Toro, il primo Miha già meglio dell’ultimo Ventura. Ma non ci si può fermare qui

Toro, il primo Miha già meglio dell’ultimo Ventura. Ma non ci si può fermare qui

Approfondimento / A cinque partite dal termine del torneo il tecnico serbo ha già superato i punti fatti l’anno scorso dall’attuale CT azzurro. Ma quella fu una stagione deludente…

di Nicolò Muggianu

Il risultato ottenuto non è di quelli esaltanti, ma Mihajlovic ha già fatto meglio dell’ultimo Ventura. Il tecnico serbo infatti, vincendo ieri pomeriggio contro il Chievo, ha portato il suo bottino stagionale a 48 punti superando – a cinque giornate dalla fine – quanto fatto dall’attuale CT azzurro nell’ultimo campionato in granata. E’ vero, l’anno scorso fu molto deludente per il Torino che – alla fine dei giochi – si ritrovò appena al dodicesimo posto con soli 45 punti in 38 gare e dietro a squadre come Chievo, Empoli e Genoa. E’altrettanto vero però che da quel giorno il Toro ha subito una vera e propria rivoluzione: il cambio di tecnico, gli addii pesanti di Glik, Maksimovic, Immobile e Bruno Peres avrebbero potuto pesare come un macigno sulla testa di chi avrebbe preso in mano le redini della squadra. Mihajlovic, al contrario, ha avuto il merito di farsi trovare pronto valorizzando il potenziale dei giocatori presenti e scegliendo alcuni uomini giusti durante il mercato estivo. Tale risultato però non può soddisfare appieno tecnico, dirigenza e tifosi che puntano ora  – da qui alla fine del torneo – ad un altro tipo di record: i 57 punti che valsero l’Europa nel campionato 2013-2014 e il record dell’era Cairo.

Le differenze con il Toro di Ventura ci sono anche dal punto di vista realizzativo: l’anno scorso furono 52 i gol realizzati dai granata a fine anno mentre Mihajlovic può vantarne già 63. Allo stesso modo però la squadra con sede in via Arcivescovado ha fatto peggio in difesa: 54 gol subiti a 5 giornate dal termine contro i 55 dell’ultimo corso a campionato già concluso. Quello ottenuto nell’ultimo match dunque è solo un piccolo tassello inserito in un mosaico di crescita molto più grande che il Toro sta cercando di costruire passo dopo passo tramite la programmazione. Per dirsi soddisfatti però i granata dovrebbero migliorare i propri risultati migliori e non – come in questo caso – annate piuttosto deludenti in cui i mal di pancia di alcuni giocatori fondamentali avevano fortemente influenzato l’andamento dell’intera squadra. Il Torino non deve dunque accontentarsi e se da qui a fine campionato c’è ancora tempo per provare a battere il record di 57 punti dell’annata 2013-2014, ci deve essere la consapevolezza – viste le potenzialità – di potersi ulteriormente migliorare l’anno prossimo; con la speranza di non ritrovarsi davanti all’ennesima rivoluzione…

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Leo - 3 anni fa

    Reitero l’invito all’intera testata – invito peraltro già formulato in un precedente post – ad assumere atteggiamenti professionali e deontologicamente corretti : l’insistenza su pseudo classifiche inventate di sana pianta non ha alcun senso ed è priva di qualsiasi logica. Tra l’altro le affermazioni con le quali pateticamente cercate di difendere un’annata disastrosa sono del tutto sballate. Certe cretinate lasciatele dire a Cairo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. prawn - 3 anni fa

    Ancora a parlare di punti in ASSOLUTO quando i punti relativi sono quello che conta.
    E la misura per i punti relativi che funziona (l’unica) e’ il piazzamento in classifica.
    E’ stato scritto e riscritto che questo campionato e’ farsato con squadrette che regalano punti (tutti dal Chievo in giu’)

    Piantiamola li di scrivere porcate, se vuoi lodare miha loda che il toro e’ piu’ divertente dell’anno scorso e quando fa incazzare almeno non lo fa per la noia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Nick - 3 anni fa

    sono d’accordo con l’art e ribadisco che Kamil e Nikola non sono stati adeguatamente rimpiazzati, quelle sono state le perdite più pesanti, se andiamo a vedere come abbiamo preso gol quest’anno, troviamo almeno l’80% alla stessa maniera e cioè a scavalcare i centrali.
    sono cmq contento per il portiere e spero rimanga. pensassero anche ad un centrocampista di qualità da affiancare a Baselli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 3 anni fa

      Eh ma se si vuole puntare a questo nuovo modulo, il centrocampista di qualità diventa Ljaic che giocherebbe tra le linee e non più come esterno d’attacco. Questo potrebbe essere una bella soluzione, soprattutto se recuperiamo al meglio Avelar, che andrebbe a fare anche l’esterno di sinistra in fase di attacco in sovrapposizione a Boye, come Zappacosta a destra in sovrapposizione a Iago, con Belotti unica punta. In mezzo a fare gli incontristi rimangono Acquah e Baselli.
      Se invece giochi senza Boye o senza Iago, allora aggiungi un centrale tecnico (che quest’anno è stato Valdifiori/Lukic)… il famoso metodista tecnico che tutti hanno… tranne noi!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. abatta68 - 3 anni fa

    Vediamo come và a finire la stagione (secondo me a 55punti, contro i 60 che avevo pronosticato a inizio campionato), che valgono un campionato da 6 in pagella, nulla di più. Si poteva fare meglio e lo potevano fare tutti, dirigenza tecnico e giocatori, che continuo a ritenere i primi responsabili del calo di rendimento invernale. L’anno zero di Sinisa stà per finire… speriamo che ne abbia tratto le giuste considerazioni. Idem direi per Cairo… qui se si vuole puntare a qualcosa di più occorre tenere tutto il buono che abbiamo a livello tecnico e aggiungere 2-3 giocatori pesanti a questa squadra un pò troppo leggerina e dal rendimento atletico e umorale altalenante. Un bel centrale in difesa, uno un pò più di Acquah, un degno sostituto di Maxi in attacco e un portiere vero… stop! squadra fatta!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 3 anni fa

      Via hart, Ajeti, Obi, Maxi… basta! solo gente integra, che corre e mena!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. fabrizio - 3 anni fa

    Ha anche battuto il record di punti di Lerda e colantuono combinati

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 3 anni fa

      ah ah!!! vale anche per la combinata!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. fabrizio - 3 anni fa

        certo vale tutto, pur di battere records!! 🙂

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. fabrizio - 3 anni fa

    quindi perfetto, ottimo risultato. Mangiamo record su record!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. magnetic00 - 3 anni fa

      quasi quasi meglio degli invincibili….. ah ah ah

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy