Torino, Belotti è il solito leone: ma gli assist in area non arrivano

Torino, Belotti è il solito leone: ma gli assist in area non arrivano

Focus On / Sempre in partita, le prende ma le da anche: il solito Gallo, a cui manca ancora il gol

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Il Torino è uscito dalla sfida contro la SPAL a Ferrara con soltanto un punto in tasca, in una gara nella quale ci si aspettava una sorta di salto di qualità dopo il successo contro l’Inter di Luciano Spalletti. La squadra granata, dopo i primi 20 minuti, ha cominciato a far fatica, fino all’espulsione di Nkoulou: da quel momento in poi i granata hanno principalmente pensato a fare punti e a non perdere.

Spal-Torino 0-0, Mazzarri: “Nkoulou? Era fallo su di lui. Non siamo il Barcellona”

BELOTTI – Tra i giocatori che hanno lottato in campo c’era, come sempre, il Gallo Belotti, l’attaccante con il numero 9 che la sua forza fisica ha dato molto al Torino in una partita da ben 51 falli (record in Serie A). Belotti ha vinto ben 10 duelli su 20, 4 di quelli aerei su un totale di 10. In più ha giocato 29 palloni: da questo si capisce che il Gallo è stato nella partita per tutti i 90 minuti, al contrario – per esempio – del suo compagno di reparto Simone Zaza, che ne ha giocati solo 10. In una gara come quella di ieri, senza dubbio da battaglia vera, il centravanti granata è stato di fondamentale aiuto per la squadra, ma gli manca ancora il gol.

Le pagelle di Spal-Torino 0-0: Nkoulou tradisce, Zaza torna a deludere

GOL – Quando si parla di gol, Andrea Belotti è in grande difficoltà: nella giornata di ieri ha tirato in porta una volta sola, creandosi l’opportunità e calciando da fuori area. Non segna da oltre un mese, non ha ancora segnato nel 2019 e la colpa non si può attribuire solo a lui: le occasioni che ha avuto si possono contare con il contagocce. Il Gallo è in piena forma, ma non c’è un uomo – al momento – che riesca procurargli le occasioni da rete. Mancano i crosso pericolosi, che Belotti non può crearsi da solo: per riuscire a superare questo momento, il Torino dovrà lavorare molto su questo aspetto.

15 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. TORO1960 - 7 mesi fa

    Ce lo mandano sempre per terra! Non può continuare a fare il maratoneta. F.V.C.G.♉♉♉

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. "Ho visto cose che voi umani non potreste neppure immaginarvi: gobbi piangere all’uscita dello stadio nel‘77, Pulici pulirsi le scarpe su una bandiera. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia, grazie all'EFFECI" - 7 mesi fa

    forza TORO! anche in momenti come questo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Pikabu - 7 mesi fa

    343 o il povero Andrea continuerà a crearsi le occasioni da solo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ALESSANDRO FIENAURI - 7 mesi fa

    ogni anno è la stessa musica, come al solito stecchiamo. Il problema a forza di fare campionati anonimi anche noi ci siamo abituati alla mediocrità, non c’è nulla di peggio. Siamo realisti le ultime due partite … e non solo… abbiamo fatto due tiri in porta e un gol con rimpallo conto l’inter che in questo periodo gioca al contrario. È inutile che stiamo a difendere in attacco tizio o caio, qui gli unici da difendere sono solo i tifosi che seguono la squadra. Su dai non è possibile che Iago Falque il nostro attaccante più in forma degli ultimi almeno 3 anni sia in panca da 2 domenica senza motivo, ci vuole che qualcuno ce lo spieghi…che acquisto con la mosca zazza e pensare che Zapata costava anche di meno e non era un ex merdino…anzi lui i gol alle zebre glie li fa no glie li fa segnare. Speriamo di venir smentito al + presto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-14143365 - 7 mesi fa

    fuorii Zaza e portare Belotti al centro dell’attacco! il problema e’ questo! zaza inadatto a giocare al calcio! quindi tornare indietro e soedire Zaza al mittente come si e’ fatto con Soriano!!!! Belotti centravanti a vita con Jago Falque e dentro i giovani..
    .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. F.E.R.T. - 7 mesi fa

    leone una ceppa, è sempre a terra

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-14016513 - 7 mesi fa

    condivido….11 belotti….e siamo apposto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. ciccio76 - 7 mesi fa

    Belotti secondo me non è in discussione , magari ad avercene altri di giocatori così generosi. Ogni partita deve lottare contro i mulini a vento e se gli arriva mezza palla è grasso che cola. In discussione semmai
    è il non gioco e la Società che dice “ siamo a posto così “ nonostante le bufale che hanno preso a giugno e che devono far giocare per forza se no si deprezzano. Ultima riflessione: quanti altri centravanti di spessore ci sono in giro che siano disposti a prendere gli ingaggi del Torino calcio? Teniamoci il ns. bomber e mettiamolo in condizione di segnare piuttosto .FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Toro71 - 7 mesi fa

    Oltre a Mazzarri il problema principale è il reparto offensivo: Belotti, Iago Falque e Zaza tutti insieme hanno segnato soltanto 11 gol. È un miracolo che in classifica abbiamo 31 punti. Per ovviare a questa penuria di gol e considerando la squalifica di Zaza fossi Mazzarri schiederei Belotti, Iago Falque e Millico. Anche perché i 3 punti con l’Udinese sono fondamentali.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. user-14103079 - 7 mesi fa

    Neanche questa è la sua dimensione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. michelebrillada@gmail.com - 7 mesi fa

    finchè non sarà esonerat mazzarri noi non vedremo piu giocare a calcio e quindi è inutile parlarne deve andarsene al piu presto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. user-14103079 - 7 mesi fa

    21 esimo del secondo tempo.. Belotti prende un giallo per un fallo commesso AL LIMITE DELL’AREA DEL TORO per recuperare un pallone…. sullo sfondo i centrocampisti che corricchiano rientrando. Emblematico!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. policano1967 - 7 mesi fa

    si vabbe sara anche vero che palle nn arrivano per lui,ma diciamo che il belotti che faceva salire la squadra manco ce piu.na volta anche giocando a centrocampo come ora faceva reparto da solo.stoppa i palloni alla ciccio graziani ora.stopo e palla a 2 metri.mazzarri lo penalizza di brutto ma lui e tornato un centravanti sotto la sufficienza.i 22 gol sono stati un anno magico per lui ma nn e e quella la sua dimensione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. ProfondoGranata - 7 mesi fa

    Purtoppo la verità è duplice.
    1) Noi abbiamo una squadra che ha qualche limite in attacco (costruisce poche occasioni pulite, e non sfrutta bene le poche occasioni che crea) e di questo gran parte della responsabilità, a mio modesto modo di vedere, è del mister che impone schemi e ruoli che obbligano taluni giocatori a doversi adattare con conseguente perdita di efficacia.
    2) In aggiunta a questo, è altrettanto evidente che abbiamo subito diversi “torti” arbitrali che ci hanno palesemente penalizzato in termini di classifica (non avere un rigore quando vinci 3 a 0 non ti danneggia, ma vederselo negare come ieri su Belotti sullo 0 a 0 oppure su Zaza contro i gobbi in analogo punteggio ti condiziona parecchio).
    Di questo fa bene Mazzarri a lamentarsi, così come i giocatori farebbero bene a non protestare troppo, perché gli arbitri, tralatro, hanno il “giallo per proteste” molto facile ultimamente…
    Detto questo, una considerazione… non è affatto per dire che va bene o che “mal comune mezzo gaudio”, ma anche altre squadre più “blasonate” di noi soffrono o hanno sofferto quest’anno di analoghe situazioni anche se, ad onore del vero hanno qualche (neanche tanti) punto più di noi. Milan, Roma, Inter fra tutte. La Roma ieri si è salvata per un errore arbitrale, ma il Milan si è visto negare un rigore su Suso. Inter ha perso malamente contro il Bologna. La juve ha preso tre pappine dal Parma (e Allegri, poco abituato ai torti arbitrali, si è pure fatto espellere, ben gli sta) e si è fatta eliminare dalla Coppa Italia!
    La Fiorentina ieri ha pareggiato per un colpo di fortuna (un tiro da fuori area che rifatto cento volte non rientra manco a pagare) e Chiesa a parte la doppietta con noi e la partita contro il fantasma della Roma in Coppa, non è che stia proprio brillando, al pari di Higuain, Icardi, e vari altri molto più cari e ben pagati del nostro tridente messo insieme!
    Va bene? Ovvio che no, ma a differenza delle altre 5 o 6, pretendenti la Champions come obiettivo minimo (Juve, Napoli, Inter, Milan, Lazio, Roma), e già così i posti per l’Europa potrebbero essere già esauriti (la juve ha perso la coppa Italia e se dovesse andare alla Fiorentina sarebbero solo 6 i posti disponibili per l’Europa tra Champions e EL, noi non abbiamo fatto un mercato estivo per passare dal 10o posto al 5o posto… Abbiamo fatto un discreto mercato, con le risorse che potevamo permetterci, per ambire a crescere e sperare in due obiettivi: Coppa Italia (che ci avrebbe dato automaticamente accesso alla EL), oppure un eventuale 7o posto per rientrarci comunque.
    Il primo obiettivo ce lo siamo fumato in una partita secca con la Viola a causa di un evidente calo di forma, qualche giocatore indisponibile e qualche (troppi) errori personali (sia in attacco per diverse occasioni fallite, sia in difesa per due papere su Chiesa inammissibili), con poca responsabilità di Mazzarri. Il secondo non è ancora perduto ma è seriamente in bilico per i due punti già esposti in cima.
    Personalmente non credo alla sfortuna, quindi gli “errori” arbitrali vanno messi in conto, e piuttosto previsti, giocando con più attenzione e malizia ed evitando proteste o situazioni che potrebbero danneggiarci (come l’espulsione di Meitè per reazione contro la Lazio: che sia la società a farsi sentire; le carenze in attacco sono invece situazioni strutturali che vanno gestite dal mister. Ben venga il tridente con le giuste rotazioni dei giovani promettenti della primavera, ma sopratutto cercando di impostare un centrocampo che deve costruire meglio la manovra offensiva cercando affondi e verticalizzazioni per le punte che possono anche sacrificarsi per la squadra quando è necessario ma che prima di tutto devono farsi trovare pronti in area e saper sfruttare ogni occasione. E questo deve arrivare da Mazzarri.
    Se così non fosse, io sinceramente preferirei spendere due milioni in più ogni anno per un allenatore come Sarri che ricominciare una campagna acquisti avventurosa alla ricerca di nuove e sconosciute premettenti scommesse: qualche rinforzo ci serve (tipo Lialjc, o se possibile, anche più serio ed affidabile di lui) ma il grosso della rosa è solito è merita fiducia.
    Forza Vecchio Cuore Granata, sempre e comunque.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. user-13658280 - 7 mesi fa

    si però morire se arriva lui per primo una volta in un corner o cross su calcio piazzato, le partite si vincono anche così

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy