Milinkovic-Savic, Bonifazi, Alfred Gomis e… Toro, la Spal è una colonia di ex

Milinkovic-Savic, Bonifazi, Alfred Gomis e… Toro, la Spal è una colonia di ex

Verso la partita / Sono sei i giocatori spallini con un trascorso in granata

di Alberto Giulini, @albigiulini

C’è una vera e propria colonia granata a Ferrara: sono infatti sei i giocatori spallini ad aver vestisto in passato la maglia del Toro. Un numero che è cresciuto fortemente in quest’ultima sessione di calciomercato estivo, con il passaggio di Milinkovic-Savic, Bonifazi e Valdifiori alla corte di Leonardo Semplici.

MILINKOVIC-BONIFAZI – Quella di domenica sarà dunque una sfida speciale per loro, anche se non tutti saranno della partita. È il caso di Milinkovic-Savic e Bonifazi, entrambi ancora di proprietà granata ed a Ferrare solamente in prestito. Il centrale è ancora in fase di recupero e sta lavorando a parte, mentre non dovrebbe ancora essere arrivato il momento dell’esordio per il portierone serbo. A difendere i pali spallini, salvo imprevisti, sarà infatti Alfred Gomis, anche lui un ex.

ALFRED GOMIS – Avrà voglia di farsi rimpiangere Alfred Gomis, scaricato dai granata dopo una serie di incertezze nel ritiro di due stagioni fa. Mihajlovic lo aveva infatti promosso a titolare, poi una serie di errori ha portaro il tecnico a preferirgli prima Padelli e poi Hart. Dopo i prestiti a Bologna e Salernitana, è quindi arrivato l’addio definitivo che ha portato Gomis a vestire la maglia della Spal. Dopo il dualismo della scorsa stagione con Meret, quest’anno il senegalese se la dovrà vedere con Milinkovic.

SCHIATTARELLA-VALDIFIORI – Dualismo tutto granata anche in cabina di regia, con il neo arrivato Valdifiori che insidia Schiattarella per una maglia da titolare. Nessuna presenza in granata per il centrocampista napoletano che i tifosi del Toro ricorderanno soprattutto da avversario. Suo, infatti, un grandissimo gol ai granata con la maglia dell’Ancona nel 2009: un destro da centrocampo che non lasciò scampo a Sereni. Nelle prime due giornate è stato proprio Schiattarella ad essere stato scelto per il ruolo di perno centrale del centrocampo, con Valdifiori utilizzato solamente a partita in corso.

Calciomercato Torino, Niang verso il Rennes in prestito con diritto di riscatto

MIRKO ANTENUCCI- Chi a Torino ha lasciato un ottimo ricordo è Mirko Antenucci, in granata dal gennaio 2011 all’estate del 2012. Grande protagonista nel Toro di Ventura che riconquistò la Serie A, l’attaccante era in comproprietà con il Catania, che al termine della stagione se lo assicurò alle buste con grande dispiacere e delusione del giocatore stesso. Un anno fa la Spal fu ad un passo dal cederlo all’Empoli, ma Antenucci puntò i piedi, convinto di poter dire la sua in Serie A. Partito dunque alle spalle di Borriello, Paloschi e Floccari nelle gerarchie di Semplici, l’ex granata si è conquistato una maglia da titolare e, con undici gol, ha trascinato i ferraresi alla salvezza. Dopo una grandissima rete nell’ultima giornata contro il Parma, Antenucci è pronto a tornare nello stadio in cui è stato grande protagonista.

 

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 1 anno fa

    Milinkovic-Savic è nettamente meglio di Gomis, Ichazo e Rosati. Riportiamolo a casa il prossimo anno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13940067 - 1 anno fa

    Nel precampionato lo scorso anno gomis si è fatto delle papere incredibili.. diciamo che non mi manca affatto. Mi tengo stretto Sirigu.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Immer - 1 anno fa

    Gomis mio idolo indiscusso lo vorrei a difendere la porta del mio toro. Insieme a Bonifazi in cui credo tantissimo perché gioca con tranquillità

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. skrunk - 1 anno fa

      Concordo, ho grande stima di Gomis e Bonifazi penso possa diventare un grande centrale

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-14003131 - 1 anno fa

    Uno come Antenucci non mi spiego perché non ha fatto più carriera in A.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. skrunk - 1 anno fa

      Adesso conta più avere un procuratore di grido… che essere un’ottimo calciatore, come Antenucci…
      Noi potevamo tenerlo, bastava mettere pochi soldi in più quando è andato alle buste col Catania, e lui teneva molto a restare, ma non l’abbiam fatto…

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy