Nkoulou, Belotti e… Ora i leader del Torino devono dare qualcosa in più

Nkoulou, Belotti e… Ora i leader del Torino devono dare qualcosa in più

Approfondimento / Sirigu, Nkoulou, Rincon e Belotti: Longo chiede una scossa ai suoi senatori. E oggi le porte del Filadelfia saranno aperte

di Nicolò Muggianu

Sirigu, Nkoulou, Rincon e Belotti: sono questi i giocatori che hanno il maggior peso specifico all’interno dello spogliatoio del Torino. Un po’ per questioni di esperienza (la carriera di Sirigu parla da sé) e un po’ per questioni puramente tecnico-caratteriali, sono loro i punti di riferimento della squadra di Longo. E ora il neo tecnico granata chiede proprio il loro aiuto per dare una scossa alla squadra e uscire da una profonda crisi di risultati e di prestazioni.

Toro, la tenuta fisica è un problema: dopo 60’ il serbatoio è già vuoto

LEADER – Dopo la prima, frenetica settimana da neo allenatore del Torino, Moreno Longo avrà a disposizione una settimana abbondante di lavoro per preparare la prossima partita. Ragion per cui l’ex mister della Primavera lavorerà non solo sull’aspetto atletico, ma anche su quello psicologico con una squadra che ha dimostrato di sciogliersi alla prima difficoltà. Per questo Longo chiederà aiuto ai leader dello spogliatoio, individuati in Sirigu, Rincon, Nkoulou e Belotti. Dovranno essere loro, insieme al lavoro del tecnico, a dare una scossa allo spogliatoio per provare a rimettere la stagione in carreggiata. Giocatori che devono dare il 110% di ciò che hanno – il che sicuramente non è successo contro la Sampdoria – cercando inoltre di stimolare i compagni con meno carattere a fare qualcosa in più di quanto fatto finora.

FUTURO – Nel frattempo il Torino ricomincerà a lavorare. Nel pomeriggio odierno, infatti, la squadra tornerà ad allenarsi al Filadelfia in vista del prossimo match di campionato, in programma lunedì prossimo a San Siro contro il Milan. Una sfida che il Torino, nonostante l’ultima sconfitta contro la Sampdoria, continuerà a preparare a porte aperte. Prosegue dunque il solco tracciato da Longo, che sa quanto possa essere importante per i giocatori sentire la vicinanza del pubblico in questo momento di difficoltà collettiva. Perché, per quanto la crisi possa essere profonda, l’unico modo di uscirne è farlo tutti insieme.

16 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. prawn - 2 settimane fa

    Nkoulou senatore del Kolou

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ardi2 - 2 settimane fa

    Certo che con questa difesa e con questo attacco, Bonifazi e jago, non servivano veramente a niente, bene così. Stessa cosa per Laxalt, quantomeno a livello numerico. Innesti a centrocampo poi del tutto inutili. Il nostro benefattore pensa sempre e solo al bene del Toro. Grazie cairo, hai fatto così tanto per noi, che ora meriti riposo. Vendi la società, magari prima di svendere tutti quelli che hanno mercato, così che La Rosa abbia ancora valore e magari qualcuno che non sia un avvoltoio, abbia ancora interesse a comprare il Toro. Lo dico per te, grande benefattore, dopo tutti gli sforzi fatti per avere una struttura societaria e immobiliare al top, oltre che ad una rosa iper competitiva, meriti riposo. Anzi spero che grazie a black stone, tu non possa più lavorare neanche come editore, così potrai goderti la vita senza più pressioni e dedicarti a te stesso a tempo pieno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 2 settimane fa

      Quanto mi sono incazzato per quelle tre dipartite lo so solo io.

      Anche se quel sottosvilippato di mazzarri voleva liberarsene doveva tenerli, WM era cmq sull’orlo del precipizio.

      che presidente di merda. DS completamente assente. comi in coma

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. NEss - 2 settimane fa

    Mi ha colpito vedere Nkoulu sorridente lanciarsi sopra gli altri giocatori per festeggiare il goal di Verdi.
    Secondo me l’ambiente adesso, seppur non certo roseo, non e’ neanche disastroso. Solo che non credono piu’ ne’ all’Europa ne’ alla retrocessione, per cui alla prima difficolta’ mollano piu’ o meno inconsciamente.
    Con il Milan in coppa hanno preso goal e continuato a giocare fino alla rimonta. In campionato appena subiscono qualcosa scompaiono.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. NEss - 2 settimane fa

      Oltretutto l’Europa era una possibilita’ concreta. 6 punti con Lecce e Samp al ritorno e si sarebbe stati a 1 punto dal sesto posto nonostante tutti gli altri problemi.
      E adesso anche la retrocessione e’ una possibilita’ concreta, ovviamente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. prawn - 2 settimane fa

      Figa pero’ alla retrocessione avranno cominciato a pensarci, cosa prendiamo 4 goals a partita da qua a maggio?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Athletic - 2 settimane fa

    Correggo: Bellotti è un ragazzo SIN troppo buono… Sirigu e Rincon .,.. non si SOPPORTANO più di tanto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 2 settimane fa

      Il Gallo, ha fatto la sua bella annata con due belle ali a dargli palloni d’oro (gli epurati Iago e Ljacic, tanto per quelli corti di memoria, va all’inferno Mazzarri/Cairo) … se non gioca con quel supporto i limiti ci sono (mai una volta che salta l’uomo, per fortuna ha imparato a tirare i rigori, le punizioni non le tirera’ mai)

      Ci sta per carita, ma anche come capitano io vedo molto meglio sirigu, c’ha piu’ carattere

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Athletic - 2 settimane fa

    Il problema dei leader è che non abbiano leader. Bellotti è un ragazzo d’oro, forse con troppo buono, ma non è un leader. Sirigu e Rincon si sono sfanculati in più di un’occasione, non mi sorprenderebbe venire a sapere che non si aspettano più di tanto. E riguardo N’Koulou, ma siete seri o è una battuta? Non voleva stare a Torino, a fine anno se ne andrà, ha combinato tutto quel casino e dovrebbe essere un leader? Non a caso ieri ho citato Annoni, Policano, Bruno e ognuno di noi ne potrebbe aggiungere altri. I leader di questo Toro a mio avviso devono essere Longo, Moretti e Asta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. lucabenzoni7_8317634 - 2 settimane fa

    Secondo me sarebbe ora di far giocare i giovani e far scaldare la panchina a coloro che non si impegnano già da Luglio …….. Nkoulo e Izzo in primis …….. far giocare subito Zaza e Lyanco fisso al centro della difesa con Singo e Bremer, fasce Aina ed Ansaldi, in mezzo Rincon Lukic e uno tra Baselli e Meitè ……… FT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 2 settimane fa

      per come hai messo zaza e lyanco pare quasi che voi adattare zaza in difesa, direi alla mazzarri! 😉

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Antoniogranata76 - 2 settimane fa

    Io punterei sul Gallo, Sirigu ed Ansaldi,pur essendo consapevole che i primi due saranno sicuri partenti, sono professionisti seri e sono sicuro daranno tutto fino alla fine ,Rincon potrebbe essere un altro su cui contare ,dopodiché mi fermerei qui,assolutamente no Nkoulu, izzo che si sono sicuramente già accordati con altre squadre

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-13657940 - 2 settimane fa

      Ragazzi ma la squadra è vecchia anagraficamente con gli attuali titolari sirigu e tutti i portieri nkoulou de silvestri e rincon spores I 30 anni….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. LeoJunior - 2 settimane fa

    Attenzione a scegliere bene i leader! Adesso diventa fondamentale non sbagliare guida. Io non credo che questa fase possa essere gestita da chi ha già deciso che comunque se ne andrà. NK tutto sta avendo meno che atteggiamento da leader. E anche quelli più in vista, con mercato, rischiano di non esserlo.
    Moretti in questa fase diventa fondamentale. Lui sa chi sono quelli su cui contare.
    Io provo a dire: Gallo, capitano e uomo vero. Anche se forse sa e ha deciso di andare a giocarsela in società con più prospettive non è uno che si tira indietro.
    Ansaldi. Per prima cosa è argentino. Ha una certa età e non credo aspiri più a grandi traguardi.
    Rincon. Più o meno il discorso di Ansaldi
    Sirigu. Sardo testardo e affidabile. Orgoglioso e non vuole certo avere nel suo CV una retrocessione.
    De Silvestri, ma dalla panchina e in appoggio
    Io mi fermerei qui forse estendendo a Baselli.
    Sul resto non mi fido. Zero di tutta la difesa. Izzo è andato. NK idem, molto prima. Io li farei fuori tutti e due, se non altro come dimostrazione per gli altri.
    Butterei nella mischia qualche giovane con gamba e voglia. Non so come sono i nostri Singo e Adopo ma non saranno certo peggio dei giocatori del Lecce o del Verona!! Ma a differenza delle ns “star” almeno avranno voglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. eurotoro - 2 settimane fa

    qualcuno ci aveva divisi in veri tifosi e non!..ora nel momento di maggior difficoltà questo qualcuno si ricredera’ e capirà il grosso errore di 2 anni di porte chiuse al Fila…è in queste situazioni che il popolo granata si compatta sempre attorno alla squadra..lo ha sempre fatto e sempre lo farà perché siamo i piu passionali ed orgogliosi della nostra storia!…supereremo anche questa perché il nostro Tempio sacro è li a ricordarcelo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 2 settimane fa

      Community Id not found?

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy