Torino, quanti cambi in difesa: i pro e i contro dell’alternanza frenetica

Focus on / Giampaolo ruota tutti i difensori ogni volta, e non ha dei titolari fissi. Ecco cosa implica

di Redazione Toro News

Il Torino, dopo la sconfitta nel Derby della Mole, si prepara ad affrontare, sabato, l’Udinese. Una gara dove fare tre punti sarà un imperativo per i granata di Giampaolo: il che significherà avere un reparto offensivo prolifico, certo, ma anche una difesa più solida di quanto si è visto finora (24 le reti subite dai granata, la squadra più battuta del campionato ad oggi). A caratterizzare questo primato negativo c’è il fatto che la retroguardia del Torino in queste dieci giornate ha spesso cambiato forma (giocando con una linea di quattro o tre uomini) e ancora più spesso uomini: l’allenatore granata non ha una serie di titolari fissi, in quanto i giocatori vengono alternati di continuo. Ciò lascia spazio ad alcune riflessioni circa le implicazioni (e le motivazioni) di una tale scelta.

LEGGI: Il girone di qualificazione dell’Italia al Mondiale 2022

PRO – I fattori positivi legati a questo approccio alla difesa sono anzitutto quelli motivazionali: se Giampaolo può scegliere di volta in volta chi far giocare, allora tutti di settimana in settimana devono mostrarsi in forma. Ecco che quindi i più presenti tra i difensori centrali in campionato  (con 8 presenze ciascuno e rispettivamente 782 e 780 minuti giocati) sono i brasiliani Bremer e Lyanco, seguiti da Rodriguez (557 minuti giocati in 7 gare); Nkoulou, leader della difesa granata nelle ultime tre stagioni, è solo il quarto nella graduatoria (540 minuti in campo in 7 gare). In fondo Izzo (91 minuti accumulati in una sola presenza in campionato) e Buongiorno (zero minuti in campionato). In particolare, da quando il Torino è tornato alla difesa a tre dall’inizio (quattro partite tra campionato e Coppa Italia) Giampaolo non ha mai confermato lo stesso trio.

LEGGI: Torino, le parole di Cairo su Giampaolo e Belotti

CONTRO – Scelte del genere però potrebbero anche portare a una maggior difficoltà nel metabolizzare automatismi e intesa e di contro, viste le performances recenti del Toro, produrre effetti negativi. Anzitutto vengono a mancare in campo i punti di riferimento nelle situazioni di gioco, quando un solido reparto difensivo deve mantenere il sereno dalle parti di Sirigu. Di contro c’è poi che non si sviluppa quell’affiatamento possibile solo dopo molte gare giocate fianco a fianco, situazione che non è possibile ricreare appieno in allenamento. Quel che è certo è che, alla fin fine, delle gerarchie in difesa dovranno emergere. E solo a quel punto, forse, i risultati saranno più soddisfacenti.

 

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 2 mesi fa

    Il problema del ruotare i difensori nelle varie partite è secondario in epoca Covid con le cinque sostituzioni. Tutti possono giocare, mettersi in mostra e dare il loro contributo alla causa. Sta all’allenatore avere le idee chiare sulle gerarchie e sul minutaggio durante le partite, possibilmente facendo i giusti cambi quando servono e non a fine gara quando sono alquanto inutili.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Frenck - 2 mesi fa

    GP secondo me voleva mischiare le carte e soprattutto beva dei giocatori per il suo modulo. Forse non presi. Ma se ti trovi giocatori che come Izzo Bremer e nok. Che per me giocavano anche bene. Io più che altro non capisco lianco sempre rotto. E ora gioca regolarmente. Era rotto in testa allora. Ma il nocciolo secondo me se i vari Rodriguez e Murru ecc ecc sono scarsi più di izzo Bremer singo. Ecc ecc. Facciamo che stanno in panca. Compreso lianco. Che parecchi gol li abbiamo presi per colpa sua. Per colpa di meite che vuol driblare un po’ ovunque. Oppure il buon rincon che invece di buttar via la palla la vuol difender e perderla per così dar il via alla più stupida delle rimonte. Ma forse se sei stanco non C’è più ossigeno alla testa. Ma se un allenatore non riesce capire e insiste non far cambi non capisco il perché. Ripeto GP non riesce giocare con le carte che si trova.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy