Toro, la sfida agli ex nel momento più difficile: il futuro passa da Petrachi e Mihajlovic

Toro, la sfida agli ex nel momento più difficile: il futuro passa da Petrachi e Mihajlovic

Il punto / Decimo posto con ventuno punti: un rendimento negativo. Ed ora saranno fondamentali le gare contro Roma e Bologna

di Alberto Giulini, @albigiulini

Per i più sarà una casualità, per qualcun altro potrebbe sembrare uno scherzo del destino. Ma sta di fatto che, in un momento alquanto delicato, le sorti del Toro passeranno dalle sfide alle squadre di due ex illustri: Gianluca Petrachi e Sinisa Mihajlovic.

AVVIO NEGATIVO – Perché il Toro in questo avvio di campionato ha deluso le aspettative. Decimo posto con ventuno punti per i granata: non abbastanza per chi ha come obiettivo un piazzamento europeo. Per i bilanci di metà stagione, sarà però necessario attendere le ultime due giornate del girone d’andata. Contro Roma e Bologna, appunto. Perché queste due gare potrebbero contribuire a cambiare il giudizio sulla prima parte di stagione. Due partite molto delicate, che il Toro dovrà giocare, ironia della sorte, contro due degli ex più chiacchierati degli ultimi anni.

ADESSO GLI EX – Si ripartirà infatti dalla Roma di quel Gianluca Petrachi che fino a pochi mesi fa è stato direttore sportivo dei granata. Un ruolo che ha svolto per per nove anni, fino al burrascoso fine rapporto che sta vedendo Petrachi indagato dalla procura federale. Non una gara qualsiasi, insomma. E subito dopo ci sarà il Bologna di Sinisa Mihajlovic. Un allenatore che in granata non è riuscito ad incidere, rimanendo ancorato alle posizioni di metà classifica. Ed il tecnico, nel gennaio del 2018, fu esonerato al termine del girone d’andata in nona posizione e con 25 punti. Quattro in più del Toro attuale, chiamato a giocare due gare di cruciale importanza contro due ex dal dente avvelenato. Al momento Mazzarri non rischia, ma in caso di clamorosi crolli la sua posizione potrebbe cambiare…

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. prawn - 8 mesi fa

    Viene da chiedersi cosa avrebbero fatto Petrachi e Miha con un presidente (e un budget migliore)

    Avessero preso anche solo Zaza al posto di Sadiq, avessero preso Izzo e N’Kolou al posto di Carlao e Ajeti, dove sarebbe quella squadra?

    Continuo a ripetermi che smetto di guardare il toro ma quelle due partite le voglio vedere, voglio vedere queste due squadre contro di noi

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy