Toro News
I migliori video scelti dal nostro canale

toro

Torino, Krunic è un pupillo di Giampaolo: è il prototipo di mezz’ala moderna

MILAN, ITALY - JANUARY 28:  Rade Krunic of AC Milan kicks a ball during the Coppa Italia Quarter Final match between AC Milan and Torino at San Siro on January 28, 2020 in Milan, Italy.  (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Focus on / Di proprietà del Milan, ha esordito in Serie A con Giampaolo all'Empoli e sempre in Toscana è esploso

Andrea Calderoni

Rade Krunic è uno dei primi obiettivi del nuovo responsabile dell'area tecnica Davide Vagnati. Da lui e da Ricardo Rodriguez si vuole partire per costruire il nuovo Toro di Marco Giampaolo. Perché puntare su Krunic? In primo luogo perché è una mezz'ala che Giampaolo apprezza e ha già allenato. È stato proprio il tecnico granata a fargli conoscere per primo l'Italia nella stagione 2015/2016 all'Empoli (16 presenze totali e un gol al Genoa alla terza apparizione in Serie A). Dopo di che i due si sono ritrovati al Milan a distanza di tre anni.

CARRIERA - Nel mezzo Giampaolo ha avuto la positiva esperienza alla Sampdoria, mentre Krunic è maturato e non poco a Empoli. Nel 2017/2018 è stato uno dei grandi protagonisti della promozione segnando 5 reti e sfornando 10 assist. La consacrazione è tuttavia arrivata due stagioni fa in Serie A sempre al "Castellani": 33 apparizioni, 5 gol e 6 assist con una salvezza sfuggita all'ultimo respiro. A quel punto il classe 1993 bosniaco (27 anni ad ottobre) ha attirato le attenzioni del Milan ed è stato proprio Giampaolo a spingere per il suo acquisto. A Milano stagione in sordina con 15 presenze in campionato, ma soltanto 4 da titolare.

AUTOVALUTAZIONE - Ma che giocatore è Krunic? A rispondere alla domanda ci pensa lo stesso bosniaco intervistato qualche mese fa dai canali ufficiali del Milan. "Mi considero un giocatore che ha un po’ di tutto. Le mie caratteristiche principali sono le progressioni palla al piede e i dribbling. Il mio idolo? Ricardo Kakà. Come caratteristiche un po’ ci assomigliamo anche se lui era più offensivo di me. E’ stato il mio idolo, mi è sempre piaciuto il suo modo di giocare". Vagnati è dunque al lavoro per questa mezz'ala moderna, capace sicuramente di inserirsi in area di rigore e di proporsi in avanti. Valutazione? Poco meno di 10 milioni di euro.

Potresti esserti perso