Torino, il pagellone di fine 2020: Gojak 5.5, il bosniaco fin qui impalpabile

I voti / Il centrocampista bosniaco fin qui si è visto poco ricoprendo per lo più il ruolo della comparsa nelle rotazioni di Giampaolo

di Redazione Toro News
Amer Gojak

Sotto le Feste su Toro News torna l’appuntamento con i pagelloni di fine anno: a ogni giocatore assegneremo un voto che riassuma la prima parte della stagione 2020/2021, ossia il periodo che va da settembre a dicembre. Buona lettura. 


Amer Gojak si è finora visto poco, giocando solamente in qualche occasione e quasi sempre solo uno spezzone di gara (solo tre volte è partito titolare in campionato, più una in Coppa Italia). Arrivato in granata nelle ultime ore della scorsa sessione di calciomercato, il numero 10 del Toro ha avuto bisogno di un certo periodo di ambientamento per conoscere la lingua e un campionato nuovo. Tuttavia, arrivati a Natale il nazionale bosniaco non ha ancora dimostrato di poter avere un impatto significativo sulla squadra. Ha di certo l’attenuante Covid, che gli ha messo il bastone tra le ruote.

PARTITA TOP – Al momento non c’è stata una vera e propria partita top per Gojak, principalmente a causa dei pochi minuti disputati, ma probabilmente le cose migliori fin qui le ha fatte vedere nella sfida contro il Crotone quando subentrò a gara in corso per giocare i minuti finali. In quell’occasione Giampaolo lo mise dentro nella speranza che con una giocata potesse aiutare la squadra a trovare la rete decisiva. In effetti Gojak ci andò molto vicino prendendo un palo con un tiro-cross che per questione di centimetri non regalò tre punti, che sarebbero stati fondamentali, al Toro.

PARTITA FLOP – Una sfida nella quale forse ci si aspettava di più dal bosniaco può essere quella del recente pareggio interno contro il Bologna. Una gara nella quale venne schierato dal primo minuto dal tecnico Giampaolo, ma Gojak – nonostante un buon approccio – è calato col passare dei minuti senza mettersi particolarmente in evidenza tanto da venire sostituito nella ripresa lasciando il suo posto nella mediana granata a Meité.

VOTO – La valutazione della stagione di Gojak fin qui non può essere pienamente sufficiente, ma dal canto suo il centrocampista ex Dinamo Zagabria ha avuto poche chances e mai per i 90 minuti completi. Ad oggi non si può negare che abbia influito sulle sue prestazioni anche il periodo di assenza a causa della positività al Covid-19 che lo ha tenuto lontano dai campi per una ventina di giorni tra novembre e dicembre, ora starà a lui dare il massimo per battere la concorrenza e convincere l’allenatore granata a schierarlo maggiormente.

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Granata69 - 4 settimane fa

    Tra la ex-squadra nelle coppe europee e la nazionale bosniaca ha giocato più partite internazionali lui di tutto il resto della rosa messa insieme ,se si sclude Sirigu.
    Fare a meno di lui con questa leggerezza in un momento così travagliato, in un disperato bisogno di qualità, e soprattutto preferendogli un imbarazzante Linetty o Meite , spiega molto chiaramente perché siamo ultimi in classifica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. luna - 4 settimane fa

    Come dicevo sull’articolo di Graziani, leggo solo parole disfattiste!
    Ma come fate a giudicare questo ragazzo che quasi non è neanche entrato in campo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Fb - 4 settimane fa

      Tra l’altro nell’articolo ridicolo di graziani non postano i commenti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mimmo75 - 4 settimane fa

    Io non l’avrei giudicato, Redazione, che senso ha farlo? E’ finito in un tritacarne, giovane, straniero, calato in un calcio ipertattico nel momento e nel posto sbagliato. Se poi aggiungiamo che Giampaolo non lo ha richiesto e non lo conosceva “mi dicono sia un’interno” capiamo quante difficoltà ha dovuto e deve ancora affrontare il ragazzo. Per me s.v..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. granatadellabassa - 4 settimane fa

    Secondo me è un ragazzo in gamba e voglioso di emergere. Si farà valere ma ha chiaramente bisogno di tempo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. claudio sala 68 - 4 settimane fa

      Io sinceramente non ho capito il suo vero ruolo… Mi sembra una mezzala, ma non credo abbia mai giocato al Toro in questa posizione

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Emilianozapata - 4 settimane fa

    Io sono in fiduciosa attesa: ce l’ha consigliato quel gobbo di Pianic…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. tric - 4 settimane fa

    Non ha quasi giocato mai e quando l’ha fatto aveva un allenatore … confuso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. granataLondinese - 4 settimane fa

    Squadra ultima, una caterva di goals presi, vinto sei partite in un anno ma date a tutti il 5.5 politico… sempre piu’ giornalaccio propaganda

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Paul67 - 4 settimane fa

    Ingiudicabile per ora.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. ToroFuturo - 4 settimane fa

    Eccellenti giocatori in altri contesti (e con altri allenatori) sono andati via dal Toro con alcuni commenti variabili tra il “finito” e la “pippa”: mi riferisco, ad esempio, al secondo Quagliarella, al secondo Immobile e a Soriano. Lo stesso Belotti segnò il primo goal alla fine di novembre del primo anno, come anche ricordato da Toro News nell’articolo per il 27° compleanno, e cominciava ad essere criticato.
    Anche se si tratta di un pensiero apparentemente antisportivo, ritengo che né l’attuale Società (incluso Vagnati), né l’attuale allenatore, né l’attuale organico di calciatori meritino assolutamente il fondo della classifica.
    Il Toro sta pagando caramente un recente passato di pessima gestione tecnico-umana (Mazzarri) e dirigenziale (post Petrachi, pre Vagnati). Inoltre lo stesso Cairo, pompando esageratamente il valore di alcuni calciatori, ha stimolato le pretese degli stessi e dei loro procuratori. Il rapporto tra stipendio netto di un calciatore e valore di mercato si aggira intorno a 1 a 10 e Cairo ha valutato 30 milioni giocatori ai quali conferisce 1 milione di stipendio netto…
    Gojak è sopraggiunto all’ultimo in uno spogliatoio diviso, senza sapere una parola di italiano, giocando ben poco per i motivi illustrati nell’articolo: premesso ciò, direi che allo stato attuale il voto più appropriato è “non giudicabile”.
    Gojak e soprattutto Bonazzoli sono ottimi giocatori: evitiamo che lo dimostrino altrove per affrettate bocciature.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. nicodeimos8_13775722 - 4 settimane fa

    Se dite che é impalpabile e quindi inesistente, perché gli date 5,5 e non 0 o 1 al massimo? Ah scusate ho capito, dando 5,5 poi basta un + e arriva al 6, cosí dottor cairo potrá chiedere 30 milioni per cederlo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Fb - 4 settimane fa

    Ma dateje tempo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. taurus - 4 settimane fa

    Cazzo pretendete,un ragazzino che senza esperienza in campionati veri,ne deve mangiare ancora di polvere….
    Giocatori cosi’ in serie c e d italiana ce n’e’ a bizzeffe,un altro Damascan ,societa’ allo sbando

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy