Torino, Baselli regista: maturità e geometrie, sarà l’alternativa a Rincon

Torino, Baselli regista: maturità e geometrie, sarà l’alternativa a Rincon

Focus On / Il centrocampista bresciano ha dato prova di grande duttilità, ma in gare più impegnative tornerà il General a vestire i panni del perno della mediana

di Redazione Toro News

Sotto la guida di Walter Mazzarri, molti giocatori del Torino attuale si sono completati cimentandosi in ruoli diversi dal solito, e con buoni risultati. Da Berenguer a Lukic, da Aina ad Ansaldi, il tecnico ha modellato una squadra camaleontica nel modulo e negli uomini. Tra questi c’è anche Daniele Baselli, che con il tecnico toscano ha giocato un po’ in tutti i ruoli del centrocampo. Prima da mezzala del 3-5-2, poi da trequartista, ultimamente da perno centrale della mediana a cinque, il classico regista davanti alla difesa. Anche qui, i riscontri sono stati assolutamente incoraggianti.

ESPERIMENTO OK – La premessa per ragionare sull’efficacia di Baselli in questa posizione è il fatto che Debrecen e Soligorsk si siano dimostrati avversari di caratura nettamente inferiore al Torino. Ma Daniele ha giocato tre ottime partite (due e mezza, per la verità, visto l’acciacco che lo ha indotto a uscire a ridosso dell’intervallo in Ungheria). In fase attiva, dando geometrie e ritmo alla manovra nonchè calibrando un bell’assist da palla inattiva per il primo gol di Belotti ai bielorussi. E anche in fase in passiva, dimostrandosi in grado di poter rivestire i panni dello schermo davanti alla difesa in talune situazioni. Baselli, tirando le somme, è ormai entrato nell’età della maturità e si vede: questa può essere la stagione della definitiva consacrazione, dopo un’ottimo finale di annata nel 2018-2019.

ESPERIENZA – In generale, tuttavia, si deve tenere in considerazione che il Torino ha ancora da giocarsi la carta Rincon; il General ha iniziato queste partite in panchina in quanto non al pari dei compagni per minuti nelle gambe. Ma, soprattutto contro avversari più tosti – a partire probabilmente dal Wolverhampton – è verosimile che Mazzarri possa tornare ad affidarsi al venezuelano che per carattere, grinta ed esperienza è un’assoluta certezza. Sta di fatto che comunque il tecnico ha scoperto un’opzione importante in più che può essere preziosa durante la stagione: Baselli regista, si può fare.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Madama_granata - 4 mesi fa

    Ora Baselli, ne sono contentissima io, è diventato un campione: bene!
    Plaudono tutti quanti, giornalisti e tifosi: bene!
    È intelligente, tecnico, versatile, veloce: un Jolly a centrocampo. Bene!
    Ma mi domando: è mai possibile che tanti “compagni di fede granata” debbano costantemente avere una “vittima sacrificale” contro cui scagliarsi?
    Fino a pochi mesi fa gli insulti a Baselli non si contavano: “leggerino, evanescente, incompiuto, non da serie A, non degno di vestire il granata, senza…diciamo carisma (non era proprio questo il termine usato), da svendere-non da vendere”, ecc.ecc…
    Ho evitato insulti e volgarità, ma piovevano soprattutto quelli!!
    Di volta in volta la “vittima sacrificale” degli insulti e del disprezzo degli “arrabbiati” sono stati, oltre a Baselli, De Silvestri, Parigini, Zaza.
    Qualcuno ci ha provato persino con Belotti, dopo l’infortunio!
    Izzo, senza averlo mai visto giocare in granata, è stato “bombardato” solo per le sue origini: ora è diventato un Idolo!
    Adesso tocca a Bonifazi: peste e corna sul ragazzo.
    Inutile in squadra, fanalino di coda dopo Lyanco, Djidji, Bremer e Singo!
    Non attaccato al Toro (e lo credo, per come è stato finora trattato), e che non si è tagliato le vacanze!
    A proposito: Aina dov’è? In ferie da prima di metá luglio, è rientrato in squadra?
    Bonifazi: ottimo solo per fare cassa!
    Eh, già, perché se gioca nel Toro è un brocco, se è in vendita è un ottimo giocatore, capace di portare nelle casse granata cifre senz’altro superiori di quelle che porterebbero i suoi soprannominati compagni di reparto!
    Se è valutato più degli altri, dico io, non sarà perché vale di più come calciatore?
    Curioso che cerchino, e paghino, di più un brocco, che non uno bravo!
    Ah, già, x alcuni è anche tatuato!
    Rivolgerebbero lor signori OGGI gli stessi insulti a Izzo e Baselli, per esempio?
    No, è il momento di Bonifazi: dà fastidio anche se respira, anche se, senza adeguata preparazione ed affiatamento con la squadra, fa bene in campo e segna anche gol!
    Nel Toro non serve e non vale nulla: serve solo x fare cassa!!!
    Un’ultima constatazione: mi rendo conto che tutte le VITTIME dei tifosi “arrabbiati”,tutte quelle che ho citato, sono ITALIANE!
    Per caso: taluni non sono forse propensi a subire “il fascino dello straniero”?
    RAZZISTI, NO, MAI!
    Cerchiamo però di non esserlo neanche nei confronti di alcuni calciatori la cui unica colpa è di “essere Italiani”!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 4 mesi fa

      Dimenticavo, scusate!
      Per taluni Sirigu, quand’è arrivato, era uno “bollito”!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. abatta68 - 4 mesi fa

        Vabbè dai, è ovvio che tra tanti commenti ci possono essere anche quelli eccessivi, ignoranti o non competenti. Però è anche vero che baselli e zaza hanno fatto abbastanza cagare in diverse partite. Poi concordo con te nel sostenere sempre i nostri giocatori, tutti, ci mancherebbe.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. maxx72 - 4 mesi fa

      Signora, la quoto. Baselli per me è uno dei grandi di questa squadra…Tanto lavoro oscuro e mai una parola fuori posto. Cosa vogliamo di più?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Kalokagathia - 4 mesi fa

      É necessario contestualizzare Madama. I giudizi negativi su Baselli sono arrivati a fronte di prestazioni poco brillanti non solo per qualità ma sopratutto per atteggiamento. Io mi inserisco tra coloro che lo hanno un po’ torturato, spesso ironizzando su tatuaggi e taglio di capelli per evidenziare l’atteggiamento passivo come se le partite fossero più una vetrina estetica che una gara. Le critiche piovevano proprio per l’atteggiamento pressappochosista alla luce di distinte qualità tecniche, e spesso ho denunciato la tua ostinata difesa a volte, a mio parere, fuoriluogo. Ora Baselli ha trovato il suo posto e la sua utilità, non è il fuoriclasse che si sperava fosse ma é un ottimo elemento e top-player finalmente consacrato.
      Dunque è vero che le critiche spesso sono esagerate ma riguardo la parabola di Baselli, come quella di Zaza, sono casi in cui, insomma, ci potevano anche stare…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. uiltucs.pesar_12159015 - 4 mesi fa

      Il vero problema è che non si impara mai dagli errori del passato… si contesta a prescindere x poi salire sul carro del vincitore appena il giocatore dimostra di essere all’altezza della Maglia! Un po’ di equilibrio in più non guasterebbe ma mi rendo conto che x il tifoso granata (non la maggioranza, x fortuna) è difficile, molto difficile, essere equilibrato…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. abatta68 - 4 mesi fa

    Tutte le squadre organizzate, che affrontano 2/3 competizioni, calcolano minutaggio su ogni giocatore. Anni fa dicevo appunto che per essere competitivi occorreva avere una rosa che potesse disporre di almeno 16 giocatori di pari livello qualitativo, proprio per non dover considerare uno titolare e l altro un rincalzo, così come poter schierare formazioni ben diverse, senza considerarne una titolare e l altra il toro B. Solo così si può pensare di poter vincere una coppa Italia, arrivando a maggio non con la formazione più forte sulla carta, ma quella con i giocatori più in forma da poter schierare. In questo senso ne caselli ne rincon devono sentirsi riserva di nessuno, con relativi vantaggi in termini di unione del gruppo e senso di squadra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 4 mesi fa

      Secondo te abbiamo 16 giocatori di pari livello!?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. abatta68 - 4 mesi fa

        No però oggi abbiamo baselli/rincon, non gazzi e vivesse con tutto il rispetto, così come abbiamo iago e berenguer o zaza e belotti, non barreto e larrondo. In difesa ad oggi abbiamo 6 giocatori di livello medio alto, non rossettini ed ajeti. Bonifazi ha 23 anni ed è un giocatore della nazionale, ed è considerato il meno forte dei 6. Se prendiamo sti due benedetti giocatori che ci mancano ai 16 di livello ci avviciniamo molto. Poi sai come la vedo con Cairo e di come a mio avviso non si possa andare molto più in là, però sul valore medio della risa siamo sicuramente cresciuti negli ultimi anni.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-14287754 - 4 mesi fa

    daniele sa fare anche gol con inserimenti meglio gioca un po più avanti il general e una certezza davanti alla difesa comunque abbiamo un grandissimo allenatore quindi farà sempre la scelta giusta FORZA TORO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Mimmo75 - 4 mesi fa

    Uhm…siamo sicuri invece che non sarà Rincon l’alternativa a Baselli? Anzi, alla luce del pragmatismo di Mazzarri mi sento di dire che la scelta su chi piazzare in mezzo dipenderà molto dall’avversario. El General ha temperamento, forza fisica e intensità dalla sua ma rispetto a Baselli paga pesantemente dazio in velocità di pensiero e di calcio nonché in qualità della giocata. Mazzarri non è un integralista innamorato di un’idea tattica (come Ventura) né un ottuso convinto di poter imporre il proprio gioco a chiunque (Mihajlovic). Secondo me Baselli e Rincon si alterneranno a seconda delle partite da affrontare: El General per contrastare avversari di caratura superiore, Basellao per tutti gli altri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy