Toro, il (non) mercato di gennaio torna d’attualità: ora i giocatori sono contati

Toro, il (non) mercato di gennaio torna d’attualità: ora i giocatori sono contati

Focus on / Quattro cessioni e nessun acquisto: la rosa corta chiesta da Mazzarri è diventata striminzita

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Sedici giocatori di movimento, 13 partite, 44 giorni e una salvezza tutt’altro che scontata da conquistare. In questa condizione non proprio semplicissima (per utilizzare un eufemismo), chissà che al presidente Urbano Cairo non sia tornato in mente quel mercato di gennaio particolarmente rinunciatario. La strategia di sfoltire il parco giocatori invece di rinforzarlo è tornata più che mai d’attualità dopo che gli infortuni di Baselli e Verdi hanno ridotto all’osso una rosa già molto corta. Pur in presenza di una situazione che a gennaio era impronosticabile (un campionato da concludere in estate con partite ogni tre giorni) il tempo ha dato ragione a chi esprimeva perplessità in quel periodo. Ora sarà il campo a doverle smentire, grazie al lavoro di Longo e al doppio sforzo richiesto ai ‘superstiti‘.

Non abbiamo preso nessuno perché abbiamo accontentato il mister (Mazzarri n.d.r.), che preferiva avere una rosa contenuta, per non avere giocatori che si lamentassero. Abbiamo evitato per questo di fare innesti. C’era la possibilità negli ultimi giorni di fare un’operazione ma alla fine non si è conclusa perché la società che aveva il giocatore non lo ha fatto partire.

A PICCO – Un connubio di malasorte ed eventi inaspettati ha trasformato i presupposti su cui quelle scelte si erano basate. Da gennaio in poi la situazione è precipitata con le pesanti sconfitte subite da Sassuolo, Atalanta e Lecce che hanno costretto la società a cambiare allenatore. Le conseguenze principali sono state due: la prima è che il Torino è precipitato nei bassifondi della classifica ritrovandosi in piena lotta salvezza, la seconda è che il divorzio con Mazzarri (che nelle idee della società sarebbe arrivato a fine giugno) è diventato urgente. E aver avallato le scelte di un allenatore sempre più vicino all’esonero a fine gennaio (lo 0-7 in casa con l’Atalanta è datato 25 gennaio) è stata mossa col senno di poi discutibile.

SOSTA E INFORTUNI – Di certo quello che è successo da marzo ad oggi a causa del coronavirus è stato più che imprevedibile. Resta il fatto che i granata hanno lasciato andare via Falque, Bonifazi, Laxalt e Parigini senza rimpiazzarli. E per quanto Baselli e Verdi siano due giocatori chiave, sono bastati i loro infortuni per rendere – almeno – quantitativamente inadeguata la rosa corta chiesta da Mazzarri e avallata da Cairo. Ora il Toro un po’ per sfortuna, un po’ per scarsa lungimiranza, si trova a combattere con pochi mezzi in una situazione delicatissima. Longo e i giocatori che sono rimasti a disposizione avranno il compito di salvare il Toro, ma comunque vada, a fine campionato ci si dovrà interrogare sul modus operandi della società in quel mese turbolento.

37 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Innav (CAIRO VATTENE) - 4 mesi fa

    Testadighisa, oltre ad essere un allenatore antiquato, è la classica persona accomodata signor si. Tutto lì. Il problema del Toro è quell’arricchito coi soldi degli altri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Innav (CAIRO VATTENE) - 4 mesi fa

    Vattene rottamaio. Questo secondo qualcuno è un grande oratore; si, certo, la bocca la userà bene per farsi prestare i soldi dai suoi patrocinatori a strisce.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Andrea63 - 4 mesi fa

    Vattene via ciarlatano!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. maxxvigg1968 - 4 mesi fa

    è proprio solo la conclusione del progetto economico torino fc
    la discesa in serie B, l’incasso del paracadute (8/9 milioni ? ), la vendita dei 4/5 big con mercato (preso vagnati apposta x le vendite), ripartiamo coi giovanissimi da valorizzare / rivendere

    noi guardiamo i punti in classifica, lui i numeri del conto corrente – l’equivoco sta tutto li

    è un grandissimo oratore ….. vediamo cosa riesce a raccontarci tra un mesetto e mezzo – sono curioso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ddavide69 - 4 mesi fa

    Sono 15 anni che mi interrogo sull operato di questa NON società. Ovvero una società formata da un solo uomo. Assolutamente incapace di capire il calcio e anche incapace di trarre profitto dagli errori fatti per non farne di uguali. Devo aggiungere che tutto questo sia fatto in assoluta buona fede…almeno lo spero.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Come un pugno chiuso - 4 mesi fa

    in 15 anni MAI una rosa completa e coperta in tutti i reparti MAI un centrocampo di qualità MAI un allenatore davvero brillante MAI la sensazione di una squadra arrembante ed imprevedibile MAI qualche giocatore in grado di fare la differenza (o forse un paio ma rivenduti quasi subito) MAI una struttura societaria degna di questo nome ….

    tutto ciò può avere solo due nomi : DOLO o COGLIONAGGINE, a voi la scelta
    (io propendo più per il primo, con qualche abbondante spruzzatina della seconda)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Toroaddosso - 4 mesi fa

    La legge del karma!!!! In questi 15 anni di niente questi sono i risultati, di una pseudo società.!!!!una società senza organizzazione, senza organigramma decente ed esperto e soprattutto senza avere niente di granata!! Ma tutto questo è la colpa di una persona sola cioè colui che fa le scelte ed un buon capitano si sa circondare di buoni marinai cioè un buon equipaggio, ma questo come si è ampiamente visto non è il caso nostro un signore che si fa chiamare presidente e non fa niente da presidente!! Se non quello di affossare a livello sportivo ed altro una gloriosa società che ha dato soddisfazione con gli Immortali, non solo a noi granata ma al calcio italiano, e ha forgiato persone come Ferrini, Meroni, Pulici, Zaccarelli,Mondonico, Lentini etc etc.. Bene questa politica del niente a gennaio ecco cosa ci ha portato!!! Bisogna mandare via questo essere ciarlatano che ci prende quotidianamente per i fondelli!!!! Basta!!!! Con questo sfacelo!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. bertu62 - 4 mesi fa

    Come volevasi dimostrare: 18 commenti (COMMENTI, si fa per dire….):
    è bastato un articoletto con tanto di “imbeccata” più una bella foto in apertura et Voilà 🙂 !! Siori e Siore, ecco a voi I BECCAMORTI, coloro che “escono” solo quando c’è da piangere, un funerale, un decesso, da intonare UNA LAGNA CONTINUA!
    Ma tant’è, ce li dobbiamo tenere, anche perché basta un”nuovo” nik e rieccoli qui!
    Ma non più preoccupano, mi siedo sulla riva e prima o poi, passeranno anche loro….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bacigalupo1967 - 4 mesi fa

      Tutti asini signor Bertu62 ci mostri lei dall’alto della sua saggezza e competenza la via.
      Ci faccia capire come può essersi rafforzato il nostro TORO dopo il mervatodi gennaio.
      Lo spieghi anche al dr Luciani Silvio che sarà felice che lei con l’umiltà e l’educazione che abbiamo avuto modo di conoscere ha definito il suo lavoro un articoletto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 4 mesi fa

        Non lo spiega perché non c è nulla da spiegare, basta guardare. Evidentemente per lui e per molti altri che non anelano a nulla , non ambiscono a niente, basta poter partecipare e vedere gli anni che passano gli altri che godono, e aspettano sulla riva….

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. dattero - 4 mesi fa

    l’unico innesto a gennaio che ha fruttato qualcosa è stato Maxi Lopez.
    giusto dire che questo misero essere ci ha disintegrato sportivamente. ha realizzato il sogno della famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Rock y Toro - 4 mesi fa

    Ma vi rendete conto a che punto è stata portata questa società? Se Commi e Tilly erano riusciti a farla fallire economicamente, Urbano l’ha fatta fallire sportivamente, e questo determina distacco emotivo e scarso appeal. Forse da un fallimento economico si può risorgere, da quello sportivo no. Cairo così ha soddisfatto la famigghia degli ovini.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bacigalupo1967 - 4 mesi fa

      Commi mi fa paura… È un ibrido tra Cimmi e Comi?? Cioè uno che mentre mangia bignole dice zaccarello?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Bacigalupo1967 - 4 mesi fa

    E dire che c’è tra i forumisti chi sostiene che la rosa attuale è più che adeguata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. christian85 - 4 mesi fa

      hahahahahahaahhaahahahahah Bacigalupo mi fai morire

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bacigalupo1967 - 4 mesi fa

        Nooo non morire…. Dobbiamo ancora leggerne delle belle dai professori e professoresse del forum

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. maxx72 - 4 mesi fa

          Oh mamma Baci, no le supercazzola no….il professore e la professoressa ci vogliono prendere per sfinimento!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Bacigalupo1967 - 4 mesi fa

            Non avranno il nostro scalpo! Ora e sempre resistenza!!!
            Santa Vittoria Castagnotto aiutaci tu a superare i momenti difficili

            Mi piace Non mi piace
          2. maxx72 - 4 mesi fa

            Castagnotto tutta la vita!

            Mi piace Non mi piace
          3. Bacigalupo1967 - 4 mesi fa

            Solo lapo può mettere un dislike alla Castagnotto

            Mi piace Non mi piace
  12. Forvecuor87 - 4 mesi fa

    Fate semplicemente pena e non vado oltre per non essere volgare!
    Pazienza tavernello che si è definitivamente tolto dai coglioni e si gode il meritato stipendio per aver contribuito a distruggere il Toro!
    Ma come può una società in primis un presidente consentire certe cose! Abbiamo ceduto a gennaio manco fossimo stati in cima alla classifica. Scandalosi e sopratutto ridicoli!
    Vergognatevi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. miele - 4 mesi fa

    Lui dice di aver accontentato Mazzarri, ma evita di aggiungere che è stato ben contento di farlo: risparmio su ingaggi, qualche milione in cassa. Questo lo rende sempre felice.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 4 mesi fa

      Chissà se a mazzarri invece di prendere il pacco marchetta dell ultimo minuto, cairo gli avesse detto: quest anno sarà la consacrazione dobbiamo andare in Europa, entrare il El superare il turno o almeno riuscire l anno prossimo ad arrivare fra le prime 5-6.Vendiamo i vari Meite ,ola aina , baselli, nkoulou e se se ne vuole andare pure zaza. Teniamo lyanco , bremer izzo se vuol rimanere .Prendiamo subito depaul, fofana, mbabu, gagliardini un buon centrale titolare e una seconda punta vera cosa sarebbe successo…forse avrebbe detto : no io voglio verdi! Incredibile.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bacigalupo1967 - 4 mesi fa

        Anche a gennaio sicuramente Mazzarri è andato dal povero Cairo è ha preteso che gli venissero venduti 3 elementi e tassativamente non gli venisse comprato nessuno.
        Sono certo è una ricostruzione credibilissima come i riti di mago Otelma.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. pupi - 4 mesi fa

    Non mercato un piffero! Con un non mercato avremmo ancora Iago, Laxalt, Parigini e Bonifazi. E almeno i primi 2 sarebbero stati utili sicuramente. Il mercato è stato fatto alla grande, in uscita e basta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. christian85 - 4 mesi fa

    @Granata
    nono…. ti sbagli grosso.
    Non ha proprio voluto prendere NESSUNO.

    E comunque, per come la vedo io, inutile dire “società”.
    Qui l’unico che prende decisioni è lui…….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 4 mesi fa

      Io sono sicuro che invece hanno cercato di prendere almeno 2 giocatori. Non hanno valutato alternative credendo di poterne fare a meno. Le decisioni, infine, le prendono sempre quelli che ci mettono i soldi. Mi fai nomi di dirigenti che non ci mettono i soldi e decidono in autonomia ? Grazie

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. christian85 - 4 mesi fa

        ahahahahahahaha ahahahhahahaahaahh ahahahahhahaahah
        nomi di dirigenti che non mettono soldi e decidono in autonomia ?

        Te ne dico solo uno che basta e avanza.

        MAROTTA. E Gonde a ogni capriccio e’ stato accontentato, persino l’ultimo arrivato Eriksen che non serve a niente.

        Poi pero’.. se vuoi che tiro fuori altri nomi, li faccio piu’ che volentieri eh…..
        Ma a parti invertite, se Marotta fosse il ds o dg del Toro non potrebbe decidere un bel tubo di niente! Concordi ?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Granata - 4 mesi fa

          Basta così. Buona continuazione.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Granata - 4 mesi fa

    La società più che non voler comprare nessuno non è riuscita prendere chi voleva. Non ha voluto prendere seconde scelte rispetto ai veri obiettivi ed ora se ne pagheranno le conseguenze. Nel calcio non avendo mai controprova si ragiona con il senno del poi. Lo sbaglio di Cairo è quello di essere sempre un filo sotto il limite minimo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. suoladicane - 4 mesi fa

      io penso che la rosa corta fosse una cosa voluta dal testadighisa, a cairo poi la situazione è sfuggita di mano perchè per accontentare la piazza lo ha licenziato poco dopo; ma questo capita quando sei presuntuoso ed arrogante e vuoi fare tutto tu anche se non capisci un cazzo di ciò che fai, come ha dimostrato urbanetto in 15 anni di torino fc, non capisce un cazzo di calcio ma soprattutto di come si gestisce una società sportiva; poi a lui va bene così si accontenta di essere come preziosi e viperetta, due filibustieri, e lui è il terzo; gli imprenditori sono altro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granata - 4 mesi fa

        Concordo su diverse cose. Mazzarri ha sempre voluto una rosa ristretta così come Cairo ha un ego spropositato. Che non voglia migliorare no assolutamente. Che segua strade sbagliate si visti i risultati. Che voglia imparare dagli sbagli ho dubbi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Bacigalupo1967 - 4 mesi fa

          Cambiando discorso Granata@ il mio allenatore quando era in difficoltà schierava la squadra con un 4 4 2 e sinceramente si riusciva a contenere meglio gli avversari quando erano o tecnicamente più forti o più prestanti fisicamente o semplicemente più in forma.
          Tu da esperto che ne pensi? È una verità o solo una suggestione mia e del mio allenatore?
          È adattabile agli uomini attualmente arruolabili fal nostro Longo?
          Grazie in anticipo per la risposta

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Granata - 4 mesi fa

            Se adattabile ai nostri ? I nostri lo hanno fatto tantissime volte all’interno di molte partite in fase negativa. Credo lo faranno molto anche in fase propositiva vista l’emergenza numerica.

            Mi piace Non mi piace
        2. Granata - 4 mesi fa

          Ciao @Bacigalupo, il 442 è il metodo più facile da imparare/insegnare. Va da sé il più usato. Il resto sono fantasie perché non è il modulo che conta ma la tecnica di base, la preparazione, la voglia e lo spirito di gruppo.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Giaguaro 66 - 4 mesi fa

    vedere la foto di questi due insieme è veramente qualcosa di fastidioso…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maxx72 - 4 mesi fa

      Peggio la foto di grabina.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy