Torino, da Bormio: l’uno contro uno tra i capisaldi di Mazzarri

Torino, da Bormio: l’uno contro uno tra i capisaldi di Mazzarri

Da Bormio / I duelli sono il tema principale dell’allenamento di oggi

di Nicolò Muggianu

Sesta giornata di ritiro a Bormio, sesto giorno di lavoro per il Torino. Allenamento mattutino per i ragazzi di Mazzarri, scesi in campo al comunale di Bormio per la prima seduta di giornata. Grande attenzione al lavoro tecnico quest’oggi da parte dell’allenatore granata, che si è soffermato a lungo su fondamentali quali i passaggi e l’uno contro uno; a campo aperto e in spazi ridotti.

1V1 – Altro allenamento ad alti ritmi per Belotti e compagni, che continuano ad allenare l’intensità in vista dell’appuntamento europeo del 25 luglio. Quest’oggi però il focus è stato posto in particolare sull’uno contro uno. Un elemento cardine dell’identità di gioco del calcio di Mazzarri, e che il tecnico di San Vincenzo ha voluto riproporre oggi in maniera preponderante. Una prima fase di uno contro uno puro per gli attaccanti, che è poi stata adattata a un tre contro tre a tutto campo. Conferma di quanto Mazzarri voglia lavorare sul fondamentale che probabilmente è più mancato al Torino nel corso dell’ultima stagione.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Granata - 2 mesi fa

    L’articolo, mi spiace dirlo, è fuorviante. L’uno contro uno è uno dei tratti distintivi di Mazzarri, scrivere che è mancato l’anno scorso è completamente sballato. Nel derby, contro il Milan, contro l’Inter e così via, se si sono fatte belle partite è perché si è compiuto l’uno contro uno a tutto campo. Sarebbe più corretto dire che, in attacco, non si è vinto troppi duelli 1 vs 1 ed allora si cerca di ovviare a questo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bischero - 2 mesi fa

      Hai anche ragione Granata. Ma come fai a fare un 1v1 in attacco se non hai tolto falque uno che salta l uomo? Belotti zaza parigini Berenguer baselli. Questi sono i giocatori che la scorsa stagione hanno fatto la fase offensiva. Tralasciando le punte centrali di questi quanti dribbling hai visto fare in 38 giornate?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granata - 2 mesi fa

        Ciao Bischero, il punto è che di gente che sa fare dribbling in spazi stretti in attacco, in serie A, ce ne sono solo 2. Dybala ed Ilicic. Gli altri, tutti, cercano di saltare in velocità. I dati del Toro non sono inferiori ad altre squadre. Il problema è generale e , nello specifico nostro, è tramutare un azione difensiva in offensiva con conclusioni a rete.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Bischero - 2 mesi fa

    Se non riuscivamo lo scorso anno Nell uno contro uno come possiamo riuscirci la prossima stagione con la stessa rosa?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy