Sirigu, leader dentro e fuori dal campo: il Torino dovrà far di tutto per confermarlo

Focus On / L’estremo difensore sta ricoprendo il ruolo di uomo spogliatoio anche durante la quarantena. Difficile sbilanciarsi ora sul suo futuro, ma c’è un contratto sino al 2022

di Luca Sardo

A 33 anni compiuti il 12 gennaio scorso, Salvatore Sirigu in questa stagione fino ad ora ha confermato ancora una volta di essere tra i portieri più forti del campionato italiano. Grande esperienza e qualità di uomo spogliatoio uniti alla bravura fra i pali: caratteristiche uniche di un portiere straordinario. Arrivato al Toro nell’estate 2017, Sirigu ha raggiunto quota 100 presenze in maglia granata lo scorso gennaio. Vero leader dentro e fuori dal campo, il Torino questa estate dovrà far di tutto per non lasciarsi scappare il fenomeno sardo.

Quale calcio dopo il Covid-19?

IMPRESCINDIBILE – L’ottima prestazione a Roma (con porta inviolata) che ha permesso ai granata di vincere all’Olimpico contro i giallorossi e il rigore parato a Radovanovic negli ottavi finale di Coppa Italia (determinante per la vittoria finale) sono solo alcuni esempi recenti di quanto in questa stagione il portiere sardo ha fatto la differenza tra i pali. Sirigu ormai è diventato imprescindibile per questo Torino e una guida per i più giovani senza ombra di dubbio. Come ha confermato lui stesso a Sky Sport 24 ieri: “Nello spogliatoio cerco sempre di farmi sentire“. In questa stagione ha sempre risposto presente, non saltando nemmeno una partita: sono infatti 33 le presenze totali tra campionato, Coppa Italia e qualificazioni di Europa League.

FUTURO – Un portiere e un leader di tale spessore è importante non lasciarselo scappare. In queste settimane hanno già iniziato a girare voci di mercato sull’interessamento di varie squadre per l’estremo difensore granata. Su tutte ci sarebbe l’interesse del Milan che, nel caso in cui dovesse vendere Donnarumma, potrebbe puntare proprio sul nativo di Siniscola per la sua successione. Il Torino dunque dovrà fare attenzione ad eventuali offerte che vorrebbero strappare il portiere al club granata e blindare definitivamente l’estremo difensore sardo: con un eventuale adeguamento contrattuale e soprattutto con garanzie sulle ambizioni di un progetto che già nel 2018 convinse Sirigu a firmare un contratto sino al 2022. Fin da subito, Sirigu ha dimostrato di essere un uomo fondamentale sia dentro che fuori lo spogliatoio ed è diventato oramai imprescindibile per il Torino. Se c’è qualcuno che per immagine e qualità può essere un caposaldo del futuro granata, questi è proprio il portiere sardo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy