Torino-Chievo 1-1: Maran imbriglia Mihajlovic, il confronto lo vince lui

Focus on / I granata creano molto gioco ma concludono poco: “Facciamo troppa fatica a fare un gol”. Maran è soddisfatto: “Buon punto, anche se potevamo chiudere la partita”

di Nicolò Muggianu

Finisce con un 1-1 che lascia l’amaro in bocca a tutti il match dell’Olimpico Grande Torino tra il Chievo Verona di Rolando Maran e il Torino di Sinisa Mihajlovic. Una partita povera di emozioni, quella andata in scena nel pomeriggio di ieri, che ha visto le due squadre annullarsi per gran parte del match. A prendere il risultato con maggiore ottimismo senza dubbio è la compagine veronese, che riesce a conquistare un punto su un campo ostico, contro una squadra sulla carta più attrezzata. È la squadra di Maran ad avere il miglior approccio al match: pronti via e il Chievo prende subito in mano le redini dell’incontro. In 15′ il gol di Hetemaj e il palo di Castro spaventano il Torino, che fatica a rendersi pericoloso dalle parti di Sorrentino.

I granata reagiscono ma faticano a sfondare il muro difensivo del Chievo. Prima Burdisso ci prova facendosi trovare pronto su calcio di punizione, poi un Baselli sugli scudi riesce a trovare di testa il gol dell’1-1. A questo punto ci si aspetterebbe vedere una crescita da parte Torino, che chiude gli ospiti negli ultimi 50 metri. Ma non è così. Mihajlovic viene imbrigliato dal pressing alto di Maran e i granata si trovano spesso in difficoltà nel trovare la conclusione da posizione favorevole. L’unica ghiotta occasione capita sul piede di Iago Falque, che a due passi dalla porta calcia addosso a Sorrentino, colpendo la traversa. Al 74′ poi, a regalare l’occasione d’oro al Torino e Massimo Gobbi, che con uno svarione difensivo stende in area Belotti; con Banti che assegna calcio di rigore. Per sua fortuna, il gallo dagli 11 metri si fa ipnotizzare dal portiere, che respinge il tiro dal dischetto.

Una partita preparata alla perfezione dal Chievo, che nell’arco dei 90′ non va mai in affanno e riesce a rendersi pericoloso più volte del previsto dalle parti di Sirigu. Da sottolineare la mossa di Maran, che con le posizioni ‘ibride’ di Hetemaj, Birsa, Castro e Radovanovic riesce a mettere in difficoltà il Torino. Dall’altra parte Mihajlovic non riesce a dare la giusta scossa ai suoi: a prescindere dal rigore sbagliato, i cambi non danno l’apporto sperato. Niang è troppo nervoso, Berenguer poco concreto e Valdifiori avrebbe forse meritato maggiore spazio in una partita in cui le sue geometrie sarebbero state utili alla causa. Buona invece la scelta di far giocare Obi dal 1′, con il nigeriano che offre un assist al bacio a Baselli in occasione del gol dell’1-1.

TURIN, ITALY - NOVEMBER 19: AC Chievo Verona head coach Rolando Maran issues instructions during the Serie A match between Torino FC and AC Chievo Verona at Stadio Olimpico di Torino on November 19, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
TURIN, ITALY – NOVEMBER 19: AC Chievo Verona head coach Rolando Maran issues instructions during the Serie A match between Torino FC and AC Chievo Verona at Stadio Olimpico di Torino on November 19, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Non può dunque essere soddisfatto Sinisa Mihajlovic, che a fine partita si lecca le ferite (LEGGI QUI): “Sono Dispiaciuto e arrabbiato. Abbiamo fatto sempre la partita, anche se il Chievo è partito meglio. Abbiamo avuto 6-7 palle nitide, preso una traversa, sbagliato un rigore. Facciamo troppa fatica a fare un gol. E’ vero che il Chievo ti fa giocare male, ma non è che deve sempre servire una grande partita per vincere”. Poi la riflessione si sposta su una lettura tecnico-tattica: “Il nostro portiere non ha fatto nemmeno una parata. C’era troppo spazio tra Rincon e Radovanovic, quando Tomas si alzava a prendere Radovanovic la difesa era troppo bassa e c’era spazio per Birsa, quando invece Rincon andava su Birsa, c’era più spazio per Radovanovic. E siamo rimasti un po’ presi in mezzo”. 

Dall’altra parte, invece, Maran non può che essere soddisfatto (LEGGI QUI): “Volevamo fare pressione alta per togliere rifornimenti ai giocatori che possono fare la differenza. Ce l’abbiamo fatta grazie al grande lavoro di attaccanti e centrocampisti. Noi per fare bene dobbiamo lavorare da squadra, costruirci i gol attraverso la manovra, per fare male agli avversari. Abbiamo avuto degli ottimi momenti dove potevamo anche chiudere la partita. La mia squadra ha messo personalità e ordine, e ha portato a casa un pari più che meritato”. Insomma, non sembrano esserci troppi dubbi: Maran ha imbrigliato il Torino con il suo pressing alto, e Mihajlovic non è riuscito ad effettuare le giuste contromosse per ribaltare il risultato.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Rock y Toro - 3 anni fa

    ma perché Mihajlović deve sempre prendere lezioni di tattica dal mister avversario di turno? però capisco che si definisca un duro.. sì ma di comprendonio. dopo tutte queste lezioni non ha imparato nulla

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13657769 - 3 anni fa

    Di europetta ne parlano i giornali e la vomitano i 2 dementi sinisa e presiniente, io non mi sono mai permesso di proferire tali bestemmie.
    Dico soltanto che finiremo l’andata, se ci và di lusso, con 23 punti circa e si sà che nel ritorno quelle dietro pedalano di più e noi non ne veniamo per nulla fuori con questo allenatore, con molti giocatori senza carattere o qualità e sopratutto senza riserve di categoria.
    Quindi occhio, che nella merda della zona retrocessione è un attimo trovarsi. Basta ricordare l’anno di Mueller e compagnia bella…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Gud_74 - 3 anni fa

    Giochino del lunedì…

    Riesci a scoprire chi è l’allenatore tra i 2 nella foto?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-13657769 - 3 anni fa

    Chissà se per fine anno ne vinceremo almeno una. Dubito moltissimo.
    Comunque poco importa, speriamo solo di non trovarci all’ultima giornata ad aver bisogno di un punticino per la salvezza con il genoa fuori…e non dico altro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Filadelfia - 3 anni fa

      Beh non passiamo da un’esagerazione all’altra. Da non andare in Europa a rischiare la retrocessione ce ne vuole.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy