Toro, è tutto un altro Zaza: contro lo Shakhtyor ancora una prova positiva. E con Belotti…

Toro, è tutto un altro Zaza: contro lo Shakhtyor ancora una prova positiva. E con Belotti…

Focus on / Il giocatore della scorsa stagione è un lontano ricordo, con il Gallo l’intesa funziona alla grande

di Alberto Giulini, @albigiulini

Si può tranquillamente definire un nuovo acquisto Simone Zaza. Il giocatore visto la scorsa stagione, infatti, è solamente un brutto ricordo per Mazzarri e per i tifosi granata. Quello visto in questo avvio di stagione sembrerebbe infatti un giocatore pienamente rigenerato.

LONTANO RICORDO – Ma facciamo un passo indietro. Era l’ultimo giorno di calciomercato quando, un anno fa, il Toro si assicurò il cartellino di Zaza strappandolo alla Sampdoria. Un colpo molto importante, il più costoso dell’era Cairo, che ha inevitabilmente portato a grandi aspettative. Sul campo, però, il centravanti ha faticato a recitare un ruolo da protagonista, tra la preferenza di Mazzarri per il doppio trequartista e prestazioni troppe volte insufficienti quando chiamato in causa.

Toro, dalle luci sulla squadra alle ombre sul mercato

GIOCATORE RIGENERATO – Lo Zaza visto in questo primo mese di stagione, però, è tutto un altro giocatore. Il ritiro svolto interamente con Mazzarri sembrerebbe aver dato i suoi frutti ed il giocatore è risultato subito in grandissima forma, ricevendo grandissime lodi soprattutto dal tecnico granata. Subito in evidenza una grande sintonia con Belotti, con il Toro che ha così dimostrato di poter fare molto bene anche con le due punte. E giovedì, anche se non ha trovato il gol, il centravanti è stato comunque autore di una buona prova. E il tentativo dei compagni di farlo segnare non può che essere il segno evidente di un giocatore molto inserito nel gruppo.

 

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. uiltucs.pesar_12159015 - 2 settimane fa

    Devo ancora leggere “sembra un altro giocatore”… ma provate voi ad arrivare in una squadra, dover dimostrare ogni volta di essere all’altezza giocando 15’/20′ a partita (quando andava bene) con l’ambiente contro…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Me grand turin - 2 settimane fa

    Secondo me la strada da seguire è questa con due attaccanti veri.credo che là davanti più che verdi servirebbe una punta vera e propria per sostituire all’evenienza il gallo o Zaza.con Iago,berenguer,millico,Edera e mettiamoci anche baselli siamo a posto così…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 2 settimane fa

      in effetti con uno Zaza così,potrebbe essere una cosa da valutare,ma un centrocampista in più e un esterno basso servirebbero comunque,anche uscissimo dall’europa,cosa possibile visto l’avversario,che avrà inoltre già partite di campionato nelle gambe

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. FORZA TORO - 2 settimane fa

    se continuerà con queste prestazioni,si potrà parlarene certamente come di un nuovo acquisto,mi è piaciuto molto specie per l’intesa con il Gallo,rimaniamo però con i piedi per terra,abbiamo si passato due turni e in modo convincente,ma teniamo sempre presente che si giocava contro avversari piuttosto “leggerini”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. eurotoro - 2 settimane fa

    ..io seguo zaza da quando giocava nel ascoli..ho sempre sperato venisse al toro x la sua grinta fuori dal comune x un attaccante..oltre che x le sue doti offensive..l’ ho sempre visto come uno da toro…finalmente vedremo il vero zaza..che e’ sempre stato un po centravanti e un po seconda punta…andatevi a vedere il gol che gli ha ficcato al real madrid col valencia…spettacolo!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 2 settimane fa

      anch’io l’ho sempre trovato un ottimo giocatore,speravo già lo scorso anno facesse bene,sono rimasto stupito del poco che ha fatto,a volte sembrava veramente non centrasse nulla con la squadra e ,ma è solo una battuta,con il calcio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. granata - 2 settimane fa

    Che la coppia Belotti-Zaza avesse interessanti potenzialità non era difficile capirlo anche l’ anno scorso, quando però Mazzarri mise subito le mani avanti e la ritenne una soluzione di riserva. Zaza, così come Soriano (basta andarsi a rileggere le dichiarazioni dell’ allenatore dopo il loro ingaggio), furono ritenuti due “corpi estranei” al progetto tattico mazzariano e la cosa non fu senza conseguenze. Se fortunatamente Zaza non ha fatto la fine di Soriano (ceduto al Bologna, dove ha ben figurato, anche in questo caso basta andarsi a leggere i giudizi sulle sue prestazioni), è probabilmente perchè la società si è impuntata (le dichiarazioni di Cairo sono molto chiare), chiedendo a Mazzarri di cercare di valorizzarlo per evitare una pesante minusvalenza. D’ altronde, proprio come fa notare qui sotto Garnet Bull (“Piccolo dato: belotti e zaza l’anno scorso hanno avuto la stessa media gol segnati/minuti giocati…”), non è che le poche e parziali discese in campo di Zaza siano state così negative. Soprattutto a fine campionato in coppia con Belotti fece vedere che il Toro acquisiva in attacco quel peso che gli mancava quando si giocava con una sola punta. Dunque, ritengo che sia importante insistere sul loro utilizzo insieme, pur tenendo presente che Zaza non è un fenomeno, a volte sbaglia per eccesso di foga e gli arbitri non ce l’ hanno in simpatia per atteggiamenti da guascone. Ma per il Toro (che gente come Mbappé, Griezman, Cristiano Ronaldo non se li può permettere) è elemento prezioso, una buona spalla per Belotti, che così’ non si trova (come avveniva la scorsa stagione) tutta la difesa avversaria addosso. Oggi i sofisti della tattica disquisiscono sulla possibilità di utilizzare il “doppio centravanti”, ma quando si hanno buoni giocatori sarebbe buona regola metterli in campo, soprattutto per società che non hanno la possiblità di gettare nel water centinaia di milioni di euro. Ci sarebbe d’ altro canto da chiedersi perchè la Juventus di Sarri abbia cercato di ingaggiate Icardi da mettere al fianco di Cristiano Ronaldo o per stare a esempi meno “stellari” al bel campionato della Spal con la coppia Petagna e Antenucci (o anche Petagna-Paloschi) e alla formula che Giampaolo pare prediligere per il MIlan con Piatek e André Silva di punte. Tocca evidentemente al tecnico di indicare i movimenti giusti in campo e di mettere gli uomini più utili a rifornire i due attaccanti. Ricordando il Toro di Pulici-Graziani-C.Sala (ma non solo quello, potrei citare anche Casagrande-Aquilera-Lentini) inviterei Mazzarri a riportare Iago Falque a fare l’ esterno di fascia e la società a trovare una solida spalla a Rincon, per dare maggiore fisicità al nostro centrocampo che con Meitè, Baselli e Berenguer mi sembra un po’ leggerino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Follefra Granata - 2 settimane fa

    Farà meglio, si è già distinto per grinta e impegno. Però deve limare quella sua foga che lo porta spesso a prendere il giallo e anche quell’aria di irriverenza che spesso irrita gli arbitri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user_13544470 - 2 settimane fa

    con questo atteggiamento sono certo che farà bene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Garnet Bull - 2 settimane fa

    Il motivo per cui i tifosi e forse anche Mazzarri avrebbero preferito avere subito almeno il trequartista potenzialmente neo titolare lo ritroviamo nell’ultimo paragrafo…. Comunque tornando sull’argomento dell’articolo, a parer mio era facilmente pronosticabile che quest’anno avrebbe fatto molto meglio, zaza conosce infatti molto bene il campionato italiano nel quale ha segnato e non poco…. Così come in spagna. Piccolo dato: belotti e zaza l’anno scorso hanno avuto la stessa media gol segnati/minuti giocati. E infine, basta dargli del gobbo, in occasione della finale di CL tra gobbi e real lui disse pubblicamente che avrebbe tifato real

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy