Torino femminile: presentata Rui Guo

Torino femminile: presentata Rui Guo

Presentata ieri sera alle ore 19 presso il centro Fisio Lab di Corso Giovanni Agnelli 109 a Torino il nuovo acquisto del Torino Calcio femminile, Rui Guo detta “Azzurra”, la prima calciatrice cinese a giocare nella serie A italiana. Nonostante l’emozione e la poca conoscenza della nostra lingua, che l’ha costretta all’utilizzo di un’ interprete, la ragazza risponde con precisione a tutte le domande. Il suo arrivo…

di Redazione Toro News

Presentata ieri sera alle ore 19 presso il centro Fisio Lab di Corso Giovanni Agnelli 109 a Torino il nuovo acquisto del Torino Calcio femminile, Rui Guo detta “Azzurra”, la prima calciatrice cinese a giocare nella serie A italiana. Nonostante l’emozione e la poca conoscenza della nostra lingua, che l’ha costretta all’utilizzo di un’ interprete, la ragazza risponde con precisione a tutte le domande. Il suo arrivo a Torino è stato piuttosto particolare: dopo essersi laureata in Scienze Motorie giunge in Italia dove vive per sei mesi a Siena; nel frattempo scrive una mail alla società granata che, dopo averla vista all’opera in un provino, decide di tesserarla per le sue ottime qualità.
Nata 23 anni fa a Tianjin, a 200 Km da Pechino, gioca a calcio da quando ne ha 12 ed ha esordito nella massima serie cinese a soli 16 anni; sostiene di non aver avuto dubbi nel scegliere il Toro: “ in Italia ci sono molte squadre ma questa era la più affascinante, inoltre volevo venire a vivere a Torino anche per via della grande atmosfera sportiva che si respirava durante le Olimpiadi invernali del 2006; ho ricevuto una buona accoglienza e mi trovo bene in questa nuova realtà”.
 Racconta poi di come il calcio femminile sia molto differente nei due Paesi: “in Cina abbiamo un campionato professionistico, in Italia no; da voi si cura molto di più la parte tecnico-tattica e meno quella fisica”. In campo può ricoprire diversi ruoli, essendo una sorta di  jolly offensivo:” posso giocare come attaccante o come esterno sinistro, mi piace mandare in goal le compagne con passaggi filtranti, so usare entrambi i piedi ed ho un tiro piuttosto potente; il mio record stagionale è di 12 centri”. Infine non nasconde di avere un sogno nel cassetto: “spero di raggiungere un giorno la mia Nazionale con la maglia del Toro”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy