Torino, due sconfitte di fila: non accadeva da maggio

Torino, due sconfitte di fila: non accadeva da maggio

Flessione / La squadra di Sinisa Mihajlovic sta attraversando un momento di difficoltà, nonostante il buon gioco proposto anche nel derby

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Due sconfitte di fila: con la Sampdoria a Marassi prima (2-0) e con la Juventus allo stadio Grande Torino poi (1-3). La squadra di Sinisa Mihajlovic, dopo aver avuto un periodo alquanto favorevole, nel quale ha totalizzato tre vittorie consecutive, adesso affronta delle difficoltà, che sono assolutamente normali nel corso di una intera stagione, ma che devono comunque far riflettere. Da queste ultime due partite si possono imparare molte lezioni, proprio perché i due match sono stati – dal punto di vista della prestazione granata – molto diversi.

LA PRIMA VOLTA – Sinisa Mihajlovic ha per le mani, adesso, uno dei momenti più difficili dal punto di vista dei risultati da quando è arrivato al Torino: infatti è la prima volta che la squadra granata, nella stagione 2016-2017, totalizza due sconfitte di fila, cosa che con il tecnico serbo non era mai successa. Ciò non vuole significare che il Toro è in crisi, ma solo che ha bisogno di riprendere coscienza dei propri mezzi ed accettare le sconfitte, per quanto brucianti, delle ultime due settimane, che hanno tenuto inchiodata la squadra granata a quota 25 in campionato.

FC Torino v Juventus FC - Serie A

RITROVARSI – Due sconfitte di fila, per il Torino, erano ormai un ricordo abbastanza lontano: era maggio di quest’anno, quando i granata andavano a perdere, nelle ultime due gare di campionato capitanati da Giampiero Ventura, contro Napoli ed Empoli. Perciò è giusto riconoscere che i granata fino a qui hanno fatto un percorso importante, che va valorizzato ulteriormente: in questo momento è importante ritrovare quei meccanismi fondamentali che hanno più volte portato la squadra granata a mettere in difficoltà anche squadre di alto livello come Roma, Fiorentina e Lazio.

Ora arriva il Napoli, squadra tutt’altro che semplice da affrontare, ma può essere il banco di prova giusto nel quale rilanciarsi e ripartire, dopo una piccola sbandata che non intacca minimamente il lavoro svolto fino a qui.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy