Napoli-Torino, perché sì e perché no: un testacoda con tanti assenti

Verso il match / Tre motivi per credere nel Torino, altrettanti per temere l’avversaria di turno, in questo caso il Napoli di Gattuso

di Silvio Luciani, @Silvio_Luciani

TESTACODA

Perché sì e perché no. Come di consueto, torna l’appuntamento con la nostra analisi sui temi principali del match in programma per il Torino. I granata chiuderanno un 2020 da incubo (che dopo la vittoria del Crotone li vede ultimi a pari punti con il Genoa) in casa del Napoli. In una partita in cui Giampaolo si gioca una buona fetta delle residue speranze di rimanere alla guida del Toro, ecco tre motivi per credere in un risultato positivo del Torino e altrettanti per temere gli uomini di Gattuso.

PERCHÉ NO – Due squadre agli antipodi, nonostante le difficoltà. Basta dare uno sguardo alla classifica per comprendere fino in fondo quanto sia difficile, per il Torino, pensare di strappare punti al Napoli di Rino Gattuso, nonostante le assenze e le due sconfitte consecutive in campionato (contro Inter e Lazio). Il match che si giocherà al San Paolo vede opposte la terza (con possibilità di staccare la Juve e di avvicinarsi alla vetta) e l’ultima in classifica. Un testacoda dal pronostico quasi annunciato.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. FORZA TORO - 1 mese fa

    non esistono perchè si,salvo miracoli a cui non credo,mi limiterò al risultato finale SFT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Macs - 1 mese fa

    Stasera ci devono credere e basta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. rolandinho9 - 1 mese fa

      Più facilmente deve mettere chi ci crede. Lyanco out per squalifica metti Buongiorno.
      Sirigu
      Buongiorno Bremer Rodriguez
      Singo Lukic Segre Linetty Gojak
      Gallo Verdi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Claudio - 1 mese fa

    ma perche’ non iniziate a fare articoli seri invece di questa serie di insulsi scritti farciti di banalita ?
    Che si vince con la grinta, il cuore oltre che tecnica e idee lo sappiamo tutti, che si deve entrare in campo con l’atteggiamento giusto e’ trito e ritrito, ma e’ cosi ovvio che c’e’ bisogno di scriverlo?
    che ci vuole compattezza e unita’ di intenti e’ il minimo sindacale per una squadra che gurda caso deve praticare un gioco “di squadra”.
    Cioe’ basta articoli tipo “il Toro deve mettercela tutta” grazie al c…. quale cristo di squadra non ce la mette tutta????
    iniziate a fare articoli che prendano in considerazione i perche pur mettendoci il possibile (ad esempio nell’ultima Izzo non mi pare se ne sia sbattuto anzi..) non viene fuori niente.
    Che so’ giocatori scarsi e inadeguati ? allenatore mediocre e ormai nel pallone completamente, dirigenza poco adatta anche a gestire una diglitosa serie D ? …. perche’ questi sono i problemi / motivi di questa situazione, basta le menate del cuore oltre l’ostacolo, della squadra operaia, del sudare la maglia.
    Ma che poi dove sta scritto che il Toro non potrebbe avere un allenatore in giacca e cravatta e un organico dai piedi buoni e gran senso tattico e giocare un calcio bello ed elegante ?
    no noi si deve solo correre sudare e soffrire e perdere spesso, cosi quelle volte che vince si osanna lo spirito Toro ! …. ma per piacere !!!! cambiamo anche prospettive oltre che allenatore (e magari dirigenza e se Dio vorra’ proprieta’)!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. altoro - 1 mese fa

    Nel testa – coda annunciato della partita di stasera allo Stadio Maradona di Napoli il pronostico pare assolutamente scontato, tuttavia il calcio è un fatto umano e quindi, in quanto tale, è soggetto anche ad imprevedibili sviluppi. Chissà … . Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Claudio - 1 mese fa

    ma allora: “Nel primo quarto d’ora a Roma e nelle sfide contro le squadre di alta classifica, Giampaolo ha sfruttato la verticalità che questa squadra ha nelle corde per aggredire e ripartire” a aprte che la partita dura normalmentew 94′ ma poi mi dite quando siamo riusciti ad aggredire e ripartire? perche’ io proprio me lo sono perso ! tolto qulche palla sciaguratamente buttata via dal fenomeno zaza (il derby su tutti, probabiloe portarselo a casa se c’era un normale giocatore di serie A con quella palla sui piedi), ma poi … “poche le possibilita’ di incidere a gara in corso per MGP” ma perche’ finalmente qualcuno glia ha detto che puo’ togliere un uomo dal campo e metterne un altro che siede li vicino a lui? Perche’ scusate quante volte ad ora ha letto la partita ed e’ riuscito ad “incidere” a gara in corso ? … che so’ tipo sempre nel derby, cambio al 92′ su 94 di partita … azzo questo si che e’ ribaltare ill match !!!! Ferguson credo gli abbia mandato un telegramma di complimenti e felicitazioni tanto era ammirato e incredulo !!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy