Torino, contro il Milan servono orgoglio e amor proprio. E Mazzarri è appeso a un filo

Torino, contro il Milan servono orgoglio e amor proprio. E Mazzarri è appeso a un filo

Verso il match / La sfida contro i rossoneri potrebbe rappresentare il definitivo spartiacque per i granata chiamati ad una prova di carattere

di Redazione Toro News

A soli due giorni di distanza, il disastro contro l’Atalanta è una ferita ancora fresca. Per il Toro però non ci sarà ulteriore tempo per piangersi addosso e forse, è anche meglio così. A partire dalle 20:45 di domani infatti, i granata sfideranno il Milan nei quarti di finale di Coppa Italia. Una partita certo non banale, con la formula della gara secca, che mette in palio un traguardo importante come la semifinale. La società ha imposto il ritiro per provare a riprendere le redini della situazione. Giocare subito potrebbe essere il modo migliore per Belotti e compagni per fare un passo oltre la terribile notte dell’Olimpico Grande Torino. É anche vero però, che la pressione attorno alla squadra ed alla società si è fatta sempre più forte e il rapporto con i tifosi sia ai minimi termini. In caso di un nuovo tonfo, la rottura definitiva sarebbe quasi inevitabile: di certo la sfida di San Siro orienterà il futuro di molti, in primis quello di Walter Mazzarri. 

OCCASIONE – Il nuovo imminente impegno potrebbe perciò essere utile sotto più punti di vista. Un riscatto immediato darebbe un segnale forte ad una tifoseria apparsa stanca e giustamente delusa nell’ultimo periodo. Non solo, nell’era Cairo il Toro non ha mai raggiunto la semifinale di Coppa Italia: la Lazio nel 2009 e la Juventus nel 2018 hanno eliminato i granata ai quarti. Invece, nelle altre 11 edizioni disputate sotto questa presidenza, i granata hanno raggiunto al massimo gli ottavi. Per affrontare il Milan in un momento così, sarà dunque imprescindibile una buona dose di carattere. Oltre alla necessaria presenza di Belotti e Sirigu, il Toro potrà contare sul rientro di Rincon che dovrebbe portare una ventata di personalità a centrocampo. Aina poi potrebbe avere un’altra occasione mentre ci sarà l’assenza di Meité, espulso contro il Genoa.

INSIDIE – Ma il tema principale che accompagna la partita è sicuramente il futuro della panchina granata. Se il Toro dovesse cadere ancora in modo rovinoso, sarebbe difficile ipotizzare un’ennesima conferma di Mazzarri. Di certo da parte della squadra è obbligatoria una risposta sul piano dell’orgoglio personale e dell’amor proprio. Va però tenuto conto anche del periodo di crescita del Milan: i rossoneri hanno vinto quattro delle cinque gare disputate a gennaio, pareggiando con la Sampdoria e concedendo due reti alla sola Udinese. In definitiva, la trasferta a San Siro è attesissima: per l’importanza intrinseca e per l’impatto che avrà sul resto della stagione.

33 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. girardoux - 2 mesi fa

    Cairo lo manderà via a mercato chiuso…. altrimenti gli toccherebbe comprare qualcuno al nuovo allenatore….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. EraldoPecci - 2 mesi fa

    Orgoglio e amor proprio non mi sembrano qualità di questa società!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. byfolko - 2 mesi fa

    Questo è sempre appeso ad un filo ma non se ne va mai. Se è rimasto persino con uno 0-7 sul groppone significa che rimarrà per sempre, gli piace proprio Torino eh…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Nero77 - 2 mesi fa

    Cercheranno un pronto riscatto domani sera?Forse vogliono fare un regalino in semifinale ai veri padroni della Nostra squadra?!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. gielle_61 - 2 mesi fa

    a quanti fili è appeso, da mesi, Mazzarri…? a tanti, come tutti i pupi a filo – lui è il pupazzo di Cairo che tira i fili… in che mani di saltimbanchi è finita la Gloria Granata…!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. renato (quello vero) - 2 mesi fa

    Effettivamente mi sembra che la sconfitta storica di sabato scorso (unita a tutto quanto abbiamo già visto nel girone d’andata) sia ampiamnte sufficiente ad emettere un giudizio senza appello, non vedo come la situazione possa cambiare anche in caso di risultato positivo. Personalmente sono convinto che Cairo l’esonero lo abbia già deciso, ovviamente non viene ufficializzato prima di una partita così importante e con così poco tempo per assorbirne gli effetti.

    Non vedo altre ragionevoli possibilità per fare diversamente.

    Se così non dovesse accadere vuol dire che che ho trascurato volutamente le possibilità…irragionevoli…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Thor - 2 mesi fa

    Domani capiremo se la squadra gioca contro il suo allenatore e la dirigenza o contro gli avversari.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. claudio sala 68 - 2 mesi fa

    Non credo che sia sufficiente il passaggio del turno per rappacificare i tifosi con la società. Questa volta credo che il 100% dei tifosi sia contro, Cairo deve riflettere sul suo futuro come presidente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. miele - 2 mesi fa

    Questa dell’orgoglio e dell’ amor proprio l’avevo già letta sabato e sappiamo tutti com,è finita. Meglio lasciar perdere e rassegnarci all’inevitabile con questa armata Brancaleone composta da società, allenatore e giocatori. Senza soluzioni radicali e drastiche siamo destinati al naufragio. Povero vecchio cuore granata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. prawn - 2 mesi fa

    Qualcuno tagli sto filo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. rogozin - 2 mesi fa

    Spartiacque, appesi al filo ecc. Ma ti che andate vaneggiando? La peggiore sconfitta di sempre in casa possiamo ritenerlo un risultato più che sufficiente per trarre delle conclusioni: le acque sono già spartite e il filo è già spezzato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. m.novarino - 2 mesi fa

    Fili o non fili, le evidenze sono che abbiamo perso pezzi di senso ovunque: da chi vendere e chi comprare, dalla formazione, dal ruolo assegnato ai giocatori, alla motivazione, orgoglio e dignità.
    Io vorrei chiedere di giocare la prossima partita con la maglia celebrativa della Chapecoense: così come siamo stati attenti a star loro vicini in un momento tragico(gesto che mi è sembrato autentico), così dovremmo riprendere un cammino di identità passando attraverso le dolorose esperienze simileialle nostre:non perchè uguali, ma perchè richiamano a quel senso della vita e dell’impegno che , come dicevo, abbiamo perduto campo dopo campo, partita dopo partita.
    Nel caso , dispongo di maglietta, pantaloncini e calzettoni celebrativi comprati quando furono messi in vendita e sulla maglietta il n.14 Falque(un’altra delle possibili perdite senza senso alcuno, perchè Falque vale non perchè può rendere denaro,ma perchè ha in sè un valore Toro che altri se lo sognano).
    Mi piacerebbe che la Redazione inoltrasse questa richiesta al Presidente Cairo. Grazie

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 mesi fa

    Qualcuno ha ricordato al presidente che mancano pochi giorni alla finestra di mercato ?
    Mi riferisco anche al mercato in entrata.
    Chissà
    Intento domani sera saremo (tanto per cambiare ) con le pezze al culo, il morale sotto le scarpe e un ubriaco in panchina…
    Lassù qualcuno non ci ama.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. FORZA TORO - 2 mesi fa

    se la decisione di esonerarlo in caso di sconfitta con gli indebitati è già stata presa,allora consideriamolo già esonerato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Andrea63 - 2 mesi fa

    Io ce lo terrei per un bel pezzo appeso insieme a chi ce lo ha portato e voluto!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Marchese del Grillo - 2 mesi fa

    Io vorrei che il filo si rompesse alla prossima di campionato. Passare il turno di coppa Italia sarebbe importante. Dall’altro lato rischia di non rompersi proprio più. Non è facile!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 mesi fa

      Questo è talmente fortunato che non so immaginare come ma potremmo anche passare il turno… e così ce lo terremmo fino alla fine.
      Possibilità domani sera di perdere con 4 o più gol : 50%
      Possibilità di passare il turno : 50 %
      Siamo brutti e imprevedibili. Soprattutto Mazzarri

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Héctor Belascoarán - 2 mesi fa

        Dopo poi ci sono le Merde e non so se, da un punto di vista cardiaco, sono in grado di sopportare una situazione potenzialmente devastante. Feriti e tramortiti come siamo ora…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. user-13962533 - 2 mesi fa

    Ma…quando si rompe questo filo?
    Speriamo presto…speriamo…
    Anche se, temo, sia troppo tardi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Héctor Belascoarán - 2 mesi fa

    Neanche vincessimo 8 a 0 cambierebbe il mio giudizio verso allenatore e società.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. SiculoGranataSempre - 2 mesi fa

      Non ci credo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Ardi2 - 2 mesi fa

      Quoto al 100%

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. maxxx - 2 mesi fa

    Mazzarri appeso ad un filo.
    Su quali basi si scrive ciò? A me sembra che la società sia orientata diversamente. Sono troppi i fili a cui il talebano è stato appeso in passato tanti dei quali si sono spezzati ma lui resta ancora lì a fare danni. Non sono bastati un (NON)gioco che ormai fa praticare da due anni, non sono bastati i tanti giocatori svalutati e schierati fuori ruolo, non sono bastate le umiliazioni in casa contro Lecce e Spal (parlo solo di quest’anno) per non parlare dell’ultima storica umiliazione di sabato scorso, non basta la frattutra con l’ambiente Granata…. Cosa dobbiamo ancora attendere e subire per veder cacciare questo incapace?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. AUGUSTO - 2 mesi fa

    Ma quale orgoglio? ma quale amor proprio?
    L’onore è perso e se anche per caso o per sbaglio dovessero passare il turno in coppa Italia non cambia niente.
    Dirigenza da cancellare e squadra da rifondare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. TOROPERDUTO - 2 mesi fa

    Io di vedere andata e ritorno con i gobbi con questa squadra proprio non ne ho voglia.
    Eliminate i prima che è meglio, prolungare l’agonia non è il caso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 mesi fa

      @Hector: io di sicuro non me la sento …non con Mazzarri.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Granataforever - 2 mesi fa

    Domani invece può essere la nostra partita. .
    Rientra el General….
    Difesa a 4….
    Davanti Belotti e Millico supportati da Verdi….
    FoRzA ToRo Sempre

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 2 mesi fa

      Supportato e Verdi nella stessa frase sono un ossimoro!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Angelo - 2 mesi fa

    Questo signore ha usato il nostro Toro x darsi visibilità x interessi personali… È fare plusvalenze… Sarebbe bastata una società strutturata bene con un DS E UN DT competenti che avessero mandato di svolgere il proprio mestiere liberamente.. Avere uno stadio di proprietà attingendo dal credito sportivo… È un po’ di rispetto x i propri tifosi.. Quello che non ha mai avuto lui… (vedi quello che ha fatto in curva primavera) non tutelando i propri abbonati che fanno sacrifici economici x andare allo stadio… Tutto questo solo un presidente che ha amore x la sua società può farlo… (vedi percassi) dobbiamo metterlo in condizione di andare via… X il bene del nostro Amato Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Filadelfia 2106 - 2 mesi fa

      ma dopo che va via Cairetto siamo sicuri che qualcuno abbia intenzione di prendersi questa gloriosa società? . perchè per vendere ci vuole un acquirente interessato, noi non abbiamo radici italo-americane… e non siamo ambiti da Cinesi o Arabi che della storia del Toro non può fregar di meno.
      La vedo dura !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Ardi2 - 2 mesi fa

        Ed è con quanto tu e altri tifosi dite, abboccando al ve ne pentirete se vendo, che ha consentito a cairo di andare avanti per 15 anni con questo scempio. Certo se poi la volontà del nostro benefattore è quella di diatruggerci definitivamente, allora venderanno ad uno peggio di lui. Visto che con i diritti tv e le plusvalenze, non ha mai messo un euro di suo, non ci servirà uno sceicco, ma solo un presidente che voglia bene al Toro e che usi questi soldi per create strutture ed una società competente, stile Atalanta e lazio. Che portino, senza esborso di soldi personale, il Toro a crescere in tutto

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. marione - 2 mesi fa

        Potremmo sempre trovare un altro che falsifica i bilanci

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. FarineldalTor - 2 mesi fa

    Mazzarri appeso a un filo ?

    Ma non lo avevate già scritto nell’articolo di un giorno fa ?

    Ma allora a quanti fili è appeso Mazzarri ? Uno al giorno, forse ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy