2

Torino-Inter 0-3: Conte dà a Mazzarri una lezione di 3-5-2

Focus on / Decima sconfitta in carriera con l’Inter per il toscano. Il pugliese ancora imbattuto con il Toro: 4 vittorie e 2 pareggi

di Andrea Calderoni

Antonio Conte ha vinto per la quarta volta contro il Torino e ha ottenuto il suo sesto risultato utile consecutivo contro i granata. La sua Inter ha sfruttato nel migliore dei modi le clamorose lacune della squadra di Walter Mazzarri. Difesa del Toro più simile al Gruviera, il famoso formaggio svizzero con i buchi, che al fortino inespugnabile dello scorso campionato. Martinez, De Vrij e Lukaku l’hanno punita e hanno permesso ai nerazzurri di tenere il passo della Juventus.Per Mazzarri la 25esima partita contro l’Inter è stata tutt’altro che positiva. È maturata, infatti, la decima sconfitta contro il club meneghino che ha evidenziato tutti i limiti strutturali del suo Torino, ben lungi dall’essere guarito dopo la prestazione positiva nel derby e la vittoria a Brescia. Contro una squadra speculare, i granata sono sprofondati un’altra volta. Conte ha dimostrato che il 3-5-2 è un modulo che funziona, ma bisogna ben interpretarlo, altrimenti rischia di essere banalizzato e di diventare inefficace, come è accaduto dall’altra parte del campo, dove le soluzioni offensive sono apparse nuovamente poche.

BELOTTI ASSENTE – Tanti i perché che non trovano una risposta a fine partita. Sicuramente l’assenza per praticamente tutta la gara di Andrea Belotti si è fatta sentire. Il “Gallo” è uno degli elementi imprescindibili del Torino, ma il suo infortunio non può e non deve diventare un alibi. La squadra di Mazzarri si è sforzata di crossare parecchio, da destra e da sinistra, con De Silvestri, con Ansaldi e con Verdi, ma ciò che ha sempre stonato è stato il numero di maglie granata nel cuore dell’area di rigore. Troppo spesso Zaza, già meno dotato di Belotti nel gioco aereo, è stato costretto a sfidare tutta la retroguardia nerazzurra. Insomma, dopo sette giornate Handanovic è tornato a non incassare gol e il merito è stato sicuramente in parte suo, ma anche il Torino non ha minimamente compreso come poter veramente far male all’Inter. E poi si era tanto parlato alla vigilia se schierare Verdi o Berenguer. Mazzarri ha optato per il primo quando, invece, sembrava intenzionato a lanciare il basco dopo l’ottimo spezzone a Brescia. Verdi si è acceso a sprazzi, Berenguer invece non ha potuto dare il proprio contributo, poiché subentrato a match già compromesso.

DIFESA COLABRODO – Il perché più difficile da chiarire della nefasta nottata del “Grande Torino” è, tuttavia, quello inerente la difesa. Ora sono 20 le reti subite in 13 turni di Serie A e quelle di ieri erano tutte evitabili. Le prime due, poi, quelle che hanno indirizzato la gara, sono difficilmente commentabili. Soffermandoci sullo 0 a 2 di De Vrij, bisogna rimarcare alcuni concetti. Alla vigilia era stato detto come l’Inter fosse la squadra che batteva più calci d’angolo, che segnava più di testa, che crossava più dalle fasce laterali e che poteva contare su “pacchetto di mischia” molto dotato fisicamente. Bene, tutte queste doverose considerazioni, anche abbastanza evidenti, non hanno fatto sì che il Torino curasse meglio rispetto al solito i calci piazzati, altrimenti non si spiegherebbe la seconda rete nerazzurra. Squadra disattenta e poco ordinata, lontana anni luce da quella concreta e solida dell’anno scorso. La condizione fisica senz’ombra di dubbio incide, ma dietro c’è molto di più. La mente di tanti interpreti dentro e fuori dal campo è scarica e ieri sera con l’Inter è stato emblematico.

 

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Maver - 10 mesi fa

    AGONIA SEI ANTICO, VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. fabrizio - 10 mesi fa

    facile dare lezioni quando si affrontano scapoli e ammogliati……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Nero77 - 10 mesi fa

    Società, Mister e squadra allo sbando.Ci meritiamo questo ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Toro Forever - 10 mesi fa

    Un “amministratore” del Milan, un allenatore della Fiorentina, le foto di Chiellini nello spogliatoio. Ma mi volete dire che “caxxo” volete?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Scott - 10 mesi fa

    Lo schema di Mazzarri è orizzontale. 2 a destra, 2 a sinistra, uno al centro a prendere i cross e gli altri a distruggere il gioco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. D66 - 10 mesi fa

    Ma un bel 442?
    Sirigu
    Izzo Lyanco Nkulo Aina
    Verdi Rincon Meite Ansaldi
    Belotti Zaza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Mario66 - 10 mesi fa

    A parte che Mazzarri non applica un 352 ma semmai un 3511 molto prudente in realtà manca l’organizzazione di gioco e qui il modulo centra poco. I giocatori in campo non si muovono in modo corale e il possessore di palla non sa mai cosa fare perdendo così almeno un tempo di gioco (quando va bene) e permettendo all’avversario di recuperare.
    E qui che si evidenzia la carenza dell’allenatore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Antoniogranata76 - 10 mesi fa

    Ormai è un dato di fatto che lotteremo per la salvezza, credo le nostre avversarie saranno le due genovesi, la SPAL, l’Udinese,il Lecce ed il Brescia. Esclusa quest’ultima e SPAL e Genoa che dobbiamo ancora incontrare, siamo in svantaggio con tutte sugli scontri diretti e sabato, ho paura, lo saremo anche con il Genoa, avanti con Mazzarri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. DARIOGRANATA - 10 mesi fa

    ieri nn c’erano alternative ma continuare a insistere sul duo del buco Bremer e Djiji e parlare di vendere Bonifazi sa di puro masochismo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. ddavide69 - 10 mesi fa

    Ancora con sta condizione fisica, ma che vadano in fabbrica

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. TorinoGranata - 10 mesi fa

    Ma guarda un po’!!!!!

    Per il gobbo Conte è stato proprio come sparare sulla Croce Rossa!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy