Torino-Lazio 3-1, l’analisi dei gol: Aina, è assist con le mani. E che giocata di Meité

Torino-Lazio 3-1, l’analisi dei gol: Aina, è assist con le mani. E che giocata di Meité

Approfondimento / Il secondo gol granata nasce da una grande intuizione del centrocampista francese, che dimostra di avere qualità notevole

di Redazione Toro News

AINA CON LE MANI

Screenshot (764)_LI

Il giorno dopo Torino-Lazio, torniamo ad approfondire le dinamiche dei gol fatti e subiti dai granata. Il primo gol del Torino, al minuto 6 della ripresa, è firmato Iago Falque. L’azione del gol è singolare perchè l’assist arriva direttamente da rimessa laterale. Ola Aina batte all’altezza dei venti metri, il lancio è potente e il pallone arriva in area piccola. Non è la prima volta che il Torino prova a rendersi pericoloso direttamente con la rimessa con le mani

Screenshot (765)

Falque capisce dove arriverà la sfera prima di Lulic, decisamente disattento (da questi particolari si vede come la Lazio sia arrivata a Torino di certo senza grandi motivazioni). Peraltro sono utili i movimenti di Belotti e Meité che “svuotano” quel fazzoletto di campo. Lo spagnolo arriva sul pallone e con un sinistro di prima intenzione fulmina Proto da due passi portando avanti il Torino.

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. PrivilegioGranata - 6 mesi fa

    Le buone notizie sono che due assist e un gol nel match contro la Lazio vengono da tre giovani scoperte di quest’anno.
    Aina, con una rimessa laterale di rara potenza e intelligenza; Meité con un contrasto di classe e una imbucata lunghissima e cionostante col contagiri per Lukic, che sa leggere benissimo l’invito, si beve il difensore e il portiere e va a segnare finalmente un contropiede, che è merce rara al Toro.
    Ola Aina, Meité, Lukic.
    Giovani che Mazzarri sa coltivare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. tric - 6 mesi fa

    Lukic i progressi li aveva già fatti lo scorso anno al Levante, per questo non volevano lascialo tornare al Toro. Piuttosto Mazzarri ha impiegato tutto il girone d’andata per capirlo. E’ un buon allenatore, ma ha troppo i piedi di piombo. Invece Meité deve velocizzare (molto) il suo gioco: non può fare una giocata (sia pure eccellente) ogni due partite! Deve inoltre fare attenzione di non perdere palloni subito davanti alla difesa, che sono pericolosissimi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PrivilegioGranata - 6 mesi fa

      Nel girone di andata Mazzarri ha dato spazio e occasioni a Soriano, cioé a colui che avrebbe dovuto dare qualità e rifinitura all’azione offensiva. Sappiamo come è andata e come quel giocatore si è comportato con noi.
      Lukic ha iniziato pian piano ad emergere dal momento in cui Mazzarri ha staccato la spina a Soriano.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Kieft - 6 mesi fa

    Già contro la juve ho visto la velocità di lukic, ha fatto progressi fisici notevoli in questi due anni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Granata - 6 mesi fa

    La foto, non avendo prospettiva , inganna. Iago ha compiuto una prodezza ma se la palla gli fosse caduta come in foto sarebbe stato ancora più difficile. Bravo Iago

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. SiculoGranataSempre - 6 mesi fa

    E poi c’è il dribbling in area e passaggio di esterno di Bremer che è poesia… Che giocata!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Fabio - 6 mesi fa

      Esatto, ha un gran bel potenziale e sembra molto meticoloso

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy