Viva V. e. r. d. i.!

Viva V. e. r. d. i.!

Il Granata Della Porta Accanto / Si cerca di eliminare il dissenso e la critica dagli stadi. Ci toccherà fare come in epoca risorgimentale: coniare acronimi per sfuggire alla censura ed alla repressione

di Alessandro Costantino

Un altro passo verso una società di matrice orwelliana è stato fatto: ci sono eventi che segnano un punto di non ritorno nella vita civile di una comunità e quello che è andato in scena questa settimana a Torino, culminato con la quasi surreale conferenza stampa di Questore e ufficiali della Digos, è uno di questi. Un paese moderno e democratico non può accettare quello che un suo funzionario ha raccontato candidamente di fronte a decine di giornalisti e con un eco di stampa a livello nazionale. In un Paese civile, in cui le istituzioni sono il riflesso di un patto di convivenza pacifica tra cittadini, nessuno può permettersi di fare un “esperimento” sociologico senza avvisare chi ne viene coinvolto (e le possibilità c’erano perché i tagliandi che si acquistano per entrare allo stadio sono nominali e pertanto tutte le persone che vi accedono devono dare le proprie generalità e possono essere contattate una ad una) e, ancora più grave, senza curarsi di correre il rischio di mettere a repentaglio la sicurezza e l’incolumità delle ignare cavie. Ciò che è accaduto a più riprese in curva Primavera (prima di  Toro-Inter, infatti, c’erano già state avvisaglie in Toro-Napoli e al derby) è gravissimo, perché generato da chi quella situazione era preposto a prevenirla. Cosa penseremmo di una guardia penitenziaria che lascia aperte appositamente delle celle per fare un esperimento senza controllo sul livello di socialità dei detenuti? O di un allevatore che lasciasse aperte le reti di un pollaio per verificare il grado di aggressività delle volpi del bosco circostante? 

Se sbiadisce il granata…

Ma la cosa più sconcertante non è la motivazione ideologica di ciò che è accaduto. Eliminare la violenza fisica e stemperare quella verbale all’interno degli stadi è un obiettivo condivisibile ed estremamente corretto. È però un obiettivo da raggiungere con pazienza e perseveranza, conducendo, principalmente, una lunga battaglia culturale con risultati apprezzabili solo a partire dalla generazione successiva. A me pare invece che dietro al tanto decantato nobile ideale si celino atti che di nobile ed ideale non hanno proprio nulla. 75 tifosi granata sono stati daspati per la rissa con l’Inter (ed è curioso come dalle immagini risulti lampante che i supporter nerazzurri rei della carica in curva Primavera fossero abbondantemente più dei soli 8 daspati sul fronte interista…) e anche per altri atti quali quello di aver impedito alla gente di sedersi nel posto indicato sul biglietto. Da quando è stato abbandonato il Delle Alpi e il Toro è tornato al Comunale, non credo di aver mai, e sottolineo mai, saputo quale fosse il posto indicato sul mio abbonamento in curva Maratona. E come me il 100% di coloro che acquistano un abbonamento o un biglietto in una qualsiasi curva italiana. Chi va in curva lo sa: si arriva e ci si accomoda nella zona in cui di solito si guarda la partita (il tifoso da curva è un habitué e sebbene non abbia il suo posto numerato riesce quasi sempre a stare nello stesso metro quadro in cui è solito piazzarsi) e lo si fa restando in piedi. È un modo di vivere la partita che non dovrebbe essere “vietato” perché segue una consuetudine che si perde nella notte dei tempi e che rende unico il fatto di vivere la gara in curva. Ci sono addirittura alcune curve (e una credo sia proprio quella del Dortmund, il leggendario Muro Giallo) dove seguire la partita in piedi senza seggiolini o posti a sedere obbligatori è legale e accettato. Perché alla fine il calcio è vitalità, è adrenalina, è partecipazione. Una partita di calcio non sarà mai come uno spettacolo a teatro. O meglio deve esserlo nei presupposti di incolumità e serena fruibilità per chi vi assiste, ma non gli può essere equiparato per la natura stessa di ciò a cui ci si approccia. Un club di calcio, una tifoseria, una partita, sono “enti” talmente complessi e sfaccettati e con radici storico-sociali talmente profonde che ridurre il tutto alla parola spettacolo non gli rende giustizia. Rendere automi da applauso, quasi lobotomizzare chi va a vedere una partita di pallone è un abominio che si sta compiendo in nome e per conto del dio denaro! 

La Chapecoense, Cairo, Mazzarri e il bisogno di favole nel calcio

Quando ero piccino mi ricordo che giocarono alcune finali di Coppa Intercontinentale in Giappone e io mi chiedevo come potessero questi “deficienti” (e lo pensavo nel senso letterale del termine perché deficitavano di cosa volesse dire essere il pubblico sugli spalti di una partita di calcio) passare tutti i novanta minuti a suonare ininterrottamente le trombette. Era evidentemente la loro maniera di vivere l’evento, una maniera figlia delle proprie abitudini culturali nell’approccio ad una partita di calcio, sport al quale erano di sicuro meno avvezzi di noi europei. Da noi lo stadio è stato tristemente per anni teatro di scontri politici, di violenze inaudite e di pessima gestione degli eventi di massa. Sono d’accordo nel modernizzare le strutture (e l’Atalanta fa scuola regalando ai suoi tifosi più “caldi” una curva da sogno, quella del nuovo ristrutturato stadio Atleti Azzurri d’Italia, dove peraltro non credo che qualcuno sieda nel posto indicato dal biglietto…) e nel fare una campagna di sensibilizzazione perché la violenza resti fuori dagli spalti, ma non si può toccare quel patrimonio culturale che sono le tifoserie delle squadre di calcio. Se il calcio genera milioni e milioni di euro è per la passione di milioni e milioni di tifosi. Nessuno metterebbe passione in uno spettacolo finto. E nessuno si appassionerebbe ad uno sport se non ci fosse un minimo di immedesimazione tra chi va in campo e chi tifa sulle tribune. Ancora più subdolo, poi, provare sempre in nome della “normalizzazione” degli eventi sportivi a eliminare pretestuosamente il dissenso ed il diritto di critica all’interno degli stadi. Sono sanzionati i cori, sono vietati gli striscioni con contenuti non approvati dalle autorità, bisogna essere schedati per assistere ad un incontro: pare il resoconto di una normale giornata in Nord Corea più che il regolamento d’uso di uno stadio italiano. Andrà a finire che faremo come in epoca risorgimentale dove per esprimere dissenso contro il regime austro-ungarico, senza incorrere in sanzioni molto più pesanti di un daspo, lombardi e veneti inneggiavano a Giuseppe Verdi sfruttando il cognome dell’allora popolarissimo compositore italiano come acronimo di Vittorio Emanuele Re D’Italia. Un Verdi noi ce l’abbiamo (ed è pure bene incitarlo nella speranza che prima o poi faccia la differenza in campo). Sugli acronimi invece si può lavorare. La fantasia a noi tifosi granata, in effetti, non è mai mancata… 

Toro, una stagione nata storta che non deve finire male

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-14003131 - 3 mesi fa

    Complimenti per l’articolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. uiltucs.pesar_12159015 - 3 mesi fa

    Bell’articolo, complimenti! E mi trova assolutamente d’accordo! Ho ancora i brividi a ripensare alle parole dette dal questore (che ha tirato in ballo anche la società). “Esperimento sociale”… roba da pazzi! In un Paese civile, il Signore in questione sarebbe stato rimosso dall’incarico e il presidente del Torino chiamato a rispondere di quanto accaduto! Altro che esperimento sociale…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mimmo75 - 4 mesi fa

    “Ancora più subdolo, poi, provare sempre in nome della “normalizzazione” degli eventi sportivi a eliminare pretestuosamente il dissenso ed il diritto di critica all’interno degli stadi. Sono sanzionati i cori, sono vietati gli striscioni con contenuti non approvati dalle autorità”.
    Generalizzi troppo, Costantino. Certo che vanno sanzionati cori e striscioni, non tutti però. Vanno sanzionati quelli pesantemente offensivi. Ed è quel che accade perchè di striscioni e di cori “normali” se ne vedono e se ne sentono a iosa durante una partita di calcio.
    Qui il problema è che molta gente (non parlo solo del Toro ma di tutto il calcio italiano) si organizza in gruppi dai nomi belligeranti e va allo stadio per menar le mani, offendere con cori razzisti e striscioni di cattivo gusto (ne sappiamo qualcosa), forte di una normativa inadeguata e di sanzioni ridicole, altrimenti non ci sarebbe bisogno di esperimenti e qualsiasi altra cosa venga in mente per debellare il fenomeno. Se si arriva a vietare un coro o uno striscione non è certo per motivi futili. Non ci siamo noi stessi indignati per quelli apparsi in spregio ai caduti di Superga? Non ci siamo “incazzati” proprio perchè non furono preventivamente individuati e vietati? Ha ragione Costantino a dire che bisogna agire in profondità e sulle generazioni future, avendo la pazienza di aspettare di raccogliere i frutti nel medio/lungo termine, ma nel frattempo che si fa? Si sta a guardare e si aspetta che accada l’ennesima tragedia sugli spalti? I violenti vanno allontanati per sempre dagli stadi, senza se e senza ma, gli striscioni e i cori offensivi vanno vietati e sanzionati. Non è repressione di un diritto ma tutela dei diritti altrui. Di chi è di colore e viene bersagliato, di chi è tragicamente morto e ne viene oltraggiato il ricordo. In Inghilterra ce l’hanno fatta, ora hanno il campionato più bello e ricco del mondo e gli stadi più a misura di tifoso che si possano immaginare. Non guardiamoli con invidia solo per i campioni che hanno e lo spettacolo che offrono, in campo e sugli spalti, ma soprattutto per la cultura che sono riusciti a dare ai tifosi. Mentre sbattevano in galera i violenti educavano le nuove generazioni che oltre a ricevere sani principi di sportività potevano vedere che fine facevano gli hooligans. E noi invece stiamo ancora qui a fare esperimenti gestiti alla carlona mentre i tifosi si indignano se non vengono controllati gli striscioni altrui ma guai a toccargli i loro. Così non si va da nessuna parte e, secondo me, articoli così generalisti non aiutano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paul67 - 3 mesi fa

      É molto più complicato di come pensi. In Inghilterra ci sono riusciti, certo ma è un paese con una cultura totalmente diversa dalla nostra. Il problema principale è fuori dagli stadi, in uno stadio ci stai solo 2/3 ore, I violenti esistono anche in Inghilterra, la differenza con l’ Italia è che quando dicidono di affrontare un problema lo fanno seriamente, da noi questo nn è possibile qui regna il caos totale a tutti i livelli. Nn siamo inglesi, siamo italiani.
      Quello che è accaduto, la conferenza stampa e i 75 daspo, é un segnale di dove il paese sta andando, e nn è un bel segnale, quei 75 daspo hanno poco a che fare con un paese democratico.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. FORZA TORO - 3 mesi fa

      sono d’accordo Mimmo

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy