Torino, cena di Natale a Villa Sassi lontano dai riflettori

Torino, cena di Natale a Villa Sassi lontano dai riflettori

Il fatto / La società granata ha organizzato nei minimi particolari il tradizionale banchetto natalizio

di Redazione Toro News

Come tutte le società di Serie A, anche il Torino ha organizzato la tradizionale cena di Natale, che si è tenuta nella serata di martedì 17 dicembre a Villa Sassi, prestigiosa location torinese proprio sotto il colle di Superga. Presente tutta la prima squadra, lo staff tecnico e la dirigenza, con il presidente Urbano Cairo in testa, insieme agli sponsor. Ma a differenza di molti altri club la società granata ha optato per una cena riservatissima, lontana dai riflettori. Le scene viste alla tv in questi giorni, con i calciatori che arrivano alle cene assediati da fotografi e giornalisti, sono state accuratamente evitate. La scelta è stata quella della massima riservatezza: nessuna attività stampa organizzata, divulgazione dell’appuntamento solo agli invitati. Persino i giocatori hanno evitato di postare alcunché sui social, evidentemente su richiesta del club. Sobrietà e riflettori spenti in un momento in cui la squadra è reduce da una clamorosa rimonta subita a Verona e in cui l’ambiente risente delle polemiche scatenate dal tema relativo alla curva Primavera. L’auspicio è che si arrivi al Natale in modo sereno vincendo sabato sera contro la Spal.

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. GlennGould - 9 mesi fa

    Con il massimo rispetto, e ci mancherebbe, chiedo: Perché far passare Edera e Parigini, due giocatori mediocri che nulla han dimostrato se non rompere le scatole, come due giocatori forti, che Mazzarri crudelmente fa stare fuori?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 9 mesi fa

      Perché io, sempre con altrettanto massimo rispetto x tutte le idee, non dico che Edera e Parigini, Bonifazi e Millico siano dei campioni, ma credo fermamente che avrebbero dovuto avere il diritto di dimostrare se e quanto valgono.
      Trovo ingiusto definirli “mediocri” per due motivi:
      1) perché Mazzarri non li ha mai fatti giocare, quindi non sapremo mai quanto valgono.
      Se sono giocatori buoni, o mediocri o scarsi.
      2) perché il Toro ha qualche campione (Belotti, Ansaldi, Sirigu), ed alcuni buoni giocatori (Zaza, Verdi, Izzo, Falque, Rincon, Baselli, De Silvestri), ma ha anche quasi ogni settimana in campo dei giocatori mediocri (Meité, Aina) o dei giovani bravini, ma con resa altalenante, che fanno ancora tanti errori (Bremer, Berenguer, Lukic).
      Ci dicono che questi ragazzi bisogna capirli, scusarli, riprovali, aspettarli.
      Ecco, io metterei Edera e Parigini e Millico alla pari di questi ultimi, e darei loro le stesse possibilità.
      Bonifazi lo considero nettamente superiore, nel gruppo dei” buoni giocatori”.
      Laxalt, neoarrivato, e Djidji stanno facendo la stessa fine dei nostri ragazzi.
      Mazzarri ha nei confronti di tutti questi giocatori un comportamento discriminante: il perché non è dato saperlo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. vecchiamaniera - 9 mesi fa

    Ops scusate ,solo ora ho letto che la serata era ieri e non martedì prossimo.FIGURA DI CACCA!!!comunque confermo tutto il resto…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. vecchiamaniera - 9 mesi fa

    Ops scusate ,solo ora ho.letto che la serata si è svolta ieri e non martedì prossimo…scusate la figura di cacca…comunque confermo tutto il resto!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. vecchiamaniera - 9 mesi fa

    Mah…nella mia ignoranza giornalistica,credo che il titolo doveva essere”cena sociale lontano dai riflettori.”Punto.Al momento in cui si dicono data e luogo,automaticamente chiunque(giornalisti,addetti ai lavori,eventuali contestatori e tifosi in cerca di autografi)potrà decidere se essere presente o no davanti al locale.Poi permettetemi il mio pensiero :ci sono 1000 cose che mi fanno inc….re del Torino Fc (gestione societaria,piantine risultati sul campo,Fila chiuso,zero volonta di avvicinare /riavvicinare la tifoseria,ecc…)questo sì mi fa imbestialire.Della cena a porte chiuse non me ne può fregare di meno,anche perché non so in passato quante volte si sia svolta”a porte aperte al pubblico”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. vecchiamaniera - 9 mesi fa

      …piattume dei risultato in campo…sorry!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Héctor Belascoarán - 9 mesi fa

      E’ stata ieri.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. vecchiamaniera - 9 mesi fa

        Avete tutti ragione,però mi ero già autocorretto…che severi che siete!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. IlGrandePolicano - 9 mesi fa

    …paura,eh?
    …altro che cuore granata.
    Cacasotto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Giaguaro 66 - 9 mesi fa

    Cairo, dopo quello che ha combinato a noi tifosi granata non ha nemmeno più il coraggio di farsi vedere in giro. Coda di paglia!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Fede Granata - 9 mesi fa

    Han fatto benissimo…Se io vado a cena fuori ho voglia di pace….A noi non deve interessare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. granata68 - 9 mesi fa

    Per avere gente che contesta a dx e a manca meglio così !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. ddavide69 - 9 mesi fa

    Alla facciazza nostra. Chiusi al Filadelfia , chiusi a cena. Davvero comunicativi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Madama_granata - 9 mesi fa

    Mazzarri “ha ingoiato il boccone Parigini” (+Edera, +Bonifazi,+ Millico) o lo ha lasciato a casa a mangiare un panino?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy