Perchè allo stadio erano tutti contenti

Perchè allo stadio erano tutti contenti

Editoriale / Il bilancio dell’annata del Torino non può che essere positivo: anche e soprattutto per quel che promette il futuro

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Una squadra che non raggiunge l’obiettivo spesso in Italia viene fischiata; di certo non si concede un giro di campo d’onore dopo l’ultima partita di campionato. Il Torino invece, dopo aver vinto contro la Lazio, ha ricevuto un grande abbraccio da parte della sua gente, accorsa in massa allo stadio, un’atmosfera causata non solo dal ritiro del grande Moretti. E’ stato il più dolce dei pomeriggi amari, per il Torino e il suo pubblico. E allora c’è da provare ad analizzare questo fenomeno, alla luce di un’annata conclusa senza l’Europa: sia detto apertamente, l’obiettivo designato era ridare già da quest’anno al Torino una dimensione internazionale e così non è stato (al netto di quel che potrà succedere al Milan nei tribunali europei).

Si deve partire dal dato numerico: settimo posto a 63 punti, miglior campionato dell’era Cairo, miglior campionato per il Torino da quando si assegnano i tre punti a vittoria. Un record di punti fine a se stesso perchè la Lazio, ottava, ha vinto la Coppa Italia. Va però sottolineato che trattasi di fatto eccezionale. Non avendo gli strumenti per quantificare con precisione il livello tecnico dell’attuale Serie A rispetto ad altri tornei italiani o stranieri (invidiamo chi snocciola certezze in tal senso), ricorriamo ai numeri, che qualcosa vorranno dire: l’anno scorso l’Atalanta settima andò ai preliminari di Europa League con 60 punti, mentre negli altri top 5 campionati d’Europa le ultime qualificate hanno tutte meno punti dei granata (in Spagna, in EL va l’Espanyol con 53 punti). Insomma, 63 punti portano in Europa nella maggior parte dei casi e dunque uno dei motivi per cui il Torino ha raccolto consenso è il riconoscimento, da parte del pubblico, della qualità dello sforzo profuso.

L’altro motivo per cui allo stadio erano tutti contenti è probabilmente la sensazione di fiducia che questo Torino desta nei propri tifosi. Mazzarri non ripartirà da zero quando ritroverà i suoi uomini a luglio. La sua squadra ha un’identità precisa: non sarà spettacolare, ma solida ed equilibrata. Soprattutto ha un’anima, quello che al Torino viene richiesto. Il tecnico ha dimostrato di saper far crescere un gruppo (dai 27 punti del girone di andata ai 36 del girone di ritorno). Cosa più importante, ci sono chiari margini di miglioramento: in alcune partite il Torino ha lasciato per strada, per proprie colpe, punti importanti. Per questo il progetto tecnico-tattico pare in rampa di lancio: è basato su un gruppo che non è spremuto ma ha ancora molto da dare, ed è formato in toto da calciatori di proprietà. L’Atalanta ha dimostrato che, lavorando bene sul mercato e dando continuità ad un allenatore, si può raggiungere l’inimmaginabile nonostante le gerarchie imposte dai fatturati. Se la società saprà mantenere l’alchimia di questa squadra, fortificandola con pochi ma mirati innesti che alzino davvero il livello, i 70 punti possono essere un obiettivo per il 2019/2020: ecco perchè, al di là di qualche contestatore virtuale, là fuori il popolo granata ha ripreso a sognare.

 

62 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ardi - 7 mesi fa

    Tutto vero, ottima annata nonostante non siamo andati in Europa, ma se teniamo i migliori adeguando lo stipendio e puntelliamo la squadra, questa annata da ottima diverrà fondamentale, per far partire un ciclo dove l’obiettivo sarà la Champions e l’el Se va male. Come già ripetuto la palla passa a Cairo che ha a disposizione 117 milioni più già oggi i proventi dalla vendita di avelar e lijaic

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. NEss - 7 mesi fa

    In risposta a Bischero.
    Il Milan se non ha fallito certo non ha brillato. Ha fatto per certi versi peggio della Fiorentina, se si guarda al capitale investito (ingaggi).

    In calce il monte ingaggi e posizione finale di tutte le squadre.

    Spiccano alcuni dati:
    – Milan: 140 milioni per arrivare quinto “invece” del Napoli che ne ha spesi 94.

    – Inter,Roma: 34 e 50 milioni piu’ della Lazio ma la differenza non si e’ vista. 50 milioni e’ piu’ di quanto spenda la 7ema (Torino) per l’intera rosa.

    – Torino: 57 milioni meno della Roma, 97 meno del Milan. La differenza si e’ vista davvero?

    – Fiorentina: ok, crollata, ma la differenza con le ultime e’ di “solo” 15 milioni.

    – La Juve da sola ha speso come tutte le squadre dal Cagliari (13emo) in giu’ messe insieme.

    – Atalanta: 27 milioni per un terzo posto. Adesso credo ne avra’ a disposizione un’altra 30ina solo per la champions.

    1° Juventus: 219 (1)
    2° Milan: 140 (5)
    3° Inter: 116 (4)
    4° Roma: 100 (6)
    5° Napoli: 94 (2)
    6° Lazio: 66 (8)
    7° Torino: 43 (7)
    8° Fiorentina: 37 (15)
    9° Sampdoria 36 (9)
    10° Bologna: 34 (10)
    11° Sassuolo 30 (11)
    12° Genoa: 29 (17)
    13° Cagliari: 29 (15)
    14° Atalanta: 27 (3)
    15° Udinese 26 (12)
    16° Parma: 23 (14)
    17° Frosinone: 22 (19)
    18° Spal 21 (13)
    19° Chievo: 21 (20)
    20° Empoli: 16 (18)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Bischero - 7 mesi fa

    Ma sta storia che le grandi hanno fallito da dove esce scusate???le grandi ci sono tutte davantila. La Juve ha vinto, Napoli secondo. Milan Inter si sono giocati la Champions fino alla fine. Roma in coppa in carrozza. La Lazio dietro al posto Dell Atalanta rivelazione. . L unica blasonata che ha fatto pena é la fiorentina. Fate pace con il cervello perfavore. Chi un po’ più chi un po’ meno ha fatto quello che poteva. Tolto la viola il resto é nella norma.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. dattero - 7 mesi fa

    princepe della zolla,russcumeel sang,poli,ecc,vi do ragione.
    chi magari eccedendo,ma i concetti sono quelli.
    chi risponde ,da esperto di psicologia delle risorse umane,patetizzando la vs vita e dandovi del gobbe,fa solo misera meschineria umana sfiorante il patetismo,ma MAI argomentano,sempre i soliti 2o3.
    per fortuna ci son molti pro presidenza che argomentano e discutono e non importa se il parere è discorde,ma si argomenta piacevolmente,questo conta,e si qualche punto si converge pure.
    poi non è vero che i social influiscono,al max espandono.
    vi ricordate negli anni 70 la diatriba tra le fazioni pro fabbri o pro giagnoni?li ho visto,ero gagnu,veramente sberle volare,gente menarsi con gusto,poi,i soliti 2o3 fenomeni che sapevan solo dire “t’ses an goeb”.per chi ha frequentato il periodo,vero o no?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Torello_621 - 7 mesi fa

    Allo stadio eravamo tutti contenti perché
    1 eravamo in tanti a sventolare i nostri colori.
    2 la squadra quest’anno ha dimostrato di tenere ai nostri colori.
    3 finalmente tanti bambini, anche i miei.
    4 dovevamo salutare Moretti, grande uomo.
    5 Abbiamo comunque fatto il record di punti, sarà poco sarà tanto, ma così è.
    6 finalmente un clima rilassato tra tifosi sulle tribune.
    7 forse si va in EL lo stesso, e in fondo al cuore ci speriamo.
    8 c’è una convinzione, non completamente irrazionale, che l’anno prossimo si tenti di fare meglio.
    Tutte sensazioni precluse ai rosiconi da tastiera e spettatori da streaming pirata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. lello - 7 mesi fa

      Grande commento, e soprattutto se facciamo contenti i bambini un ottimo obbiettivo è stato raggiunto.
      Il Toro è Toro, ma sempre di sport stiamo parlando e questo è importante trasmetterlo alle nuove generazioni. (non conta solo vincere).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. lo steo - 7 mesi fa

    è vero che quello che rimane in mano è il risultato finale ma la differenza di non raggiungerlo di quest’anno e il non raggiungerlo degli altri anni è palese.. qualcuno ha scritto che facciamo resuscitare i morti.. non si può perdere punti con parma bologna ecc…. io la vedo come il problema da risolvere per il prossimo anno in generale… gli anni scorsi la frase comune era la partita che serve vincere la perdiamo sempre, è oggettivo che era vero e dirlo quest’anno NO… la frase prova di maturità lo sentita non solo con empoli bologna cagliari e parma ma anche con milan atalanta sampdoria ecc…squadre la cui prova di maturità e passata alla grande. quindi è oggettivo che il problema sono state quella tipologia di squadre e su cui si dovrà lavorare.. ci sta un p.s. io il rammarico per empoli lo avrei avuto se ieri il milan o la roma perdevano ma scuse o no nel subconscio avevano ragione loro al tiplice fischio finale della coppa italia tutto è crollato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Baveno granata - 7 mesi fa

    Inutile fare tanti giri di parole: l’obiettivo era l’europa e la qualificazione alle coppe europee non è stata raggiunta.
    Questa è la realtà, il resto sono solo parole al vento.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 7 mesi fa

      Ma non si può dire… Altrimenti sei gobbo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. malva - 7 mesi fa

        Sucate gobbacci

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. ddavide69 - 7 mesi fa

          suca tu , coglione

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Policano - 7 mesi fa

            Gobbo di m lavati con ajax

            Mi piace Non mi piace
        2. Baveno granata - 7 mesi fa

          Chi insulta come te senza argomentare non è degno di risposta.
          Impara a confrontarti accettando le opinioni altrui senza insultare.
          Grazie!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. malva - 7 mesi fa

            no grazie

            Mi piace Non mi piace
  8. ddavide69 - 7 mesi fa

    A me sembra che la classifica del campionato spagnolo sia un poco piu’ ‘compressa : per dire , l’ultima ha 32 punti e la prima 87.

    Da noi l’ultima ne ha 17 e la prima 90 .

    Secondo me vuol dire poco…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. NEss - 7 mesi fa

    I punti di per se’ vogliono dire poco. Immaginiamo un campionato in cui tre squadre schierano la primavera, tutte le altre finirebbero l’annata con 18 punti piu’ del solito. Sarebbe un record significativo?

    Piu’ interessante, invece, notare come si sia arrivati a 6 punti dal terzo posto, credo mai successo prima (in storia recente, pero’ mi pare che Ventura abbia fatto un quarto posto nel girone di ritorno l’anno della uefa).

    Io non credo che sia stato fatto un lavoro eccezionale (cit Mimmo75). Si e’ partiti per arrivare 7imi e si e’ finiti 7imi. Hanno fatto il giusto; rispettati gli obiettivi/previsioni, ma non eccezionalmente meglio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 - 7 mesi fa

      Io credo, invece, che una corretta valutazione della stagione debba tener conto di diversi elementi: posizione in classifica, punti fatti, obiettivi prefissati e obiettivi raggiunti, alcune variabili esterne non controllabili, se si sono rivelate particolarmente incisive, tipo errori arbitrali o eventi particolarmente sfortunati (mi torna in mente l’incredibile sequenza di infortuni dell’ultimo anno con Ventura, sia tra i titolari che tra le loro stesse riserve, tutti insieme). Andiamo per ordine partendo dagli ultimi due punti. Gli errori arbitrali si sono rivelati particolarmente pesanti e hanno sicuramente inciso, dunque rappresentano una difficoltà in più che le nostre contendenti non hanno dovuto affrontare e che invece ha sicuramente rallentato il nostro cammino, togliendoci qualche punto. Non si può non tenerne conto. Di episodi particolarmente sfortunati non me ne vengono in mente, invece. Forse giusto la lunga assenza di un calciatore per noi fondamentale e spesso decisivo come Iago, la sua stagione comunque non particolarmente brillante, ma in ogni caso nulla di decisivo, nulla che non abbia potuto toccare anche altre squadre, tipo il Milan con Bonaventura o la lunga querelle tra Icardi e l’Inter. Gli altri elementi sono gli obiettivi prefissati e quelli raggiunti. Qui si è fallito e c’è poco da discutere, questo è il dato che passerà agli annali pur in presenza della pesante tara arbitrale. L’Europa la inseguiamo apertamente da 3 anni e ancora una volta ci è sfuggita. Ma qui s’innesta anche l’ultima riflessione che, secondo me, è decisiva per determinare se si è fallito tout court o se, invece, pur mancando l’obiettivo si è fatto qualcosa di importante: punti fatti e posizione di classifica. I due elementi devono necessariamente camminare di pari passo altrimenti portano a conclusioni fuorvianti. E’ vero: settimi. Ma spesso e volentieri arrivare settimi vuol dire restare sotto i 60 punti e avere accesso all’Europa. Dunque non bisogna commettere l’errore di pensare che si sia fatto un campionato “ordinario” solo perchè si è conquistato il settimo posto (in linea con gli obiettivi) visto che i 63 punti che lo rappresentano sono di per se un qualcosa di straordinario. Infatti, restando agli ultimi 10 anni, un buon metro di paragone, vediamo che per ben 7 volte son bastati meno di 60 punti per raggiungere il settimo posto:
      2008/2009 Udinese a 58
      2009/2010 gobbi a 55
      2010/2011 gobbi a 58
      2011/2012 Roma a 56
      2012/2013 Lazio a 61
      2013/2014 noi a 57
      2014/2015 Samp a 56
      2015/2016 Milan a 57
      2016/2017 Inter a 62
      2017/2018 Atalanta a 60
      Ecco perchè parlavo di stagione eccezionale. E a confermarlo ci sono anche i diversi record ritoccati che resistevano da molto tempo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. NEss - 7 mesi fa

        La grossa anomalia e’ stato il terzo posto a 69 punti invece di 80 e passa.
        Bisogna andare piu’ indietro del 2013 per vedere il terzo posto attorno a quota 70.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. FORZA TORO - 7 mesi fa

    La maggioranza dei tifosi Granata la pensa come Sartori,poi ci sono alcuni che del loro odio verso Cairo ne hanno fatto una questione personale e con quelli ragionare è inutile,avranno sempre da ridire,quando dovessimo andare in Europa league lamenteranno il fatto che si è mancata la champions e così via

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. malva - 7 mesi fa

      se avessimo raggiunto l’ EL quest’anno probabilmente direbbero che sarebbe meglio non qualificarsi perchè non siamo all’altezza

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Il_Principe_della_Zolla - 7 mesi fa

      Che la maggioranza dei tifosi Granata la pensi come te e Sartori è una tua opinione, che vuol farsi convincimento e forza di persuasione. Esistono altre e diverse opinioni e modi di vedere, assai radicate e largamente rappresentate. Che il pluralismo dia fastidio, è quanto meno singolare. E, veramente, lascia perdere la cazzabubbola dell’odio verso Cairo: nessuno odia nessuno, per lui parlano i fatti, dal Filadelfia ai risultati sportivi, dal Museo alle parole d’ordine, una su tutte “non si tarpa le ali a nessuno”.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 7 mesi fa

        questi se la cantano e se la suonano . La realtà è che siamo di nuovo fuori dall’europa , ma và bene così madama la marchesa…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. IlGrandePolicano - 7 mesi fa

        D’accordo con te su tutto.
        Tranne una cosa: confermo che io Cairo lo odio proprio. 😀

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. ddavide69 - 7 mesi fa

      questo lo dite voi . Allora potrei dire che per voi l’importante è partecipare

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. IlGrandePolicano - 7 mesi fa

        Lascia perdere. Preferiscono vivere un clima di festa (giustificata fino a un certo punto) piuttosto che riconoscere che non abbiamo gran ché da festeggiare.
        Umanamente e sportivamente lì comprendo e non ne faccio una colpa.
        Avere forza e voglia di fare un’analisi obiettiva costa caro.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. suoladicane - 7 mesi fa

      intanto purtroppo non ci siamo andati…….
      poi la penso esattamente come “il principe”
      se volete entusiasmarvi per un 7^ posto nell’anno in cui le “grandi” hanno quasi tutte stentato, allora accomodatevi; io continuo a pensarla diversamente e come me tantissimi altri, ed a dire che la penso diversamente
      attenzione poi che il pensiero unico è una cosa porta in situazioni molto sgradevoli…….
      SFT

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. suoladicane - 7 mesi fa

    bah, tutto questo entusiasmo, sinceramente non lo capisco
    anche quest’anno in europa andiamo il prossimo….

    essere orgogliosi del 7^ posto? io ero orgoglioso pure a Licata

    questa squadra non mi ha fatto godere, mi ha fatto di più incazzare per le occasioni perse, perchè un campionato dal livello così basso dove le grandi falliscono quasi tutte non si ripresenterà mai più

    vedremo se braccino manterrà le promesse e rinforzerà la squadra……..
    ci sentiamo a fine calcio mercato

    SFT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. IlGrandePolicano - 7 mesi fa

      Ieri mi sembrava di essere l’unico a scrivere queste cose. La penso come te.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. ddavide69 - 7 mesi fa

    Meglio non dirlo.. Aspettiamo il prossimo anno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Russcumelsang - 7 mesi fa

    Certo che non mi basta sapere che la società sia una di quelle col bilancio più sano e i conti più in ordine.
    Certo che non mi basta la ricostruzione (partita dallo zero totale) di un settore giovanile che è tornato a vincere e a riprodurre talenti.
    Certo che non mi basta aver raggiunto 63 punti ed essere restati con un pugno di mosche in mano.
    Certo che non mi basta aver raggiunto una stabile permanenza in serie A dopo anni di vergognosi saliscendi tra i cadetti.
    Certo che non mi bastano i lungimiranti investimenti nella ricostruzione del Filadelfia e nell’acquisizione del Robaldo.
    Tutto ciò non mi basta perchè ho una stramaledetta fame di soddisfazioni. Soddisfazioni fatte di vittorie, di ricominciare a girare per l’Europa, di campionati passati a lottare per le prime posizioni, di competere per la vittoria della Coppa Italia.
    E’ vero: di tutto ciò nell’era Cario si è visto troppo poco se non nulla. Siamo di nuovo qui a rimpiangere un obbiettivo non centrato, vuoi per poca convinzione, vuoi per errori arbitrali, vuoi per punti persi per strada in partite alla nostra portata.
    Tutto vero.
    Ma è altrettanto vero che nelle ultime 3/4 partite lo stadio è tornato a riempirsi come non accadeva da anni.
    E’ altrettanto vero che migliaia di tifosi hanno seguito il Toro in trasferta ad Empoli.
    E’ altrettanto vero che si è tornati a vedere un Toro con un’anima, con un amalgama tra i giocatori, con una compattezza ambientale.
    Abbiamo visto il presidente (finalmente) prendere posizioni forti, alzare la voce (sapendo quanto possa essere rischioso in questo sistema battere i pugni sul tavolo).
    E’ come se dopo 14 anni di nulla si fosse tornati a respirare un’aria di fiducia; come se si intravedessero finalmente gettate le basi per la realizzazione di una squadra più competitiva; ed è così: sono arrivati giocatori importanti (Izzo e Sirigu su tutti), sono stati confermati i pezzi pregiati, sono stati inseriti giovani di buon valore, si è scelto un mister di navigata esperienza, si è deciso di premiare ed investire in un giocatore/bandiera come Moretti.
    L’essere arrivati così vicini al raggiungimento dell’obbiettivo, averlo sfiorato e non raggiunto (quanti rimpianti per 4-5 punti gettati alle ortiche!): non lascia scampo al Presidente: è questo il momento della verità. Il salto di qualità decisivo non è più rimandabile; 14 anni per costruire una realtà solida (ripeto: partendo dal nulla, non dimentichiamocelo mai) e con un’anima è un tempo lunghissimo, forse sin troppo, pur trattandosi di una società di calcio.
    Sappiamo benissimo che il presidente non ha le condizioni economiche che gli permettano di ingaggiare campioni di grido (ma non sempre servono i Ronaldo per vincere); però non può più nascondersi.
    Mai come ora ha l’occasione per dimostrare quanto davvero voglia essere vincente o comunque protagonista e competitivo ad alti livelli anche nel calcio: a lui la scelta ed a noi il giudizio definitivo.

    FVCG sempre

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. IlGrandePolicano - 7 mesi fa

      Hai fatto un’analisi equilibrata. Complimenti.
      Forse anche più valida della mia…forse perché io in Cairo non credo più.
      Temo resteremo delusi per l’ennesima campagna acquisti di plusvalenze e braccia corte.
      Ma spero di sbagliarmi.
      FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Ardi - 7 mesi fa

      Bravo analisi corretta ed equilibrata, ora spetta a Cairo dimostrare quel che vuole con la campagna acquisti. Ci tengo sempre tanto a far sapere a tutti che il Presidente ha a disposizione 117 milioni

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. marione - 7 mesi fa

    Scusate, ma non era qui che strombazzavate ai 4 venti squadra da Uefa, andiano in Champions alla faccia dei mai cuntent jajajajajas Ora è diventato un successo essere arrivati settimi. Nemmeno all’altezza del Chievo, Udinese ecc ecc ecc

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 7 mesi fa

      Certo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. anpav - 7 mesi fa

      Scusa, ma per scrivere sempre così, che male ti ha fatto la vita? Anche perchè non è da oggi.
      Possiamo esserti utili in qualche modo?
      Tanta negatività, tanto odio, non si spiega a meno che tu non abbia dei problemi gravi che ti turbano.
      …L’alternativa sarebbe che tu abbia qualcosa da nascondere di imperdonabile su un sito del Toro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Mimmo75 - 7 mesi fa

    Ieri c’è stata la naturale prosecuzione, in larga scala, di quanto già accaduto a Empoli: i tifosi sono orgogliosi di questo Toro e lo dimostrano. Sono (siamo) orgogliosi perchè a questo Toro non si può rimproverare davvero nulla. Mazzarri ha fatto un lavoro eccezionale e solo quella congiuntura astrale a noi ben nota ha fatto si che sia accaduto qualcosa di ancor più eccezionale che ci ha estromessi da una meritatissima qualificazione europea. Nell’anno dei diversi record ritoccati, la quota Europa è schizzata in alto, la coppa Italia è stata vinta da una squadra di media classifica e gli arbitri hanno dato il peggio contro il Toro, con accanimento da codice penale in certi frangenti. Tutto ciò ha reso ancor più Importante la stagione dei ragazzi, i 63 punti non rappresentano solo un record ma la rappresentazione plastica di quanto questa squadra si cresciuta sotto la guida di Mazzarri, sul campo e, soprattutto, nello spirito. E il popolo granata ha tributato il giusto riconoscimento, dando più peso ai fatti concreti piuttosto che alle dichiarazioni e agli atteggiamenti fumosi che negli ultimi due anni avevano allontanato i tifosi, disilludendoli. Ieri il Grande Torino ha detto a chiare lettere che è questo il Toro che vuole

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Il_Principe_della_Zolla - 7 mesi fa

      Ah beh, certo, adesso sono le congiunzioni astrali. Da tre lustri non caviamo un ragno dal buco, mentre addirittura squadre come il Chievo ci sono riuscite.
      Come detto più volte, nessuno contesta a Mazzarri e alla squadra la bontà del risultato, in primis di aver tenuto in piedi l’obiettivo fino alla penultima giornata. Ma realismo vorrebbe che fosse riconosciuto che siamo ancora a recriminare piuttosto che a godere, e che il solito noto avrebbe potuto già a gennaio suffragare il disegni che adesso (per l’ennesima volta) dice di voler inaugurare per la prossima stagione (sempre la prossima …).
      Tutto qua. Poi, come da proverbio, chi si accontenta gode. Un po’ poco per dirsi figli degli Invincibili.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mimmo75 - 7 mesi fa

        Dai che hai capito benissimo cosa intendo dire. La penso come tu su Cairo. l’ho sostenuto sino all’ultimo anno con Ventura, da li in poi ha sbagliato tutto e solo prendendo Mazzarri si è rimesso sulla giusta via. Solo in parte, perchè ancora una volta non ha completato l’opera. Sai anche che gli imputo gravi mancanze verso tutto ciò che riguarda la parte spirituale del Toro, che poi è la cosa più importante che abbiamo. Però, proprio perchè riconosciamo tutti la bontà del lavoro fatto da Mazzarri e dai ragazzi, non possiamo sottacere che mai come quest’anno le “congiunzioni astrali” sfavorevoli che appartengono alla nostra storia si sono materializzate. O no?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. PrivilegioGranata - 7 mesi fa

        La Var non la chiamerei congiunzione astrale.
        Molto più semplicemente FURTO.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. suoladicane - 7 mesi fa

          sempre scuse, sempre alibi, ma basta

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. PrivilegioGranata - 7 mesi fa

            Niente scuse, ma una sana dose di realismo.

            Mi piace Non mi piace
      3. IlGrandePolicano - 7 mesi fa

        La penso come te. Al 100%.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      4. ToroShakty - 7 mesi fa

        Il problema è stato la non convinzione della società di investire per rimpiazzare Soriano e un fallito Zaza e Liajic.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Tarzan - 7 mesi fa

    Contestatore virtuale è un delle definizioni più azzeccate che abbia sentito!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. GlennGould - 7 mesi fa

    Oh,Bravo Sartori, analisi lucida. Che rende ancora più ridicoli i polemisti ad oltranza su questo forum, fra parentesi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. marione - 7 mesi fa

      Risultato di quest’anno? Fate solo ridere gli stadi d’Italia, Andate a festeggiare i 63 punti pagliacci.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 7 mesi fa

        Meno male che ci sei tu… E quelli come te che danno del gobbo a chi non la pensa come voi. Quelli che godono quando sbagliano colpo dopo aver messo le palle sull incudine.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. anpav - 7 mesi fa

        Scusa, ma per scrivere sempre così, che male ti ha fatto la vita?
        Anche perchè non è da oggi.
        Possiamo esserti utili in qualche modo?
        Tanta negatività, tanto odio, non si spiega a meno che tu non abbia dei problemi gravi che ti turbano.
        …L’alternativa sarebbe che tu abbia qualcosa da nascondere di imperdonabile su un sito del Toro.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. PrivilegioGranata - 7 mesi fa

        Le righe… ti si vedono le righe…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      4. thebrooklynbrawler83 - 7 mesi fa

        Marione lo strisciato…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      5. Policano - 7 mesi fa

        Gobbo di merda

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. PrivilegioGranata - 7 mesi fa

    La gente del Toro è contenta e orgogliosa della propria squadra.
    I pochi contestatori virtuali no.
    Poveri esseri che vivono una vita triste e stagisti sottopagati dal Venaria Club.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. marione - 7 mesi fa

      Hai ragione, tu che godi di 14 anni di fallimenti devi avere una vita felice. Probabilmente prenderlo nel culo dal mandrogno è la tua massima aspirazione. Ti auguro altri 14 anni a sbavare, piangere e lamentarti, dando la colpa agli altri conme tutti i falliti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ddavide69 - 7 mesi fa

      Tu sei un minus habens, sono più dotate le scimmie antropomorfe.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. PrivilegioGranata - 7 mesi fa

        Meglio minus habens che verme.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. ddavide69 - 7 mesi fa

          fate furb pcu

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Il_Principe_della_Zolla - 7 mesi fa

    Comincia la campagna elettorale in vista del mercato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. granata63 - 7 mesi fa

    È stato fatto un bel campionato. Ci siamo tolte diverse soddisfazioni. Peccato per la sconfitta in casa con il Bologna e il pari con il Parma. Per il resto dobbiamo essere soddisfatti, pur senza disputare le coppe.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 7 mesi fa

      Ognuno la pensa come vuole.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 7 mesi fa

        non siamo d’accordo neppure su una frase neutra come questa. siete dei poveri idioti

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Maroso Immenso - 7 mesi fa

    Il popolo GRANATA ha un cuore grande così. Noi abbiamo solo voglia di rivedere sempre il NOSTRO TORO lottare dando tutto. Quest’anno abbiamo fatto 63 punti a cui potremmo aggiungere 6/9 punti dai torti arbitrali e 5/6 da nostre nefandezze quindi se il prossimo anno potessimo fare la massima somma beh sarebbe TANTA ROBA… Auguri a tutti, IO corro ad abbonarmi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. spelli_446 - 7 mesi fa

      Beh se gli arbitri non ci avessero fatto torti e noi nefandezze avremmo vinto lo scudetto. Il calcio è bello perché non è sempre scontato..

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy