Torino-Fiorentina e il rischio contestazione: quel precedente del 2018

Torino-Fiorentina e il rischio contestazione: quel precedente del 2018

Focus on / Gli effetti della contestazione: c’è il precedente del 2018, sempre contro la Fiorentina

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Era il 18 marzo del 2018 quando la Fiorentina vinse per 1-2 a Torino grazie a una rete di Thereau al 94’ su rigore. Quella partita è spesso ricordata in casa Toro come esempio delle conseguenze negative che può avere una contestazione a partita in corso. Il Torino era infatti reduce da tre sconfitte consecutive contro Juventus, Verona e Roma, partite che avevano compromesso la possibilità di partecipare alla lotta per l’Europa. Mazzarri era subentrato pochi mesi prima a Mihajlovic ma i tifosi granata, esasperati per la mancanza di risultati, non vollero sentire ragioni e la Maratona, con cori e striscioni, guidò una contestazione che durò dal primo all’ultimo minuto. I giocatori in campo ne furono condizionati, sebbene alla fine andarono vicini almeno al pareggio.

Un anno e nove mesi dopo il rischio è quello di rivivere lo stesso film, per quello che si è visto e sentito negli ultimi giorni. Anche se, stando a quanto circola nell’ambiente, la contestazione domenica dovrebbe essere rivolta solo ad allenatore e società, controbilanciata da cori di sostegno per la squadra. Ma è chiaro che nell’ambiente c’è tensione e, se la partita si mettesse male, le cose potrebbero cambiare. Le contestazioni civili sono sempre lecite come modo di esprimere dissenso e i giocatori dovrebbero ricavarne motivazione per dare qualcosa in più, ma spesso, all’opposto, si irrigidiscono ulteriormente. E a “beneficiarne” può essere di nuovo la gemellata Fiorentina.

17 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Immer - 10 mesi fa

    Nessun problema la primavera è fuori dallo stadio mentre la maratona sarà dentro. W Cairo forever

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. DenisLaw - 10 mesi fa

    Non si può andare avanti così. Vero che la squadra va lasciata tranquilla, ma Cairo e Mazzarri basta. Presidente milanista e allenatore gobbo. E basta non se ne può più

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. michelebrillada@gmail.com - 10 mesi fa

    non bisogna contestare la squadra ma mazzarri si e zaza si tutta la vita e poi il massimo per non farci male sarebbe non entrare allo stadio lasciare il fenomeno cairo col fenomano mazzarri col fenomeno comi da soli e lasciare entrare solo i tifosi delle viola mazzarri se ne deve andare via via via

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. dattero - 10 mesi fa

    solito articolo cerchiobottista,se la squadra gioca da cani,la gente esplode,ormai siamo al limite,ovvio non contestano se vedono cuore e impegno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. bertu62 - 10 mesi fa

    Le contestazioni calcistiche, negli ultimi anni, hanno portato solo peggioramenti, l’ultimo esempio è in casa proprio della Viola: costretti ad andar via i DLV ecco Commisso, dichiaratamente Milanista (toh, ma guarda, un altro Presidente tifoso di una squadra che non è la Sua, come mai a Firenze non l’hanno lapidato??), dichiaratamente interessato SOLO a far soldi con il Business del nuovo stadio 🙂 …Ma come? Non è un “mecenate”? Non è il salvatore disinteressato della Fiorentina Calcio?
    Eppoi, sta cosa dello “spogliatoio spaccato”: qui l’unica cosa cosa “spaccata” sono i nostri zebedei a furia di leggere certi post di alcuni tifosi che incitano alla violenza! Ma contestare per le industrie Italiane che vengono svendute no? Contestare per un’età pensionistica che si allunga sempre di più mentre la soglia della povertà è sempre più in aumento no? No, si contesta per 4 ragazzi che guadagnano centinaia di migliaia di €uro/anno, che “lavorano” giocando al pallone, si contesta perché “poverini” devono dormire in macchina fra un allenamento e l’altro, non hanno una sala relax, devono spostarsi al ristorante per mangiare…. MA SIAMO FOLLI? Eppoi sento parlare del “Fila”, di come a quei tempi i cancelli erano aperti al pubblico, e di come si dovrebbe a quei tempi! Beh, a quei tempi NON C’ERANO sale relax, né ristoranti interni né tantomeno LETTI o DIVANI su cui stravaccarsi! C’era sudore, eppoi sudore, eppoi anche SUDORE, e fatica, e campo da fare di corsa, e qualche attrezzo da palestra!
    Roba da matti, per 2 “fessi” che hanno fatto casino per andar via a guadagnare 4€ in più adesso si crede a giornalai che “montano su” dei casi che non esistono: N’Koulou voleva andar via ed ha smesso di giocare, questo è un fatto! Zaza (grande acquisto di Fari-spenti Petrachi, meno male che se n’è andato…) vorrebbe anche giocare ma NON E’ BUONO e ci rimane male perché fa panchina, anche questo è un fatto! Baselli (forse) s’è arrabbiato per la sostituzione poi ha capito (da ragazzo intelligente qual è..) che avrebbe rischiato un altro cartellino, cosa che puntualmente è avvenuta per Edera (primo cartellino ESAGERATO TUTTA LA VITA..)…
    Contestassero pure, però non entrando eh? Proprio come i Viola dall’altra parte. Sai che bella partita da vedere allo stadio? I violenti fuori, a spaccare noci di cocco con i propri attributi, così da dimostrare che “ce l’hanno duro” proprio come (diceva…) uno della Lega Nord alcuni anni fa, prima che anche Lui venisse beccato con le mani nel barattolo della marmellata 🙂 …..
    FV♥G!! SEMPRE!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Lux67 - 10 mesi fa

      meraviglioso !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Immer - 10 mesi fa

      Rispetto per tutti e tutte le idee giovani ed3anzieni

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Ardi - 10 mesi fa

    Giusta la contestazione a mazzarri e società, i giocatori invece vanno incitati

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-14239294 - 10 mesi fa

    Abbiamo RAUTI!!!! Ma perche non viene considerato da Mazzarri e Comi eppure è un giovane del Filadelfia!!!!!!!!!!!!!!!’n

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Carlin - 10 mesi fa

    La squadra non verrà contestata,ne sono sicuro. Mazzarri va contestato,per tutte le cose sbagliate che ha fatto in questi 2 anni.Su Cairo non mi pronuncio,ha dei meriti,ma anche tante colpe.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Fede Granata - 10 mesi fa

    Non invitiamoli ma incitiamoli. Scusate

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Fede Granata - 10 mesi fa

    La cosa più sbagliata sarebbe contestare durante lo svolgimento della partita. Tanto più che già di per se sarà molto difficile causa le assenze importanti. Lasciamoli tranquilli sti ragazzi. Incitiamoli. Chissà che ambiente hanno negli spogliatoi con tanto malcontento. Spero che a contestare siano in pochi. Che tutto lo stadio li aiuti a giocare con serenità. Spero che la Maratona ci pensi MOLTO
    MOLTO bene.

    .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. checktoro - 10 mesi fa

      Perfettamente d’accordo.
      Non facciamoci male da soli.
      Tutti uniti per evitare la B.
      Poi nuovo allenatore.
      Fvcg sempre!
      Ma avete visto quanto ci sguazzano nella nostra crisi tuttosport stampa e repubblica…non abbocchiamo !
      J. M. sempre !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Fede Granata - 10 mesi fa

    La cosa più sbagliata sarebbe contestare durante lo svolgimento della partita. Tanto più che già di per se sarà molto difficile causa le assenze importanti. Lasciamoli tranquilli sti ragazzi. Invitiamo li. Chissà che ambiente hanno negli spogliatoi con tanto malcontento. Spero che a contestare siano in pochi. Che tutto lo stadio li aiuti a giocare con serenità. Spero che la Maratona ci pensi MOLTO
    MOLTO bene.

    .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Dario61 - 10 mesi fa

    Ai giocatori si chiede di tirare fuori la grinta e restare uniti sbattendosene di quel incapace che sta in panchina … contestazione senza sosta al buffone in panchina e al braccino milanista in tribuna.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. giofer - 10 mesi fa

    La madre degli stupidi è sempre incinta! Non sapevo che Tafazzi fosse granata

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Paul67 - 10 mesi fa

    La squadra va sostenuta, ma la contestazione, in forma civile, deve continuare nei confronti di Cairo, e pur in forma blanda sta continuando.
    É una contestazione che nn ha forza mediatica ma è in atto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy