Allegri pre Torino-Juventus: “Derby sfida chiave. Per noi è lo scoglio più difficile”

Allegri pre Torino-Juventus: “Derby sfida chiave. Per noi è lo scoglio più difficile”

L’avversario / L’allenatore bianconero in conferenza stampa: “Sarà una partita difficile domani, dobbiamo trovare le energie giuste per affrontare il Toro”

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

L’allenatore della Juventus Massimiliano Allegri presenterà il derby della Mole nella Sala Conferenze dell’Allianz Stadium. Sfida storicamente suggestiva, dominata negli ultimi anni dai bianconeri, che però arrivano da una sconfitta in Champions League contro lo Young Boys. Il tecnico prende la parola:

L’importanza del derby? Una partita importante perché giochiamo contro una squadra che ha perso solo tre volte. Sta facendo bene come a Milano la scorsa settimana. Noi dobbiamo fare bene, abbiamo questo rush finale prima della sosta. Sarà una partita difficile domani, dobbiamo trovare le energie giuste per affrontare il Toro. A Cancelo si è bloccato il menisco mediale esterno. Sarà operato e sarà a disposizione dopo la sosta. Cuadrado verrà valutato se rientrerà con la squadra o se ci sarà bisogno di un intervento. Però rientra Emre Can, Khedira tornerà la prossima settimana.

In difesa rientra Chiellini, l’unico dubbio potrebbe essere tra Bonucci e Rugani. A destra De Sciglio, a sinistra Alex Sandro. Il derby una trappola? Una partita difficile, dobbiamo giocare tecnicamente ma anche caratterialmente. La partita di domani è quella più difficile, lo scoglio più complesso. Giochiamo a 48 ore dalla sconfitta contro lo Young Boys. La squadra deve tirare fuori quello che ha dentro e anche quello che non ha. Il risultato di domani è molto importante.

I risultati si ottengono perché la società è solida, e questo è fondamentale. Un problema tra me e Benatia? Assolutamente no, è tornato da poco a disposizione, compone la difesa più forte d’Europa. Quando si ha una squadra grande bisogna accettare le scelte e mettersi in discussione. Essere alla Juventus è una fortuna, hai la possibilità ogni anno di lottare per tre obiettivi.

Ho lasciato i giocatori liberi perché abbiamo fatto cinque giorni di ritiro. Non è la prima volta che lo facciamo, a volte capita. Domani mattina facciamo allenamento alla Continassa e ci prepareremo per il Derby. Comunque nessuno me l’ha chiesto, stranamente, ma gioca Perin.

Pjanic in difficoltà? Normale che giocando con i tre davanti, a metà campo siamo in tre e fa più fatica ad accorciare. Comunque per noi è un giocatore determinante. Ci dà i tempi di gioco, e domani giocherà sicuramente. Il dubbio è tra Emre Can o un esterno a destra. Riposo per Ronaldo? Ronaldo salterà una delle prossime tre partite, ma il derby no. In Champions contano gli obiettivi: non si può pensare di vincere tutte le partite. Poi l’altra sera ci siamo fatti gol da soli e abbiamo preso gol su una ripartenza. Abbiamo preso una traversa, ci è stato giustamente annullato un gol: non meritavamo la sconfitta, ma siamo arrabbiati perché abbiamo comunque perso.

Su punizione non abbiamo ancora fatto gol e bisogna migliorare, sicuramente. Più difficile rinunciare a Ronaldo o a Chiellini? Sono entrambi due top, in due ruoli diversi. Mandzukic a riposo? Stamani era quello più in forma di tutti. Ora sta bene dopo l’infortunio alla caviglia e domani giocherà.

Sull’aria particolare del derby: “Ci sono molti tifosi del Toro a Torino, ma non ho ricevuto sfottò perché siamo stati in Svizzera. La partita è sentita da entrambe le tifoserie, ma deve essere una partita di calcio, non deve diventare una cosa brutta. Deve essere una bella partita di calcio dove la squadra che vince avrà meritato di vincere. Deve essere solo ristretta alla giornata sportiva. Sarebbe un brutto spot per il calcio. La difesa a 3? Potremmo giocare con De Sciglio terzo centrale. Io e Mazzarri?Siamo caratterialmente e per i modi di fare decisamente opposti, anche se geograficamente molto vicini. Direi che lui sta facendo molto bene al Toro, sta lottando per l’Europa League. Siamo diversi nel vedere le cose, ma siamo cresciuti con due allenatori completamente diversi, lui con Olivieri e io con Galeone.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. marcohelg_385 - 8 mesi fa

    pezzo di merda mi ricordo ancora i derby persi all’ultimo elui che usciva dal campo con un sorriso da cavallo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. prawn - 8 mesi fa

    ” La partita di domani è quella più difficile, lo scoglio più complesso.”

    Cerca ovviamente di motivare i suoi.

    Non vedo l’ora di vedere che combiniamo, ho un tot di speranze, ho come un buon presentimento, spero di non sbagliarmi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Daniele abbiamo perso l'anima - 8 mesi fa

    Spacchiamo il culo a sti maiali !
    Giocando, rubando, di fortuna…come vi pare, non stiamo troppo a sottilizzare.
    Con questi ladroni va bene qualunque modo.
    Forza Toro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Gio - 8 mesi fa

    Sarebbe anche sportivo un arbitraggio imparziale, dove il metro di giudizio dei falli e dei cartellini sia uguale per entrambe le squadre. Oppure è antisportivo soltanto insultare chi ruba?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. BACIGALUPO1967 - 8 mesi fa

    #SPACCHIAMO il culo a sti stronzi

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy