Il parere dei dottori e il realismo di Cairo: terminare la A ad oggi è utopia

Il commento / Il presidente granata si è schierato al fianco del professore e membro dell’Istituto Superiore di Sanità, che ha chiaramente detto che al momento non si può ripartire

di Roberto Ugliono, @UglionoRoberto

Il calcio in Italia cerca di ripartire, sulla base delle indicazioni delle federazioni internazionali. Ma c’è qualcosa che stronca sul nascere la credibilità dei tentativi di mantenere vivo il campionato di Serie A. E la fonte è molto autorevole. Gianni Rezza, direttore del dipartimento di Malattie Infettive dell’Istituto Superiore di Sanità e componente del comitato tecnico scientifico, rispondendo a una domanda sul possibile ritorno in campo per la Serie A ha chiaramente detto di essere sfavorevole, estendendo il suo pensiero a quello dell’organo consultivo delle scelte del Governo. A lui si è unito, poco dopo, anche Ranieri Guerra, direttore vicario Oms, che ai microfoni di Otto e Mezzo su La7 ha detto: “Ritorno in campo a maggio? Ci sono delle indicazioni che stiamo fornendo. Se i giocatori vengono sottoposti a test e valutazioni continue sulla suscettibilità alla malattia e vengono tenuti i distanziamenti necessari, che è difficile, è un’ipotesi. Ma è un’ipotesi che passa attraverso una serie di verifiche e mi sembra abbastanza difficile che vengano superate queste istanze”. Urbano Cairo ha colto la palla al balzo ribadendo la sua linea già espressa nelle scorse settimane, nel suo intervento ai  microfoni dell’ANSA.

FIGC, Gravina: “Controlli medici sui giocatori entro fine aprile. Poi via agli allenamenti”

REALISMO – Le parole di Cairo fanno capire quanto in questo momento non ci sia alcun interesse personale da parte sua. Come azienda il Torino, senza Serie A, avrà delle perdite economiche significative, così come la Gazzetta dello Sport che, come tutti i media sportivi, ha bisogno di qualcosa di cui parlare. Eppure il presidente granata – sempre molto attento al bilancio delle proprie imprese – sta mettendo l’aspetto finanziario in secondo piano. La motivazione è semplice. Al momento è irrealistico pensare di giocare. Il calcio è uno sport di contatto e l’unico modo per evitare il contagio tra i giocatori sarebbe quello di chiuderli in una campana di vetro per più di due mesi (dall’inizio degli allenamenti alla fine del campionato), isolandoli dal mondo. Probabilmente non è facendo tamponi a tappeto che si risolverebbe il problema, come ha sottolineato Rezza.

BUON SENSO – Cairo, per fortuna, non è una voce fuori dal coro. Anche se ci sono presidenti di Serie A che, pensando principalmente al proprio orticello, stanno chiedendo a gran voce di ripartire. L’intenzione della FIGC è questa, ma, come ha sottolineato Gravina, soltanto attenendosi alle direttive del comitato tecnico-scientifico. Tutti vorrebbero che si tornasse il prima possibile alla normalità ma serve buonsenso. Per quello che è lo scenario di oggi ripartire vorrebbe dire mettere a rischio la salute dei giocatori, dello staff delle società e, di conseguenza, delle famiglie di tutti loro. L’auspicio è che tra qualche settimana la situazione vada migliorando. L’ultima parola, comunque, spetterà al Governo.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 6 mesi fa

    Parlare di mascherine e di distanziamento sociale nel calcio è folle. Quindi lo sport più amato dagli italiani sarà, verosimilmente, tra gli ultimi a riaprire i battenti. Annullare il campionato penso non si possa fare, terminarlo la prossima stagione sì. Magari giocando l’Europeo tutto nel mese di luglio 2021, per non comprimere troppo i campionati nazionali il prossimo anno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Mimmo75 - 6 mesi fa

    È di qualche settimana fa il video di Cairo gongolante e carico a molla per l’aumento del fatturato grazie al covid19… Evitate di scrivere che mette in secondo piano l’aspetto finanziario, per cortesia. A campionato fermo quanto risparmia di ingaggio ai giocatori e di costi legati a trasferte e gestione delle gare in casa? Spese che aumenterebbero senza però poter contare sugli incassi del botteghino e del merchandising per essere in qualche modo bilanciate. Senza considerare l’aggiunta dei costi legati al rispetto delle misure di prevenzione del contaggio, in caso di riapertura. Siate seri, Redazione, fate giornalismo vero e diteci quanto sta perdendo la Gazzetta dello Sport in termini di incassi, quanto sta risparmiando Cairo tra ingaggi e azzeramento dei costi legati alle partite nonché quanto è cresciuto il fatturato del suo gruppo (parole sue) grazie al covid. Pubblicate i numeri e se avrete ragione voi vi chiederò scusa. Ma se o numeri non li conoscete evitate di pubblicare roba del genere per veicolare il messaggio di un presidente disinteressato all’aspetto finanziario.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy