Verona-Torino: l’ultimo precedente è un brutto ricordo per Mazzarri

Verona-Torino: l’ultimo precedente è un brutto ricordo per Mazzarri

L’ultima sconfitta spense le speranze europee del Toro di Mazzarri

di Marco De Rito, @marcoderito

Il Torino torna a giocare nella tana del Verona. Il club gialloblù è imbattuto nelle ultime due sfide casalinghe contro i granata in Serie A (1V, 1N), dopo una serie di cinque successi consecutivi dei piemontesi. Insomma, il campo dell’Hellas in tempi recenti è stato spesso terra di conquista per il Torino ma ultimamente il trend si è invertito.

I PRECEDENTI – Proprio l’ultimo Verona-Torino è un pessimo ricordo per il club granata. La sconfitta per 2-1 contro la squadra di Pecchia affossò nella sostanza le ultime speranze europee del Toro del neo arrivato Walter Mazzarri nella stagione 2017-18. Il Verona passò meritatamente in vantaggio al 12′ con Valoti. Il gol del vantaggio caricò l’Hellas e annichilì il Toro. Al 4′ della ripresa si accese la speranza del Torino con un gol di Niang ma ci pensò Valoti a riportare i gialloblù in vantaggio. Tornando indietro nel tempo, ci sono altri precedenti cari ai tifosi granata come quello del 2002, quando arrivò invece una vittoria che aprì le strade per l’Europa. I granata passarono al Bentegodi su un disastro difensivo gialloblù. Franco Ramallo fulminò il Verona con una marcature in contropiede. Al termine della stagione la formazione di Giancarlo Camolese centrò l’Europa attraverso l’Intertoto. Un altro precedente da ricordare è quello del 2011, con Giampiero Ventura in panchina il Torino vinse per 1-3.  Bianchi sbloccò il match, poi Sgrigna raddoppiò. Inutile il gol Abbate che accorciò solo le distanze, la partita fu chiusa da Ebagua al 62′ .

IL RESOCONTO – In 45 precedenti, lo score del Torino è il seguente 18 vittorie , 13 pareggi e 14 sconfitte. Positiva anche la differenza reti: sono 48 quelle messe a segno, 47 quelle subite. In generale, una sola volta nella storia dei confronti tra le due squadre gli scaligeri hanno battuto i granata in due partite consecutive in Serie A, a cavallo tra gli anni ’50 e ’60. Un bilancio complessivo positivo, quindi, che Walter Mazzarri proverà ad implementare anche per cancellare il brutto ricordo del 2018 quando, sempre con lui in panchina, i granata delusero le aspettative.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy