Torino: per Cairo, Giampaolo e Vagnati la molla in più è la voglia di rivincita

Torino: per Cairo, Giampaolo e Vagnati la molla in più è la voglia di rivincita

Focus / Tutti e tre hanno motivi personali per rilanciarsi dopo una stagione negativa

di Roberto Ugliono, @UglionoRoberto

C’è un fil rouge che lega Urbano Cairo, Marco Giampaolo e Davide Vagnati. Tutti e tre sono in cerca di riscatto dopo l’ultima stagione. Il presidente ha vissuto una stagione sotto le aspettative con il Torino, che inevitabilmente l’ha visto finire tra i principali imputati; l’allenatore ha avuto una brutta delusione al Milan dopo le ottime esperienze di Empoli e Sampdoria; infine Vagnati ha costruito una SPAL che è arrivata ultima in campionato. Per tutti e tre la stagione 2019/2020 ha segnato una brusca frenata d’arresto nei rispettivi percorsi nel calcio.

LEGGI ANCHE: Torino, Cairo: “Dovremo essere celeri per sostenere Giampaolo in tutto”

RIVINCITA – L’annata negativa ha il suo risvolto della medaglia. La voglia di rivincita. Cairo, Giampaolo e Vagnati voglio lasciarsi alle spalle l’ultima stagione per potersi riscattare. Lo potranno fare insieme e chissà che questo spirito non possa risultare decisivo. Gli ingredienti sembrano esserci tutti, perché nessuno vuole fare un altro passo indietro. In particolare chi dovrà gestire la parte tecnica. Giampaolo, si era pian piano preso gli elogi di molti colleghi – su tutti quelli di Sacchi, un maestro di calcio. Vagnati ha portato la SPAL stabilmente in A e si è conquistato la chiamata del Toro. Cairo, dal canto suo, non vuole sicuramente rivivere un’annata come quella appena terminata, una tra le peggiori della sua presidenza.

LEGGI ANCHE: Toro, Giampaolo: “Il mio augurio è di toglierci delle soddisfazioni tutti insieme”

INTESA – A parole sembra esserci subito la giusta intesa. Giampaolo si è già detto entusiasta di poter ripartire: “Sono molto felice ed entusiasta di poter riprendere a fare quello che è il mio mestiere“. Leggasi, anche di poter cancellare i pochi mesi sulla panchina del Milan. Mentre Cairo ha già annunciato di voler aiutare in fretta il nuovo allenatore: “Dobbiamo ricominciare subito, perché i tempi sono molto stretti. Dovremo essere molto celeri per sostenere Giampaolo in tutto e per tutto”. I tempi sono stretti e servirà rivoluzionare la rosa. Insomma, a parole la stagione è partita con il piede giusto. La voglia di fare bene e di non sbagliare è condivisa. Ora tocca ai fatti.

 

16 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Emilianozapata - 2 mesi fa

    Non sarà facile, dopo una stagione come quella che abbiamo passato, dal probabile ammutinamento di alcuni giocatori alle umilianti sconfitte con Atalanta o Lecce, e con una piazza comprensibilmente “nervosa” (eufemismo) e divisa, convincere chi di dovere a venire a giocare da noi. Temo che anche i famosi “fedelissimi” di Giampaolo avranno delle titubanze. Credo che sia Vagnati sia Giampaolo abbiano bisogno di un immenso “in bocca al lupo”. E di un portiere. E di tre centrocampisti. E di trattenere Belotti. E di trovare qualcuno cui sbolognare gli indegni Aina e Meité, l’inutile Berenguer, l’assurdo Djidji, il bidone Lyanco, l’esausto Rincon, e compagnia cantante. Zaza no, mi sa che ce lo terremo perché ho paura che persino Belotti si sia rotto le p…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. MASSIMO64 - 2 mesi fa

    Magari 11 giocatori nei prossimi 11 giorni sono impossibili.Per incominciare andrebbero bene 3/4 ma di livello superiore.Secondo il mio parere il problema e’ il solito;prima vuole vendere e poi comprare.Incrociamo le dita e preghiamo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabrizio - 2 mesi fa

      perche’ 11 giocatori? la squadra e’ difficilmente migliorabile quindi 1 basta.. Adesso vediamo quanti hanno la memoria corta

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Héctor Belascoarán - 2 mesi fa

        Comunque, pare che Messi quest’anno sia sul mercato. Occhio!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. fabrizio - 2 mesi fa

          e che cosa ce ne facciamo? impossibile migliorare questa squadra. Lo ha detto lui!!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. FORZA TORO - 2 mesi fa

    non vedoc come sici si possa fare illusioni per la la prossima stagione,io mi auguro una salvezza il più onorevole possibile e un gioco che possa farmi gustare le partite indipendentemente dal risultato finale SFT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. BACIGALUPO1967 - 2 mesi fa

    Tra 11 giorni inizierà il ritiro per la prox stagione.
    Per andar bene Cairo dovrebbe fare un acquisto al giorno per dare una rosa che possa lavorare fin da subito con il nuovo mister.
    Ve lo vedete Cairo che mette 11 firme su 11 contratti??

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabrizio - 2 mesi fa

      si! ma poi mi sveglio…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. eurotoro - 2 mesi fa

    bene..qui sotto un commento positivo ed uno negativo…la verità sta nel mezzo..l’intelligenza dell’uomo non è non fare mai errori ma non ripetere lo stesso errore 2 volte!…questo solo vorrei dire a Cairo Vagnati e Giampaolo! FVCG sempre nonostante tutto e tutti..io sono un po entusiasta di illudermi un’altra volta!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. BACIGALUPO1967 - 2 mesi fa

    Esiste solo una molla….
    I Soldi!
    Se investe i risultati ci saranno se vende i migliori e non investe la molla ci farà rimbalzare in serie b

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Kieft - 2 mesi fa

      L’Atalanta non ha speso un granché per pasalic gosens froiler hateboard ….e neanche gomez ilicic e zapata [che alla Samp sembrava un morto ) ..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. fabrizio - 2 mesi fa

        e’ proprio qui’ la nota dolente.
        Cairo quando spende i soldi li spende malissimo! deduco che e’ quindi incompetenza soprattutto per il fatto che la storia si ripete da 10 anni a questa parte.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. ddavide69 - 2 mesi fa

        Pasalic 15 milioni, ilicic 6, Zapata 12 ,muriel 20 .

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. spiritolibero - 2 mesi fa

      Ammesso che investa speriamo che i soldi li spenda bene per giocatori di qualità e che siano graditi all’allenatore Spendere per spendere non servirebbe a nulla Come al solito

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Héctor Belascoarán - 2 mesi fa

    Io invece dopo l’ultimo incredibile anno mi sento di essere ottimista. D’altro canto questa è oggettivamente l’ultima fermata per Cairo se fallisce anche questa ricostruzione penso che sarà chiaro anche per lui il capolinea. Immaginatevi il caos e come la cosa potrebbe realmente ledere alla sua immagine di imprenditore vincente.
    Io non vedo alternative: o è l’inizio di una rivincita (anche personale) o è la fine di un quindicennio di fumo e miserie. Ce lo dirà il campo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Bischero - 2 mesi fa

    L unica cosa che può cercare Cairo con il toro sono i pacchetti di grissini di panealba.giampaolo e vagnati a meno di clamorosi colpi di culo a cui credo poco sono già a rischio esonero da gennaio in avanti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy