Toro, questo è giocarsela: la squadra non si abbassa e ci prova a viso aperto

Toro, questo è giocarsela: la squadra non si abbassa e ci prova a viso aperto

Il dato / Il baricentro del Toro è allo stesso livello di quello bianconero: sintomo di un gruppo che non si è lasciato schiacciare

di Nikhil Jha, @nikhiljha13

Nessun timore reverenziale, nessuna paura di affrontare i più forti. Non sono state solo parole quelle giravano per il mondo Toro alla vigilia del derby della Mole, ma si sono tramutate sul campo in attenzione e tenacia, nella convinzione di potersela giocare a viso aperto contro la prima della classe in Italia e una delle prime in Europa: il risultato non ha pagato in termini di punti in classifica, ma paradossalmente il derby contro la Juventus ha lasciato più certezze che dubbi a Mihajlovic per proseguire il percorso di crescita che il tecnico ha citato a fine partita in sala stampa.

LE PAROLE DI MIHAJLOVIC

LE PAGELLE DEL MATCH

In primis, la consapevolezza di aver tenuto testa ad una grande squadra, sensazione suffragata dai dati raccolti a fine partita, come quello – emblematico – della posizione media del baricentro, indice accurato per conoscere l’atteggiamento complessivo di una squadra nei confronti della propria rivale: timore o audacia, controllo o sofferenza? Ecco, i numeri sono chiari: questo Toro se l’è giocata fino in fondo.

FC Torino v Juventus FC - Serie A

I granata, infatti, inseguono i bianconeri solo per una questione di centimetri: 50,36 metri il baricentro di Benassi e compagni, 50,47 quello dell’undici di Allegri. La sostanza non cambia: questo Toro non ha rinculato, ma anzi è rimasto sempre attivo e capace di tenere testa ai bianconeri. Certo, c’è stato qualche fisiologico calo nei momenti di maggiore pressione avversaria, ma anche gli uomini di Mihajlovic sono stati in grado di mettere alle corde la truppa di Buffon, che in più di un’occasione ha rischiato di cedere alle pressioni granata. Come testimoniato anche dal possesso palla (49-51 per i bianconeri), dunque, questo Toro se l’è giocata a viso aperto contro un avversario tostissimo, e da qui il tecnico serbo deve ripartire: quando questo gruppo ha la giusta mentalità, c’è bisogno dell’artiglieria pesante per sconfiggerlo.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Pazko - 4 anni fa

    E’ vero e può essere propedeutico per il futuro, cioé giocarsi le partite fino in fondo…… però, anche se i dati tecnici sono quelli riportati, vedendo la partita dagli spalti, si poteva ipotizzare un cambio di un centrocampista con un altro e magari di togliere un attaccante per rinforzare ancora il centrocampo, fare insomma un 4-4-2 . Miha é stato temerario e forse, se il secondo gol non fosse venuto mentre faceva i cambi, chissa’ ….. quello che non ho ancora capito é se lui sappia solo passare dal 4-3-3 al 4-2-4 e non pensi ad altre possibilità di gioco…. Vedremo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ratatouille - 4 anni fa

    user-13179986 Torna da dove sei venuto… e pensa a bazzicare su siti a te più consoni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13179986 - 4 anni fa

    contenti voi …….3 a 1

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy