Torino, Millico scavalca nelle gerarchie Edera e Parigini: ora aspetta un’occasione

Torino, Millico scavalca nelle gerarchie Edera e Parigini: ora aspetta un’occasione

Focus on / Mazzarri poteva convocare uno solo tra lui, Edera e Parigini e ha lasciato fuori gli ultimi due

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Un giovane talento a caccia della prima occasione in campionato: Vincenzo Millico è rimasto a Torino dopo le vicissitudini dell’ultimo giorno di calciomercato e ora attende la sua occasione nella massima serie. Intanto, il giovane attaccante sta evidentemente scalando le gerarchie del reparto avanzato. Sarà in panchina a Parma al posto di Edera e Parigini, due giocatori impiegati diverse volte nello scorso campionato che invece rimarranno a Torino e non seguiranno la squadra. La ragione è ovviamente numerica: Mazzarri non può portare in panchina più di 12 giocatori, ma preferire Millico a loro due può essere interpretato come un segnale al giocatore. Non va dimenticato comunque che Parigini ed Edera arrivano da due infortuni (rispettivamente sport ernia e operazione alla spalla) che sicuramente hanno condizionato la loro preparazione estiva, mentre Vincenzo ha sempre lavorato con Mazzarri. Un fattore che sicuramente contribuisce a disegnare quelle che sono le attuali gerarchie.

OCCASIONE – Ciò che Mazzarri vuole da Millico è tenerlo sull’attenti per poi trovarlo pronto nel momento in cui arriverà la sua occasione. Chances che Millico si è giocato molto bene in Europa League, segnando all’esordio contro il Debrecen e provando ad incidere nella trasferta di Wolverhampton. Il talento c’è, l’impegno anche ed essere il quinto attaccante dopo Belotti, Falque, Verdi e Zaza può spronarlo a dare ancora di più per farsi notare dal tecnico toscano. L’occasione prima o poi dovrebbe arrivare (perchè no, magari già stasera a Parma):  a Millico il compito di farsi trovare pronto.

29 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-14239294 - 3 settimane fa

    Millico scavalca Edera è Parigini? Ma per pulire gli spogliatoi? Forse nn è buono a fare quello!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giustoro - 3 settimane fa

    Certo che se non gioca mai diventa difficile giudicarlo. Io lo proverei al posto di Zaza, tanto difficilmente potra fare di meno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. wendok - 3 settimane fa

    edera secondo me sarebbe meglio venderlo. Non è mai sbocciato ed ha una età nella quale avrebbe già dovuto avere ben altri rendimenti. Purtroppo credo sia sopravvalutato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Paolo - 3 settimane fa

    Edera di due anni fa potrebbe essere utile alla squadra, Parigini dipende da come lo si colloca tatticamente, come esterno di centrocampo ne ha troppi davanti, potrebbe essere una buona ala o seconda punta, ma dovrebbe trovare la giusta cattiveria sotto porta, che l’anno scorso nelle occasioni in cui ha giocato a volte gli è mancata. Millico ha fatto benissimo in Primavera, in prima squadra deve ancora dimostrare tutto. Hanno bisognobdi giocare tutti e tre, questo è sicuro, ma togliere Belotti è impossibile, con Verdi o Falque o anche Zaza è anche dura, danno comunque più garanzie e hanno più esperienza. Potrebbero andare in prestito a gennaio ma intanto stare fuori non fa bene a nessuno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Mimmo75 - 3 settimane fa

    Renato (giù non mi fa più rispondere) sei stato chiaro ma il fatto è che per “osare” servono determinate condizioni: mancanza di alternative, avversari modesti (e infatti Millico e Singo hanno giocato), risultato in cassaforte, momento sereno della squadra… insomma, noi la facciamo sempre troppo facile mentre i professionisti devono render conto a chi sborsa milioni di euro. E magari ci pensano un pelino in più, no? Ciao.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-14003131 - 3 settimane fa

    Forza ragazzo, ti vorrei vedere in campo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. torotorotoro - 3 settimane fa

    Vedo Millico seconda punta con Belotti se in avanti si gioca 1-2. Vedo Zaza come sostituto di belotti, ma non in campo a contendergli spazi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. GlennGould - 3 settimane fa

    Ritengo Millico l’unico evidente errore del mercato.
    Mi auguro che a gennaio sarà fatto ciò che la società non ha fatto in estate: mandarlo in prestito per farlo giocare con continuità.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Toro Forever - 3 settimane fa

    Bava si riposi bene, perché avrà un gran da fare a Gennaio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Cecio - 3 settimane fa

      Si è riposato alla grande in estate…quindi a gennaio dovrebbe essere carico a pallettoni!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. PiazzistaDiSeggiolini - 3 settimane fa

      Perchè, Bava ha fatto qualcosa nel calciomercato estivo…???

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Toro Forever - 3 settimane fa

      Era un modo di dire. È ora che si dia da fare proprio perché non ha fatto nulla.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ALESSANDRO 69 - 3 settimane fa

        Scusatemi ma voi cosa ne sapete cosa ha fatto Bava in questi mesi??
        Lavorate in società per sparare certe sentenze??
        Secondo voi quindi Cairo paga uno per farlo riposare in poltrona???Un po’ di rispetto non guasterebbe eh..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Madama_granata - 3 settimane fa

    Belotti lo escluderei: è al di sopra di tutti e non si tocca!
    La concorrenza x Millico è forte: Falque, Zaza, Verdi.
    Si parla di tre giocatori importanti, con una solida carriera alle spalle.
    Si ricade nella solita storia, temo: indispensabile sarebbe che Mazzarri, anche solo x spezzoni di partita, Millico di tanto in tanto lo mettesse in campo!!
    Recita l’articolo:
    ” Millico sarà in panchina a Parma al posto di Edera e Parigini, due giocatori impiegati diverse volte nello scorso campionato che invece rimarranno a Torino e non seguiranno la squadra”.
    “Diverse volte impiegati”??
    Ma quando mai??
    Edera lo scorso anno era in prestito altrove.
    Parigini ha giocato due, forse tre spezzoni di partita da pochi minuti in una intera stagione.
    Gli è sempre stato preferito Berenguer, con i suoi alti e bassi, con tante imprecisioni e qualche giocata felice, sempre in balìa di avversari “troppo robusti”.
    Le chances concesse da Mazzarri ad Edera e Parigini sono state e sono pari a “0”.
    Li mandi in prestito, ma in una squadra dove abbiano l’opportunità di giocare e di dimostrare se e quanto valgono, oppure, ahimé, li faccia vendere, lasciandoli liberi di andare a cercare fortuna altrove.
    Con l’augurio più sincero a questi due ragazzi di percorrere la stessa strada tracciata da Verdi!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Cecio - 3 settimane fa

      Beh Parigini l’anno scorso ha fatto 17 presenze…non 2 o 3.
      2 o 3 sono state invece le occasioni in cui ha ben figurato….e lo dice uno che non è un estimatore di Berenguer.
      Per Millico è durissima, davanti ha giocatori che gli sono decisamente superiori…soprattutto ora che si spera che rientri anche Iago.
      Doveva andare in prestito…ma questa è una storia ben nota.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. suoladicane - 3 settimane fa

      assolutamente d’accordo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Mimmo75 - 3 settimane fa

      Edera lo scorso anno ha giocato in 4 occasioni per 165 minuti prima di andare al Bologna
      Parigini ha invece messo insieme 18 presenze per 443 minuti.
      E’ bello leggere di gente che si appassiona ai nostri giovani ma gli allenatori vengono pagati per ottenere risultati e non per compiacere i desiderata di questo o quel tifoso. Il Toro dev’essere al centro dei pensieri e delle azioni di chi è pagato per farlo crescere. E io non conosco nessun allenatore autolesionista al punto da tener fuori gente in grado di portare valore schierando invece chi non ritiene migliore. Questo è il motivo per cui Mazzarri non schiera i nostri giovani (almeno per ora). Ma ti pare possibile che debba far giocare spezzoni a Millico solo per compiacere te (e tanti altri, per carità)? E magari nel farlo rinunciare a un cambio che reputa più utile per la partita? Si guadagnino lamaglia i nostri giovani, come ha fatto Lukic di rientro da prestito, come ha fatto Bremer, sgobbando in silenzio per un anno intero e come Mazzarri vuole che tutti facciano. Noi pensiamo a tifare che è meglio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. PiazzistaDiSeggiolini - 3 settimane fa

        “…ma gli allenatori vengono pagati per ottenere risultati e non per compiacere i desiderata di questo o quel tifoso….”.

        “E io non conosco nessun allenatore autolesionista al punto da tener fuori gente in grado di portare valore schierando invece chi non ritiene migliore”.

        Caro Mimmo, con tutto il rispetto per la Tua posizione pro.Mazzarri, quando scrivi certe cose mi domando se scherzi o se dici sul serio…!!

        Sui risultati, beh al momento è meglio glissare, visto in che modo sono stati raggiunti, Atalanta comtresa (“Se oggi facciamo come i primi 45′ col Milan ne prendiamo 4”).

        Sull’autolesionismo basta vedere le partite contro Lecce e Sampdoria, per non parlare dei primi 70 minuti contro il Milan (e, ripeto, glisso sempre sulla partita contro l’Atalanta)

        Mimmo, un allenatore in parte autolesionista (ho detto in parte) lo conosci benissimo…!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Madama_granata - 3 settimane fa

        Ho solo inteso dire che Parigini ed Edera, per me (io preciso SEMPRE X ME, A MIO AVVISO, A MIO PARERE, ecc.. Non ho mai pensato o sostenuto di avere la verità in tasca, né di imporre le mie idee), o li manda a giocare in prestito, o li fa vendere.
        Assurdo non farli giocare, non tenerli neanche in panchina, ma lasciarli a casa.
        Detto ciò, credo poi di avere pieno diritto di augurare successo e soddisfazioni professionali a questi due ragazzi.
        Infine penso che un allenatore “cerchi di mettere” in campo la miglior formazione, secondo le sue convinzioni ed il suo parere.
        Talvolta, però, può sbagliare, Mazzarri compreso: altrimenti i voti sarebbero sempre massimi x tutti i calciatori e per i loro selezionatori.
        E non ci sarebbero mai “esoneri”.
        Far giocare “spezzoni” a Millico non sarebbe x compiacere me o altri tifosi, ma x non “bruciare il ragazzo”.
        Giusto, concordo con ciò che dici: a Lukic e Bremer sono state date più possibilità, eppure non sempre hanno brillato!
        Mazzarri ha perseverato, e ha raccolto anche soddisfazioni.
        Usare lo stesdo metodo x tutti sarebbe , SEMPRE X ME, auspicabile!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Mimmo75 - 3 settimane fa

          Mi sa che non sono stato chiaro. Ci riprovo. Innanzitutto mai messo in dubbio alcun tuo diritto. In secondo luogo, credo che nessuno, me compreso, possa essere men che felice se un giovane del vivaio gioca, fa bene e s’impone. Volevo solo farti capire che se un calciatore non viene schierato un buon motivo ci sarà. Mazzarri (e chiunque altro) ha tutto l’interesse a far giocare quelli che reputa migliori perchè il suo futuro (e il suo stipendio) dipende dai risultati che otterrà. E dunque, se ritiene che Millico o Parigini o Pinco Pallo siano in grado di far meglio di Tizio, Caio o Sempronio, stai pur certa che li farà giocare. Ovvio che non è immune da errori, per carità, però, venendo al particolare: Parigini è tra i pro da un bel po di anni ormai e non si è mai riuscito ad imporre, nè in B (salvo rare volte), nè in squadre da bassa serie A, nè al Toro. Perchè?
          Edera ha giocato poco al Toro e poi a Bologna dove c’è un allenatore che per lui ha un debole. Perchè?
          Millico non è andato in prestito per questione di minuti ma nei pensieri di Mazzarri quella doveva essere la sua sorte (dovresti chiederne conto a Cairo, semmai, sul perchè è rimasto al Toro nonostante una concorrenza praticamente impossibile da battere), avendo praticamente zero esperienza tra i pro se non quei minuti che lo stesso Mazzarri gli ha regalato contro i modestissimi avversari incontrati ai preliminari.
          Capisci cosa intendo? Stai ben certa che se fosse anche solo appena “pronto” per la serie A l’avrebbe tenuto e magari schierato in qualche spezzone, proprio in virtù di quel discorso che facevo prima circa la convenienza che ogni allenatore ha a mandar in campo gente più brava possibile.
          Poi ognuno è libero di pensare che chi siede in panchina sia un cattivone perchè non fa giocare chi vorremmo noi tifosi.
          Ricordi cosa ti dissi su Bonifazi, quando giocava? Ti dissi che ti avrei dato ragione se lo avessi visto ancora titolare quando sarebbero tornati disponibili Lyanco e N’Koulou. Ebbene, è bastato già solo un Lyanco non al top per farlo tornare in panchina. Ancora una volta ti chiedo “perche?”. La risposta è sempre quella: per il bene del Toro (secondo Mazzarri) è meglio che giochi gente con altre caratteristiche.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. renato - 3 settimane fa

        Dici bene Mimmo75, i “nostri” giovani si devono guadagnare la maglia. Giusto.
        Non capisco però come possano farlo se non li metti mai in campo. Un conto è allenarsi con impegno (dovere sacrosanto), un altro è fare una partita “vera” contro degli avversari “veri”. E non raccontiamoci delle storie, le partite non sono tutte uguali.
        Non pretendo di far esordire un giovane contro il Napoli (è un esempio, visto che lo incontreremo domenica prossima) ma contro un Lecce o un Genoa sì.
        Caro Mimmo, nella vita purtroppo (o per fortuna, vedi tu) bisogna imparare ad osare; certo, senza esagerare, senza prendersi dei rischi inutili, però bisogna “osare”.
        Se non si rischia mai difficilmente si raggiungono dei risultati soddisfacenti.
        E non sto parlando solo di sport ma di qualsiasi scelta ci capiti di dover fare nella vita, come ad esempio sposarsi, fare un figlio o molto più semplicemente cambiare lavoro. Tutti rischi possibili, ma se non li corri rimani lì dov’eri.
        Un’ultima osservazione, e qui devo dare ragione a Madama Granata. Le opportunità vengono offerte con una certa “generosità” ai giovani stranieri, con gl’italiani invece si usa il contagocce…
        Su questo punto non transigo, secondo me le possibilità devono essere uguali per tutti, senza simpatie o convenienze extra sportive.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Mimmo75 - 3 settimane fa

          Renato, sai qual’è il problema? Che sbagliamo sempre a pensare che gli allenatori vedano il calcio e i giocatori come noi. Tu dici che schierare un giovane sia un rischi da correre per imparare a osare. Ma io oso se non ho piena cognizione di qualcosa. Se però il giovane lo vedo in azione ogni santo giorno la cognizione ce l’ho eccome, visto che sono un allenatore professionista e non un semplice tifoso che vede 90 minuti a settimana la squadra. Quindi non si tratta di rischiare o di osare ma di scegliere a ragion veduta. Poi, posso essere d’accordo con te che il mondo del calcio a volte presenta casi nei quali uno è stato “scartato” e poi è diventato un campione (Griezman) o di presunti fenomeni rivelatisi grandi flop (Pinga per restare a noi), ma sono eccezioni che confermano la regola. Chiudo: Bremer ha avuto occasioni con generosità? Un anno fermo a guardare gli altri lo definisci così? Lukic mandato a svernare in Spagna che occasioni ha avuto? Gustafsson e Boye, neanche portati in ritiro? Suvvia…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. renato - 3 settimane fa

            Mimmo, è un piacere parlare con te perchè motivi sempre in modo molto chiaro le tue ragioni.
            Non sono però d’accordo con la tua osservazione “oso se non ho piena cognizione di qualcosa”.
            Io volevo dire esattamente il contrario, probabilmente non mi sono spiegato bene. Oso se “ho” piena cognizione di qualcosa, altrimenti mi prendo rischi troppo grandi. Spero di essermi spiegato meglio. Ciao.

            Mi piace Non mi piace
  11. PrivilegioGranata - 3 settimane fa

    Millico è anni luce dietro ai 4 titolari, Belotti, Zaza, Iago, Verdi.
    Ha fatto tenerezza in EL per ingenuità e incapacità di correre con profitto.
    Edera e soprattutto Parigini gli staranno davanti, non appena rimessi in forma.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PiazzistaDiSeggiolini - 3 settimane fa

      Giusto tenerlo, non prestrlo, non farlo giocare e lasciarlo marcire in panchina…!!!

      Ottimo…!!!!

      P.S.: ovviamente sei talmente “tenero” che lo hai subito “battezzato”…quasi fosse della forza di Sadiq…!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Criss73 - 3 settimane fa

    Si….parole….ad agosto mazzarri aveva detto che millico e rauti se li avesse messi non avrebbero sfigurato, ma mazzarri ha paura della sua ombra, PROVALI CAVOLO TANTO PERDERE PER PERDERE…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PiazzistaDiSeggiolini - 3 settimane fa

      Quando Mazzarri deve parlare pubblicamente dei Giovani inseriti in prima squadra, prima si fa un bel litro di tavernello così, dopo averli elogiati e coccolati, quando gli passa la sbornia non ricorda nulla…!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. PiazzistaDiSeggiolini - 3 settimane fa

    Sarebbe anche ora di riprendere il discorso iniziato dalle qualificazioni all’EL…!!!

    Dopo l’ennesima cag…..ta fatta dalla Società nell’ultimo giorno di calciomercato, occorre rimediare e agevolare esperienza e maturazione del Ragazzo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. r.ponzon_13686323 - 3 settimane fa

    E beh, direi che dovrebbe diventare il 4°, Zaza spostato al 5°

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy