Torino-Merano è un altro banco di prova: 3-4-3 e giovani sotto la lente d’ingrandimento

Torino-Merano è un altro banco di prova: 3-4-3 e giovani sotto la lente d’ingrandimento

Verso il match / Mazzarri continua a testare il ‘nuovo’ sistema di gioco. E attenzione alle chances per Rauti&Co.

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

È un banco di prova importante quello che attende il Torino tra circa due ore al Comunale di Bormio: i granata affronteranno il Merano nella seconda uscita di questo precampionato tanto atipico quanto carico di attese. Dopo il 18-1 rifilato alla Bormiese, Mazzarri è alla ricerca di nuove conferme dai suoi. Non tanto per quanto riguarda il risultato – le avversarie lasciano il tempo che trovano – ma per quanto riguarda l’aspetto tattico e soprattutto atletico. I granata devono rodare il ‘nuovo’ 3-4-3 e allo stesso tempo metabolizzare i primi carichi di lavoro per mettere minuti nelle gambe in vista del 25 luglio.

OCCASIONE – Come noto, queste amichevoli sono anche l’occasione per vedere all’opera i giovani interessanti a disposizione di Mazzarri. Jacopo Segre sta già convincendo il tecnico toscano e si è meritato il rinnovo contrattuale sino al 2022, così come Nicola Rauti che contro la Bormiese ha realizzato un’ottima doppietta e ha dimostrato di essere uno tra i più in palla della squadra. Nel secondo tempo ci sarà spazio anche per Candellone e Singo, altri due prospetti da tenere d’occhio già in questo ritiro.

PROVE DI TRIDENTE – Bisogna affinare anche i meccanismi del 3-4-3 puro proposto da Mazzarri in questi primi giorni di ritiro. I granata, a dire il vero, hanno utilizzato un sistema di gioco molto simile nelle ultime partite dello scorso campionato; a cambiare sono le caratteristiche di una delle due mezze punte. L’anno scorso era spesso Baselli (e a volte Meité e Lukic) ad occupare quel ruolo, oggi insieme a Falque c’è Berenguer. Con il ritorno a pieno regime del nuovo 10 del Toro e dopo il finale in crescendo di Berenguer, il 3-4-3 puro non è più una semplice suggestione ma il modulo di base dell’EuroToro: con il Merano ecco un’altra chance per oliare i meccanismi.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Toro Forever - 1 mese fa

    Occhi sui nostri giovani. Oggi “marcherò” stretto Segre. Potrebbe essere la sorpresa più bella del Toro. Bravissimi anche Singo e gli altri “bocia” granata. Finché avremo dei giovani in gamba, avremo un futuro. Alé Toro!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy