Torino, Millico e un gol da record: il gioiellino è sulla buona strada

Torino, Millico e un gol da record: il gioiellino è sulla buona strada

Focus On / L’attaccante classe 2000 ieri ha esordito in Europa segnando il gol del definitivo 4-1

di Luca Sardo

Ieri sera è stato il debutto europeo per Vincenzo Millico. E che debutto. Il giovane attaccante classe 2000 (deve ancora compiere 19 anni) è subentrato al Gallo Belotti al 31′ del secondo tempo e gli sono bastati solamente 16 minuti per comparire nel tabellino dei marcatori. Proprio nel finale di partita l’attaccante granata, dopo la respinta del portiere su un tiro di Zaza, ha colpito la palla di testa scavalcando l’estremo difensore del Debrecen e segnando il suo primo gol in Europa alla seconda presenza in assoluto in prima squadra. E la rete per Millico è già un record: è diventato infatti il primo calciatore italiano classe 2000 ad andare a segno in una competizione europea per club.

LE SUE PAROLE  Dopo la vittoria per 4-1 conquistata in trasferta in Ungheria, Millico ha parlato nel post partita, esprimendo il suo pensiero sul match appena terminato: “Sono contento per l’esordio europeo e per il gol tra i professionisti all’esordio europeo. I compagni mi hanno già cazziato in spogliatoio – è il retroscena -, spero questo sia un punto di partenza. E’ stata una grande emozione”. Si evince un Millico concentrato con obiettivi ben fissi in testa: crescere e migliorare per diventare ancora più forte.

Le pagelle di Debrecen-Torino 1-4: Zaza promosso, Sirigu custodisce la vittoria

FUTURO – La grande stagione disputata dal classe 2000 con la Primavera dell’ormai ex allenatore Federico Coppitelli ha fatto si che venisse convocato già nel finale della passata stagione in Prima squadra e si allenasse al Filadelfia con Belotti e compagni. Con la Primavera Millico ha collezionato 28 presenze (22 in campionato, 2 nelle fasi finali, 1 in Supercoppa Primavera e 1 in Coppa Primavera) segnando 29 gol e facendo 9 assist: numeri spaventosi per un giocatore palesemente fuori categoria tra i coetanei. Mazzarri non ha mai avuto dubbi: conta su Vincenzo come parte integrante della rosa per la stagione 2019/2020, l’idea di un prestito non è mai stata presa in considerazione. E se l’investitura arriva dal tecnico toscano, uno che con i giovani usa sempre grande cautela, un motivo ci sarà. Con il passaggio definitivo in Prima squadra ora toccherà a mister Mazzarri tenere Millico coi piedi per terra, e farlo crescere ancora perchè è molto giovane e la strada è ancora molto lunga. Ma ad oggi appare quella giusta.

15 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. PrivilegioGranata - 3 settimane fa

    Se vogliamo dirla tutta, nei primi minuti in campo Millico ha girato a vuoto in maniera preoccupante. Poi ha iniziato a prendere le misure del match, pur peccando di ingenuità: pensava di ingannare il proprio marcatore con finta e controfinta in area ungherese e ciò fa capire che deve ancora essere svezzato a dovere. L’avesse fatto in campionato avrebbe rimediato una figuraccia.
    Bella e fortunata l’azione del gol; bello l’assist smarcante per Zaza, fortuna essersi trovato esattamente nel punto giusto al momento giusto sulla ribattuta del portiere.
    Benvenuto, tanti scappellotti sulla testa da parte dei compagni e qualche giusta cazziata negli spogliatoi per le manchevolezze mostrate. Il ragazzo ha tutto, ma deve crescere.
    Altro capitolo, Singo: mi è piaciuto molto, solido, concreto, fisicamente già strutturato. A questo punto potrebbe davvero partire Bonifazi per arrivare più facilmente ai nostri obiettivi di mercato, e Singo potrebbe ricoprire il ruolo di sesto della difesa. Si allenerebbe coi grandi, imparando il mestiere da loro e da Moretti, starebbe in panchina senza mugugnare, e all’occorrenza si farebbe trovare pronto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Torello_621 - 3 settimane fa

    Certo che i tifosi sono strani. Era dai tempi di Ogbonna che non ne capita uno buono per giocare subito in prima squadra e noi lo vogliamo mandare in serie b? A giocare Cosenza Crotone? Ma dai.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bischero - 3 settimane fa

      Infatti ogbonna fece così.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Bischero - 3 settimane fa

    Il futuro di millico dipende solo da millico. Vada a giocare in serie b metta su 35 partite e poi torni. Se farà bene sarà dei nostri dal prossimo anno come é tradizione di tutti i giocatori del passato granata. Io ricordo pochissimi elementi passati direttamente dal vivaio alla prima squadra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Madama_granata - 3 settimane fa

    Io vedo bene, anzi benissimo, Belotti e Zaza titolari, con Millico riserva.
    Il ragazzo pronto (in tutti i sensi, anche nell’intesa e nei risultati) a subentrare quando
    Belotti o Zaza non fossero disponibili o avessero bisogno di rifiatare.
    A mio parere, in quessto ruolo, non abbiamo bisogno di nuovi acquisti.
    La spesa x inserire dei rinforzi la dirotterei su altri ruoli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. skrunk - 3 settimane fa

    Ero e sono sempre più convinto che Millico abbia grandi potenzialità, senza voler passare per un’espertone… l’ho scritto in un commento prima della partita che speravo venisse impiegato, ovv. in situazioni favorevoli, tipo dal 2-0 in su…
    Nell’articolo non ho letto del fatto che il suo gol è stato propiziato da una sua iniziativa, ha messo Zaza da solo davanti al portiere, Zaza ha tirato e sulla respinta del portiere Millico ha segnato… ha fatto anche altre cose buone, un tiro a giro respinto da un’avversario, un paio di ripiegamenti, qualche scambio in velocità e un bel calcio d’angolo non sfruttato dai compagni… un buon esordio, bravo, con Mazzarri e il gruppo può crescere bene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Mimmo75 - 3 settimane fa

    Ieri abbiamo capito che un prestito in lega pro (il Debrecen possiamo assimilarlo a un top club di lega pro) sarebbe inutile: Millico sarebbe extra lusso a quei livelli. Serie b? Boh! Vedremo strada facendo. Gli infortuni di Iago e Baselli regaleranno altre opportunità al giovanotto e la buona la prestazione di ieri forse renderà l’esigentissimo Mazzarri meno titubante nel dargli più minutaggio. Il prossimo turno sarà un po più impegnativo, gara contro avversari da serie B nostrana. Vedremo come se la caverà Vincenzo, sperando di arrivare ai paly off per alzare ancor di più la sua personale asticella (e per noi, chiaramente). I preliminari saranno decisivi per lui. Se sarà EL resterà a prescindere perché la rosa dovrà essere più lunga. In caso contrario potrebbe andare in prestito. A meno che nel frattempo non abbia dimostrato di essere una credibilissima alternativa ai titolari. A quel punto non mi stupirei se non arrivasse il famoso attaccante sinistro di piede destro. Perché Vincenzo, in potenza, è superiore a Berenguer e Verdi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. verarob_701 - 3 settimane fa

      Detto che a me personalmente Verdi non fa impazzire, non credo sia importante quanto in potenza un giocatore possa fare…se il Toro vuole giocarsi le sue chance deve avere giocatori pronti adesso, e Millico più che entrare in concorrenza con Verdi o Berenguer che sono meno attaccanti e più trequartisti, e più duttili tatticamente, entra in competizione con Belotti e Zaza …e non vai a giocare l’Europa league tenendoli in panca per far giocare Millico, anche considerando che se dovesse continuare così, credo che questo Zaza sia difficile da tenere fuori

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Filadelfia - 3 settimane fa

    Sono stracontento per Millico. Avanti cosi ragazzo del Fila. Ascolta umilmente i consigli di Mazzarri e il futuro sarà Tuo. In bocca al lupo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. verarob_701 - 3 settimane fa

    Rock y Toro…come già detto, le sensazioni sul giocatore cambiano da caso a caso, va aggiunta anche una valutazione di squadra…Ad oggi Millico fa parte della rosa della prima squadra anche perchè con, al momento, 5 giocatori per i 3 ruoli offensivi potrebbe avere degli spazi importanti, chiaramente l’arrivo di un altro titolare per la fase offensiva, insieme al recupero di Parigini ed eventualmente di Edera porebbe cambiare la visione di insieme, e consigliare una partenza del giocatore…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. christiangig_6042482 - 3 settimane fa

    Rock y Toro, giustissima la tua domanda. Devi anche sapere che un giovane che inizia dalla primavera, potrebbe avere già il fisico e la tecnica per essere pronto in prima squadra; a prescindere dalla serie.
    Millico ha una forza fuori dal normale, tanto che un allenatore esperto e di esperienza ( appunto come Mazzarri ) conosce le dinamiche e sa quel quel determinato giocatore è già pronto.
    Per fare ciò, chiaramente, vengono fatti test su test e osservazioni prima di prendere una decisione.
    Il fatto di mandare poi, un ragazzo, a farsi le ossa in un’altra squadra dove possa garantirgli la titolarità un’arma in più, ma Millico in questo caso può considerarsi una specie di Cutrone, e cioè perfetto per essere un vice sia del gallo che di Zaza.
    Considerando anche che le competizioni sono 3, ragion per cui il Torino ora come ora ha bisogno come il pane di un giovane potenziale come lui!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gianTORO - 3 settimane fa

      concordo in pieno. ogni tanto qualche giocatore della primavera, anche non nostra, è pronto subito per la prima squadra anche se non è così frequente. gli esempi ci sono anche se non sono tantissimi ma capita. lo scoglio più grande è la testa…già sei gasato quando giochi nella primavera di un grande club…se poi passi subito in prima squadra sei gasatissimo. e qui entra in gioco la testa. ecco auguro a Millico di considerare il suo cervello come un altro muscolo su cui lavorare molto, forse più che sulle gambe, i piedi ed il fiato. il resto verrà di conseguenza perchè il ragazzo è potenzialmente molto forte.
      FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Rock y Toro - 3 settimane fa

    Ma perché altri vengono spediti a farsi le ossa in squadre di serie inferiori e Millico no? Così maturerà meglio con il confronto continuo con la massima levatura dei compagni? Allora qual è il metodo giusto per far crescere un giovane al meglio delle sue capacità?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Torello_621 - 3 settimane fa

      Perché gli altri sono scarsi mentre lui è forte.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. christiangig_6042482 - 3 settimane fa

    Millico è un giovane attaccante esplosivo. Ha rabbia e si vede, Edera lo scorso anno non aveva convinto, nonostante la buona tecnica.
    Comunque Quagliarella e Calaiò esplosero alla sua età.. e cosi anche Pinga.

    Benarrivato Millico tra i grandi e buona fortuna !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy