Toro, difesa a quattro trasformista: così Mazzarri ha ritrovato il clean sheet

Toro, difesa a quattro trasformista: così Mazzarri ha ritrovato il clean sheet

Approfondimento / Il Torino chiude il match senza gol subiti: non accadeva in Serie A dal 28 aprile scorso. Il segreto del successo sta in un accorgimento tattico di Mazzarri

di Nicolò Muggianu

Il Torino porta a casa un punto importante contro il Napoli. Un risultato fondamentale per il peso specifico del punto conquistato contro un avversario tecnicamente superiore, ma anche – o meglio, soprattutto – per gli ottimi feedback dati dalla squadra a Mazzarri. E c’è proprio lo zampino del tecnico sul risultato del Torino, che con un particolare accorgimento tattico è riuscito ad imbrigliare l’attacco del Napoli.

LA MOSSA – Un accorgimento che, per inciso, è stato notato ed elogiato anche da Ancelotti nel post partita. Il tecnico partenopeo infatti, in conferenza stampa ha svelato: “Avevamo preparato un 4-1-4-1 per aprire la difesa a tre del Torino, ma loro sono stati bravi a cambiare in corsa e abbiamo dovuto adeguarci con qualche difficoltà“. Ma di cosa si tratta? Consapevole dello schieramento tattico del Napoli, Mazzarri ha costruito una formazione a due volti: capace di disporsi con un 4-4-2 in fase di non possesso e con un 3-4-2-1 una volta recuperata palla. Un doppio schieramento che il tecnico granata ha potuto eseguire anche grazie alla duttilità dei giocatori in campo. Da Verdi a Izzo, passando per Laxalt e Lukic: sono loro quattro i giocatori che hanno dato il maggiore impulso alla mossa tattica di Mazzarri, interpretando ruoli anche molto differenti in base al momento della partita.

SOLIDITA’ – Il risultato, senza dubbio, premia Mazzarri. Dopo una prima metà di primo tempo di assestamento, il Torino è riuscito a venire fuori alla distanza, riuscendo a costruire anche le potenziali occasioni per vincere il match. Nonostante la mancata vittoria però, Mazzarri può essere soddisfatto: i segnali che chiedeva sono arrivati, specialmente dalla difesa che torna imbattuta per la prima volta in campionato dal 28 aprile 2019 (Torino-Milan 2-0). Va da sé dunque che quella contro il Napoli è il primo clean sheet di questa Serie A per il Torino, che nelle prime 6 giornate aveva subito 10 gol. Numeri distantissimi da quella difesa che, nel girone di ritorno dello scorso anno, aveva macinato numeri da Champions. Ora non resta che ripartire da qui: da questi accorgimenti e da questi uomini (Izzo, Nkoulou e Lyanco), con la conferma da parte di Mazzarri che la difesa a 4 potrà essere riproposta anche in futuro.

19 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Héctor Belascoarán - 1 settimana fa

    Con Lukic si è inventato anche il “trequartista difensivo”. 🙂

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Toro Forever - 1 settimana fa

    Il clean sheet dipende a volte da fattori occasionali. Bene comunque averlo ritrovato. Ma quello che appare ritrovato è anche il “bandolo della matassa”. Dopo un periodo vissuto “a tentoni” Mazzarri ha fatto, con coraggio, delle scelte alternative che mi sono piaciute molto. Se avessimo perso, apriti cielo. Ma se quel contropiede di Aina fosse stato nei piedi di qualcun’altro, chissà…Ripartiamo da queste belle novità con umiltà e grinta. Il Toro di ieri è stato Squadra sopratutto nei “pensieri”. A questi dobbiamo prolungare il contratto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Filadelfia - 1 settimana fa

    Il momento di crisi si è avuto con la vicenda N’koulou. La solidità difensiva ne ha risentito. Non avevo dubbi che Mazzarri trovasse le soluzioni. La fase difensiva rivista, la ritrovata solidità fanno ben sperare x il prosieguo del campionato. Il rientro di Falque e l’inserimento di Verdi dovrebbero permetterci di cambiare marcia. Si spera.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Bischero - 1 settimana fa

    Secondo il mio parere ieri sera il punto lo ha portato a casa Mazzarri. Ha chiuso il gioco sugli esterni del Napoli con l allargamento di izzo. Con la solita impostazione ne avremmo preso una carrettata. Ora é tornato anche Iago e siamo al completo. Guardiamo ad Udine con fiducia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. SiculoGranataSempre - 1 settimana fa

    Due cose:
    1) Lyanco si è perso Llorente in area dopo che gli era stato attaccato e mentre in area eravamo in 5 contro 2!!! oltre forse Zielinski che entrava centralmente in area tenuto d’occhio da Nkoulou. Lo spagnolo ha colpito di testa indisturbato.
    Spero che Mazzarri abbia visto.
    Se Llorente faceva gol oggi parlavamo di ulteriore dormita della difesa. Lyanco è forte ma è un difensore brasiliano, non deve perdere concentrazione ed essere feroce in area.
    2) Non sono d’accordo sui valori del campionato di Ciccio Graziani. Con la squadra di ieri e Lago Falque, sulla carta non siamo inferiori all’Atalanta e alla Fiorentina. Con la Lazio ce la giochiamo e forse forse anche con la Roma.
    Con la testa giusta lottare per il 5° posto non è vietato. Poi sarò smentito. Ma spero di no.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Federico Granata - 1 settimana fa

    Mazzarri ieri sera ha dato una lezione di tattica ad Ancelotti.
    Il Napoli ci è superiore per uomini, ma ieri sera con Mazzarri la differenza non si è vista.
    A Napoli lo rimpiangono, giustamente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 1 settimana fa

      Ti posso assicurare che a Napoli rimpiangono solo Maradona e forse un po’ Cavani. Non di certo Mazzarri

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Granataforever - 1 settimana fa

    Per essere un Buon tecnico non bisogna essere Integralisti negli schemi….bisogna avere il coraggio di cambiare e sei stato premiato…
    Clean Sheet
    Bravo Mister
    FoRzA ToRo…..Sempre

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Granata - 1 settimana fa

    C’è un aspetto tattico nuovo del Toro di quest’anno che dovrebbe essere sottolineato ma è trascurato da tutti o quasi. La gente nota che il Toro subisce più goal ma non descrive in modo preciso il perché. Su questo forum ci sono due tre espertoni che fanno figure di menta ogni qualvolta scrivono di tattica, vabbè. Torniamo al punto. Il Toro si sta incrociando con l’Atalanta, che a molti piace. L’Atalanta, da inizio stagione ufficiale ha si segnato molto ma ha subito più di 15 goal. Il Toro subisce più goal, perché? Perché l’una e l’altra squadra, con specifiche diverse, si stanno copiando. L’Atalanta inizia a marcare gli avversari a uomo a tutto campo accettando rischi se perdi 1 vs 1 ed il Toro sta, come ieri sera, iniziando a chiudere linee di passaggio sui raddoppi per avere più uomini in attacco. I due modi di interpretare le fasi di gioco hanno bisogno di tempo per essere ben attuati e se ci sono infortuni vari, crisi mentali etc etc i tempi si allungano. Verdi non sta ancora dando quanto può, ha bisogno di tempo. Belotti , pochi lo riconoscono, è migliorato tantissimo tecnicamente ( vedi stop di palla ieri sera da lancio di 60 metri ) e riesce a condurre meglio la palla in avanti decentrandosi apre spazi per inserimenti dei centrocampisti che latitano un po. Ho criticato, in passato Laxalt ma vedendolo da vicino, devo dire che , pur non avendo per me una grande struttura, tatticamente e mentalmente è valido. Non ha ancora assimilato bene cosa vuole Mazzarri e quando lo farà sarà meno timido e diventerà un valore aggiunto. In difesa Lyanco , essendo un guerriero, si esprime bene in contesti come quello di ieri sera. Deve imparare a non sottovalutare gli impegni più semplici. Se lo farà, il Toro, fra un po, darà fastidio a tutti, nessuno escluso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. leggendagranata - 1 settimana fa

      Eccolo il saputone che accusa gli altri di fare gli “espertoni”. Lui sa tutto anche quello che gli altri tifosi, poveracci,”trascurano”. E così possimamo abbeverarci alla sua scienza tattica che ci spiega perchè il “”Toro subisce tanti gol”; e così scopriamo che siamo come l’ Atalanta (magari!) e che giochiamo “per avere più uomini in attacco”. Magnifico, allora dobbiamo metterci tutti gli occhiali, perchè questo Toro tutto all’ offensiva lo vede solo lui. Mah. Tesi ardita o, forse, soltanto da sognatore…E, poi per favore, mettiti un po’ meno “mi piace”.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granata - 1 settimana fa

        Senti, leggenda, io mi riferivo a 2,3 persone in particolare. Qui scrivono in centinaia e su nessuno ho da ridire. Solo 2 o 3 che la fanno fuori dal vaso ma non li insulto. Tu invece l’educazione la devi imparare. Se non sei d’accordo su quello che scrivo, ci può stare, ma credo tu abbia trovato il modo peggiore per rispondere. Evita di commentare quanto scrivo. Io salterò a piè pari i tuoi post. Buona continuazione.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Granata - 1 settimana fa

        Sui mi piace o non piace, io non posso farci nulla. Sicuramente tu sai come fare per votare e metterne diversi con un account. Io non ci riesco neanche volendo. Tu essendo un multinick ci riesci benissimo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. Granata - 1 settimana fa

        Non sai leggere e non hai capacità di comprensione. Io ho scritto che i due tecnici, cercano di copiarsi e non che il Toro è uguale all’Atalanta. Anzi, scrivo di specifiche diverse. Impara a leggere multinick.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. leggendagranata - 1 settimana fa

          Mamma mia! Colpito e affondato…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. maxx72 - 1 settimana fa

          Fratello Granata, sei un GRANDE!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Granataforever - 1 settimana fa

    Per essere un Buon tecnico non bisogna essere Integralisti negli schemi….bisogna avere il coraggio di cambiare e sei stato premiato…
    Cleaner Sheet
    Bravo Mister
    FoRzA ToRo…..Sempre

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Junior - 1 settimana fa

    D’accordo su tutto. Si è visto come girava la difesa, molto più solida ed è anche vero come abbiamo subito i primi 30min. Ci hanno effettivamente schiacciato ma il fortino ha retto. Bene Simone, Nkoulou, Gallo e gli altri.
    Un’unica cosa: Iago gli ultimi 5 min? Poteva essere messo in campo prima, difatti appena entrato si è visto il cambio di velocità. Cmq a ben sperare.
    Ultima cosa: la maratona è un’altra cosa. Siamo davvero un gran tifo. FVCG.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Ciccio Graziani - 1 settimana fa

    Organizzazione tattica perfetta ieri, in difficoltà nel primo tempo, ma molto bene nel secondo. Sicuramente Juventus, Inter, Napoli, Roma, Lazio, Atalanta più forti di noi. Ce la giochiamo con Milan e Fiorentina

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Cerutti_Gino - 1 settimana fa

      Gobbi di M, Inter, Atalanta e Napoli sì, sicuramente… per le due romane non ne sarei così sicuro..se finalmente ingraniamo non siamo così distanti. A dimostrazione: come terzo cambio fare entrare Iago Falque è tanta roba.
      Spero che ce la giocheremo con Roma, Lazio, Fiorentina e (chissà) Milan..

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy