Toro, sei Darmian-dipendente?

Verso Toro-Inter / Il calo fisico del terzino è coinciso con la debacle di risultati nell’ultimo mese

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

 

Quanto è importante la spinta sulla destra di Matteo Darmian per il Toro? Davvero tantissimo, a giudicare dalle ultime partite. Il terzino classe 1989 sta vivendo un calo fisico vistoso ma comprensibile, visti cinque mesi “sparati” ai mille all’ora da settembre a gennaio. Darmian avrebbe forse bisogno di rifiatare, ma il Toro può permettersi di fare a meno di lui?

FONDAMENTALE SE NON DECISIVO – L’esterno scuola Milan ha “arato” la fascia destra del Toro con ammirevole caparbietà ed efficacia per tutto il campionato: per lui 26 presenze su 26 partite, in cui è stato bravissimo sia in fase difensiva (le sue doti migliori, la reattività nell’uno contro uno e il senso della posizione) che in fase offensiva (molto spesso sono risultate decisive le due combinazioni sulla destra con Alessio Cerci: ricordiamo, solo per fare qualche esempio, gli assist per Immobile a Udine e Parma e il rigore procurato con l’Atalanta). Matteo è uno che ha una perfetta scelta di tempo negli inserimenti e una buona predisposizione al cross.

SI PUO’ FARNE A MENO? – Insomma, il lavoro sulla destra del terzino è stato decisivo per il Toro di Ventura, ed è risultato una delle chiavi del gioco dei granata. Dato che acquista ancora maggiore evidenza se pensiamo che le debacle casalinghe contro Bologna e Sampdoria sono coincise con due partite sottotono di Darmian. Che il suo lavoro incessante sulla destra sia diventato imprescindibile per il Toro? Possibile, ma è auspicabile che Ventura possa presto permettersi di fare rifiatare il suo terzino destro titolare, trovando altre soluzioni: la principale dovrebbe essere quella di scommettere sul nuovo arrivato Marko Vesovic, su cui in società hanno puntato forte.

Per adesso, è probabile che almeno per una partita ancora Darmian debba stringere i denti: a San Siro quasi certamente sarà impiegato in difesa da Ventura, visto che l’unico stopper a disposizione è Guillermo Rodriguez. Sicuramente Matteo ha dimostrato di poter giocare come difensore puro e anche stavolta darà il massimo per la causa granata.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy