Le prospettive di un Toro così

Le prospettive di un Toro così

Editoriale / La squadra di Mazzarri ha davanti a sè una strada ancora lunga per ritrovare credibilità

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

La panchina di Mazzarri resiste, la squadra assapora una boccata d’ossigeno, la difesa torna a non prendere gol, la lotta salvezza non dovrebbe essere affare del Toro. La banda di Mazzarri non convince ma vince e questo porta sicuramente dei risvolti positivi. Le mosse del tecnico, iniziali e a gara in corso, hanno lasciato perplessi ma alla fine si sono rivelate sensate. Con la squadra in crisi di fiducia e senza l’attaccante principale, Mazzarri ha scelto di giocare con undici corridori in modo da puntare sul pressing a tutto campo, plasmando un Toro operaio che puntasse a vincere tramite episodi favorevoli. Gli è andata bene.

C’è però da chiedersi quante partite possano essere vinte in questo modo. Ben poche, è chiaro: non sempre ci sarà di fronte un Genoa dimesso come quello visto a Marassi stavolta, non sempre ci saranno i pali a salvare la baracca. Pare fuori discussione che i tre punti siano stati un premio esagerato per la squadra di Mazzarri. Per rientrare in corsa per la lotta Europa serve un filotto importante di risultati, ma al momento non paiono esserci i presupposti: la squadra fa troppa fatica a tirare in porta, e non da ieri. La stagione è ancora lunga e il calcio è strano; magari tra qualche settimana ci guarderemo indietro e diremo che la “sfangata” di Marassi è stato il primo tassello della risalita granata. Al momento, però, è arduo pensarlo: come la vittoria di Brescia, anche quella di Genova non basta, da sola, a ridare credibilità al Torino attuale. E ad oggi le prospettive paiono quelle di un campionato che può concludersi con una tranquilla salvezza, ma nulla più. Sarebbe un bel passo indietro.

83 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. dattero - 1 settimana fa

    paragonare tavernello a Mondonico è da anatema.
    vero che i 5 mai assieme giocavano,si metteva venturin spesso.
    peccato che i terzni attaccassero in massa,i contropiedi eran letali e segnavamo parecchio,pure con i c.campisti.
    pulitevi bocca con sapone

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Dario61 - 1 settimana fa

    Certo che trovare la scusa della preparazione a me fa ridere…sono professionisti fanno solo quello diciamo più che altro che presentarsi a Genova con un 5/5/0 fa capire che razza di Maestro di tattica e schemi di gioco abbiamo..ma se giocassimo in Europa come le altre quale altra scusa troviamo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. bruno.maglion_13773864 - 1 settimana fa

    Possibile che nell’era del calcio professionistico basti così poco per compromettere la preparazione? Se è così, allora è colpa della società, che non ha saputo programmare per tempo la partecipazione ai preliminari di EL. L’anno scorso, quando non c’erano stati questi problemi, il gioco era a dir poco asfittico lo stesso, senza schemi, con il povero Belotti costretto a mendicare palloni giocabili a centrocampo. L’unica differenza era nella solidità della difesa, per cui i pochi gol erano sufficienti a pareggiare la maggior parte delle partite e a vincerne qualcuna. Poi, è certo meglio vincere anche solo con un tiro in porta piuttosto che pareggiare o perdere. Ma il bel calcio è decisamente un’altra cosa. Ed anche la soddisfazione e le ambizioni dei tifosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. lucapecc_908 - 1 settimana fa

    Io dico solo che abbiamo iniziato la prearazione improvvisamente il 5 luglio con tutto il caos possibile per chi era in Copa America, Coppa d’Africa, Europei Under 21 e balle varie.
    Tutti sapevamo che avremmo avuto un calo a causa dell’affrettata preparazione iniziale, calo fra l’altro amplificato dalle continue soste di merda per le nazionali e dai turni infrasettimanali.
    Il calo è diventato ancora più evidente perchè è subentrato il contraccolpo psicologico per l’eliminazione da parte del Wolverhampton che, ribadisco, avrebbe eliminato qualunque altra ha disputato i preliminari di EL.
    La squadra è in piena lotta salvezza come tutte quelle da 18 punti in giù, si sta riprendendo fisicamente come dimostrato dall’ottimo pressing nel primo tempo, deve fare punti e ritrovare morale.
    Tutto questo è avvenuto e abbiamo sette punti di vantaggio sulla zona B rappresentata proprio dal Genoa.
    Se giocando così vinciamo anche domenica prossima con la Fiorentina firmo col sangue.
    E confermo la firma se facendo un solo tiro in porta vinciamo anche a Verona e in casa con la Spal…
    Poi buon Natale a tutti e le bombe carta potete mangiarle al posto del panettone.
    Punto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granat....iere di Sardegna - 1 settimana fa

      L unica cosa condivisibile sono l auspicio culinario per le bombe carta e le speranze per i prossimi risultati. Per il resto si tratta di scuse trite e ritrite perché della preparazione il 5 luglio si sapeva e infatti ai giocatori era stata data apposita tabella alimentare e atletica, tutte le squadre avevano giocatori impegnati nelle nazionali e tutte le squadre hanno giocatori che mancano nelle pause per le nazionali. Il Toro con Mazzarri ha quasi mai giocato bene però almeno faceva punti. Speriamo almeno riprenda a fare quello, siamo a 8 dall Europa e a 7 dalla retrocessione e ci meritiamo ampiamente questa posizione. Direi un po poco per un mister che prende 2,5 milioni all anno e spaccia ogni piccolo accorgimento tattico come genialata unica nel suo genere…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bischero - 1 settimana fa

        Granatiere quindi non hanno rispettato la dieta? Ma dai. Siamo seri. Non c’è dieta o preparazione che tenga se fai un preliminare da luglio con mezza squadra fuori e l altra mezza con 4 o 5 primavera. Quelli che erano con le nazionali praticamente non si sono fermati in estate. Perché dobbiamo far finta che non comprometta una stagione partire a giocare presto così?a che scopo?lo ha visto anche un cieco che finché corriamo siamo decenti e quando smettiamo siamo inguardabili. Non é questione di scuse. È questione di realtà dei fatti. Molti parlano di Lecce e Verona. Ma li vedete quanto corrono?!! Mister tecnica contano. Ma se non corri non fai un belino.il nostro giocatore che macina più km é izzo Quando dovrebbero essere i mediani e i terzini come il modulo richiede. Già questo fa capire che finché non correremmo bene per 90 minuti tutti parlare di schemi movimenti o Quant altro reputate é inutile.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Jalo - 1 settimana fa

      Standing ovation. Non posso essere più d’accordo su tutto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. eurotoro - 1 settimana fa

        ..mi accodo e aggiungo che con 1 mediano in meno e 1 ala in piu si può fare lo stesso pressing e una fase offensiva piu sostanziosa…attendo una virata decisa sul 343 vero!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Bischero - 1 settimana fa

          Anche con 6 punte puoi farlo. Peró le 6 punte devono garantire quei ripiegamento e le stesse coperture di chi dovrebbe fare della corsa una sua peculiarità.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. TOROPERDUTO - 1 settimana fa

      Niente continuiamo nell’errore già fatto lo scorso anno, ma la smettete di guardare la classifica è I punti e volete vedere il nostro impianto di gioco anzi di non gioco e capire la fragilità totale di questa squadra.
      Poi altra cosa, mazzarri potrà anche essersi rincoglionito, ma vi rendete conto che vi siete scagliati contro ventura, poi contro miajilovic, adesso contro di lui, e contro il responsabile del nulla in 15 anni invece pretendete che non si debba dire niente?
      Infine un’ultima cosa ho letto che gasperini non sarebbe venuto a Torino per colpa dei tifosi, altra stronzata colossale non vera, e in ogni caso di nuovo dimostrate di non capire dove sta il problema perché anche fosse venuto a Torino avrebbe fallito anche lui, per cui basta con ste cose trite e ritrite

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. suoladicane - 1 settimana fa

      ma basta con sta cagata della preparazione e delle nazionali, siamo sulle gambe dalla partita con il sassuolo, possibile che sbagli la preparazione ed in tre mesi non riesci a recuperare? certo se sei un dilettante………in più se sei il saputello che sai tutto tu perchè un anno hai allenato Amsik, e capisci dopo 11 giornate che per come siamo messi bisogna difendere a 4……. a certo però giochi berenguer falso nove, ma vai a cagare……..
      MAZZARRI VATTENE

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Bucci-ole-ole - 1 settimana fa

    E volendo essere un filo piu’ lungimiranti vuol dire perdere sicuramente qualcuno, forse molti, speriamo non tutti I giocatori migliori a cui una squadretta cosi’ sta stretta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. suoladicane - 1 settimana fa

    la prospettiva realista è la salvezza senza patemi, max 10^ posto, poi con questo tecnico che si inventa sti moduli veramente alla cazzo di cane continueremo a vedere partite assurde dove subiamo e poi si segna al primo tiro nello specchio, ti va bene con il genoa, con la Lazio per dire ne prendi 4, ma mica sono marziani…….
    MAZZARRI VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Ardi - 2 settimane fa

    Nessuna fiducia in mazzarri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. El Flaco 1971 - 2 settimane fa

    Hai ragione leggendagranata ma dubito che con questo materiale si possa fare meglio.
    La colpa è pure dei giocatori. Izzo sembra il fratello scarso, Iago è sparito dai radar, Verdi è un onesto giocatore e nulla più, Zaza..lasciamo stare. E lasciamo stare anche Nkoulou.
    Rimprovero Mazzarri di non aver tenuto Ljiaic e di non aver voluto un centrocampista dai piedi buoni (anche solo Locatelli o Schoene). Pensate Ljiaic libero di muoversi per il campo in un 3511 o anche 4411…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bischero - 2 settimane fa

      Ljaijc lo dovevano incatenare al fila. Ma non avete ancora capito che se ne voleva andare per guadagnare il doppio?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. maxx72 - 2 settimane fa

        Guarda Bischero, non lo si vuole capire, in nessun modo!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Immer - 1 settimana fa

        Allora gli davi il doppio e risparmiavi pure senza acquisto di verdi sogliano vendita di jago

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. suoladicane - 1 settimana fa

      il materiale che abbiamo non è forte, non è scarso, è MALE ALLENTATO da tutti i punti di vista, in più testadighisa è l’allenatore meno duttile e più oltranzista del campionato e si vede dalle scelte che fa, Berenguer falso nove è il massimo e dice che è pure soddisfatto ahahahaha, ma andasse a cagare…….
      MAZZARRI VATTENE

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. leggendagranata - 2 settimane fa

    Certi commenti di tifosi del Toro dimostrano che si è perso il senso della realtà e della prospettiva. Si vuole sostenere che l’ obiettivo di questa stagione era la salvezza? Perchè solo così si possono giustificare le sette sconfitte e la prestazione incolore e rinunciataria di ieri, senza una manovra costruttiva, senza un giocatore nel ruolo di punta, con il primo tiro nello specchio della porta avversaria al 77′ sul gol di Bremer, che nasce per altro da palla inattiva. E ancora: con i patimenti dei primi 20′ del primo tempo quando il Genoa ha avuto tre grosse palle gol. E quanti errori nei passaggi a centrocampo (Zaccarelli, che commentava l’ incontro, ha parlato di “mancanza di misura anche nei passaggi più semplici”). Se non facciamo i tifosi con i paraocchi, dobbiamo preoccuparci e insistere perchè Mazzarri cambi registro: prende uno stipendio da top allenatore e non può limitarsi a raccattare un po’ di punti in qualsiasi modo per tenersi fuori dalla zona retrocessione. Faccio una critica costruttiva, invito l’ allenatore a cambiare atteggiamento e modulo e la società a vedere se a gennaio riesce a trovare un buon centrocampista, che è quello che ci manca di più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. leggendagranata - 2 settimane fa

      Ovviamente volevo dire “primi 20′ del secondo tempo”.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. FORZA TORO - 2 settimane fa

      un conto sono gli obiettivi che ci si pone,un altro è riuscire a conquistarli,non sempre le cose nel calcio e non solo, vanno come sperato

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. El Flaco 1971 - 2 settimane fa

    Il fatto è che salvo rari casi, abbiamo quasi sempre mangiato pane e cipolle ed ora sembra che ci nutrissimo di caviale e champagne. Si tratta solo di essere realisti….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Ciccio Graziani - 2 settimane fa

    E se Ansaldi avesse segnato in quella clamorosa occasione nel primo tempo?? Non conta, si vedono solo i pali del Genoa, certo tifiamo per gli altri…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. El Flaco 1971 - 2 settimane fa

    Andare a rivedere gli highlights di Genoa Torino 0-1 dello scorso 20 aprile. 5 palle gol pulite per loro, grande Sirigu, gol divorato alla fine da Parigini, insomma il gioco di Mazzarri è così e non lo si scopre ora

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gianni bui - 2 settimane fa

      Quindi è ora di cambiate con tutto il bene che possa avere per Walter…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. dennislaw - 2 settimane fa

    a Brescia il primo rigore non c’era e per di più è costato il giallo al giocatore del Brescia che poco dopo ne ha preso un altro e per somma di ammonizioni è stato espulso: quindi doppio danno. Quindi lasciamo perdere. Non dico che con Mazzarri andiamo in B. Ma con il Genoa ha giocato come si fa in uno scontro dietro per la salvezza. E abbiamo vinto di poco. Quindi addio sogni di gloria. Chi si accontenta di questo gioisca ma non conti storie…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 2 settimane fa

      credo che il giallo sia stato sul secondo rigore,sul fatto che abbiamo giocato come si fa per la salvezza sono d’accordo ed è giusto che sia così,pechè almeno per ora quello è l’obiettivo,se ti trovi impantanato in quelle zone viene difficilissimo tirarsi fuori,lo abbbiamo visto nell’89,nonostante avessimo una rosa non certo da retrocessione,in b ci siamo andati filati

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. El Flaco 1971 - 2 settimane fa

    Sono in parte d’accordo con Mimmo.
    Mazzarri non è molto diverso da Mondonico che diceva che lo 0-0 era il risultato perfetto.
    Ricordate le 5 stelle Scifo Lentini bresciani Martin Vasquez Casagrande? Intanto Mondonico li aveva ma a parte Lentini gli altri si sedevano in panchina a turno. Ricordo un Napoli Torino in cui quasi per sfida li schierò tutti insieme giocando praticando un 5-0-5 e vincemmo immeritatamente con un gol di Fusi!
    Cosa diceva fare ieri Mazzarri? Senza il Gallo è andato in battaglia con i suoi fedelissimi. Ma chi doveva schierare? Zaza che ha segnato solo ai dilettanti ed ha un comportamento che fa solo incazzare? Millico? Ma dai….
    Ansaldi è uscito perché ha dato tutto ed i suoi muscoli di cristallo sono sempre a rischio, baselli poteva farci restare in dieci.
    Siamo stati fortunati, le prossime tre diranno come sarà il nostro campionato.
    Guardate la Fiorentina e Ribéry….e vedrete il Cagliari come calerà….
    L’unica cosa che imputo a Mazzarri è non aver trattenuto Ljiaic.
    Forza Toro!!! Sempre. E forza quelli che lo guidano!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. leggendagranata - 2 settimane fa

      Forse la memoria ti ha giocato brutti scherzi, altrimenti non diresti certe inesattezze: Bresciani non era una delle “stelle”. Scifo Lentini, Casagrande non facevano quasi mai panchina. Mondonico (che ho conosciuto e col quale ho anche colloquiato di calcio) non era un cultore del calcio offesinvo, ma giocava con due punte e mai senza, come ha fatto ieri Mazzarri contro una squadra fortemente indiziata di finire in Serie B. La Fiorentina ieri non aveva Chiesa e Ribery è uscito per infortunio dopo il primo tempo. Sul Cagliari non sarei così ottimista (o pessimista a seconda della parte da cui uno lo osserva), Nandez, Rog e Nainggolan sono tre pilastri del centrocampo. Non so perchè non potevamo prenderli noi ed è lì che casca l’ asino: la società (allenatore compreso) fa cmapagne aqwuisti cervellotiche. Su Zaza non sarei così categorico, non è un genio, ma con Belotti ha fatto vedere cose discrete, meglio sdicvuramentyre di Verdi (anche se Mazzarri schiera quest’ utlimo in modo demenziale).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. maxx72 - 2 settimane fa

        Mi spiace contraddirti ma Bresciani era una delle 5 stelle, scusa ma era per la precisione.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Maroso - 2 settimane fa

    Caro Sartori, spero di vederti mercoledì alle 20,30 per poterti rispondere in diretta. Per il momento ti chiedo: che partta hai visto a Brescia? Ti risulta che abbiamo vinto 4 – 0? Con due rigori, certo, ma c’erano. Dunque non parliamo di vittoria fortunosa.
    Quella di ieri fortunosa? Per i due pali? I pali sono tiri sbagliati, diceva Zaman, di poco, ma sbagliati. Noi ne abbiamo presi 3 ad Amsterdam, ma non abbiamo vinto nulla. E poi le partite sono quelle che sono, non quelle che avrebbero potuto essere. Infatti se Ansaldi avesse segnato una delle due occasioni …. potevamo vincere 4 a 0! Può essere no? E allora lasciamo stare i pali. Guardiamo la realtà: Vieri (finalmente) ha fatto un bel tiro in porta e poteva essere 2 -0. Vero no?
    Con Brescia Inter e Genoa si è visto un Toro sempre più in salute. Con l’Inter c’era troppo divario, ma il toro non ha sfigurato. Brescia e Genoa partite buone.
    Quale prospettiva? Dipende. Se li lasciamo giocare tranquilli, ci sarà da divertirsi, spero. Se no …. bombe carta!
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 2 settimane fa

      sono d’accordo,la storia dei due pali colpiti dal genoa è stucchevole,non mi stupisco che la usino certi utenti del sito per sminuire la vittoria,ma mi aspetterei maggiore obiettività nel giudicare la da chi scrive gli articoli

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Alex70 - 2 settimane fa

    abbiamo vinto ma siamo mediocri
    abbiamo pressato bene primo tempo ma non capisco come Mazzarri non sappia mettere in campo bene i nostri giocatori che ripeto abbiamo 3 top (Belotti, Sirigu, Ansaldi) e alcuni buoni e diversi mediocri
    dobbiamo partire con un nuovo allenatore ma soprattutto con una nuova società
    again
    #CAIRO GAME OVER
    #MAZZARRI GAME OVER
    #TORO RIALZATI

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Gud_74 - 2 settimane fa

    Abbiamo corso e pressato bene per 50 minuti, nei quali non abbiamo mai tirato in portaa perchè troppo impegnati a non prenderle, poi siamo fisicamente calati ed il buon Genoa ha avuto 3 clamorose occasioni.

    La sorte è stata dalla nostra ieri, spero che questo risultato aiuti un pò i ragazzi, ne abbiamo davvero bisogno.

    Alla fine dello scorso campionato non avrei mai creduto di poter arrivare a questo punto,non so che dire, non mi sono ancora fatto un idea precisa di cosa sia successo, ma siamo troppo brutti per essere veri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Héctor Belascoarán - 2 settimane fa

      Pensa che alla fine dello scorso campionato non potevo credere che eravamo ad una manciata di punti dal “calcio che conta” avendo giocato almeno 3/4 delle gare in maniera orrida, tutto sommato non distante dalla prestazione di ieri.
      Se è vero che se giochi bene prima o poi i risultati arrivano, a maggior ragione, doveva essere vero l’assunto inverso: se giochi male prima o poi i risultati saranno pessimi!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Toro75 - 2 settimane fa

    Questa mattina mi sveglio con la consapevolezza che siamo la solita squadra mediocre e la desolazione di un futuro che non abbiamo
    E con l unica serenita dei 3 punti presi a genova per farmi passare una domenica “tranquilla”lontana dalla zona retrocessione
    Riassumo cosi il tutto
    Un saluto a tutti i cuori granata

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. alexku65 - 2 settimane fa

    Le prospettive non possono che essere conformi alla mediocrità della società e della squadra nonché del personaggio seduto in panchina . C’è molto gioco a far credere alla gente cose diverse. Più entusiasmo ingenera ritorni maggiori ma che anche delusioni più profonde quando costantemente disattese. È quest’ultima la fossa che si sta scavando Cairo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. dennislaw - 2 settimane fa

    parto dal titolo: le prospettive di un Toro così sono la salvezza e basta. La società è d’altronde attrezzata solo per questo: dall’allenatore, alla dirigenza. L’allenatore , a differenza del povero Ventura ( che non rimpiango per le ultime stagioni) sta anche svalutando il patrimonio giocatori e di conseguenza il valore della società e su questo il presidente dovrebbe meditare: giocatori come Zaza , Nkoulou , Iago , giovani come Millico e altri, lo stesso Verdi , la svendita di Ljajic ecc ecc. Mimmo 75 è un ottimista a prescindere, un pò patetico , ma anche i numeri gli danno torto. Non parliamo del gioco: quante volte ci andrà bene come a Brescia e a Genova? Squadre come Verona, Lecce , per non parlare di Atalanta e Cagliari, sembrano non essere più alla nostra portata. Il 5 5 0 è una tattica? Anche il solo Belotti davanti , l’abbiamo visto, fa molta fatica. Mazzarri ormai naviga a vista e forse ha anche mezza squadra contro. Cairo ne prenda atto e la smetta di strapagare allenatori di facciata ma non di sostanza. Guardi al passato: serve un Giagnoni che fu la vera svolta del Torino di Panelli, cioè un allenatore emergente che abbia dato prova recente di buoni risultati e dirigenti all’altezza. Non credo che Cairo voglia continuare a buttare soldi…mediti presidente, mediti…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. alexku65 - 2 settimane fa

      Bel commento

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Andrea63 - 2 settimane fa

    Le prospettive di un Toro cosi!? Non ci sono come non ci sono state negli anni passati con questo presiniente, in 15anni l’unico obbiettivo che si è dato e stato solo a livello personale niente di più, in più negli ultimi due anni dopo un girone di ritorno dell’anno scorso dove in diverse partite la fortuna ci ha baciato si è peccato di presunzione pensando che la squadra andasse bene cosi quindi niente puntellamenti a centrocampo la zona che ad oggi nel Toro attuale è più scarsa negli elementi. Senza un Ds che penso sia un unicum in europa e un mister che non esiterei a dire che ormai al calcio di oggi non deve dare più nulla, lo scempio di ieri sera è davanti agli occhi di tutti, oltremodo nelle sue farneticanti interviste post partita se lo senti ti fa montare ancora di più la rabbia!!!! Fuori dalle scatole sia lui che il suo mentore mentitore!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fedeltoro49 - 2 settimane fa

      A proposito,ma Bava che fine ha fatto? Non sarà,per caso,in giro in Uganda o in Libia od ancora in Afghanistan in cerca di geni del pallone a spicchi?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Pesce - 2 settimane fa

    Vorrei lanciare una riflessione costruttiva.
    Premesso che non sopporto Mazzarri e lo caccerei domani, anzi ieri, anzi proprio no lo avrei preso.
    Premesso che sul mercato allenatori non c’è molto di buono in giro soprattutto tenendo conto che chi quest’anno ha gia allenato una squadra non può allenarne un’altra (cioè ad esempio gli esonerati Giampaolo, Di Francesco….).
    Premesso che salvo terremoti dovremmo riuscire a salvarci senza troppi patemi (non parlo di tanta roba, ma chiudere a 40-42 punti che con brescia genoa e spal messe così danno tranquillità), forse forse conviene tenerci Mazzarri fino a fine anno e nel frattempo puntare su un buon mister per il prossimo, anche perché chiunque prendi adesso non viene per soli 6 mesi, ma vuole un contratto anche per almeno il prossimo anno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Héctor Belascoarán - 2 settimane fa

      Devo dire che guardando alla rosa/formazione del Lecce (Tachsidis e Rossettini vi rendete conto?) e ai suoi tanto incredibili quando meritati risultati io un pensierino su Liverani lo farei eccome.
      Sempre che ci siano garanzie di salvezza per quest’anno con questa direzione tecnica.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Pesce - 2 settimane fa

        Mi hai tolto le parole di bocca, ha un contratto fino al 2022, ma se lo contattiamo adesso… Torino resta comunque una piazza più appetibile di Lecce

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Pesce - 2 settimane fa

      Per esempio se non sbaglio De Zerbi ha il contratto in scadenza a giugno,

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. MV - 2 settimane fa

    Ma BASTA con questa storia del Genoa dimesso! BASTA! Ha patteggiato a Napoli (rischiando di vincere); pareggiava coi gobbi fino al 94^ e al tuffo di Ronaldo.
    Un mese fa, dopo il derby, molti scrivevano “una Juve così dimessa non si incontra tutti i giorni”: infatti ha vinto praticamente TUTTE le partite giocate da settembre a oggi. Ma di che parliamo??? Ma avete mai giocato a calcio? In serie A le partite sono tutte difficili e tutte da giocare, come sa bene la Fiorentina. Quella dei tanto osannati Pradè e Commisso, che ha appena perso contro il dimesso Verona e il dimesso Lecce. Si può criticare, è legittimo. Ma ogni volta parlare dell’avversario con cui si riesce a fare punti sminuendolo, è davvero un atteggiamento da bar, da tifoso che non ha mai giocato in vita sua

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Athletic - 2 settimane fa

      Infatti il Genoa non è “dimesso”. Ha un’idea di gioco e ieri si è visto. Fatica molto a metterla in pratica perché gli interpreti non sono sufficientemente bravi, ma a tratti sono riusciti anche a giocare discretamente bene. E non per nulla, ci hanno messo in difficoltà nel secondo tempo e meritavano di vincere. Per questo sono stati tre punti d’oro per noi, ma considerata la differenza di valore tra le due rose, avremmo dovuto vedere ben altra partita. Qui non è questione di essere ottimisti o pessimisti, si tratta di essere onesti nel dire le cose come stanno.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Mario66 - 2 settimane fa

    Condivido in pieno quanto espresso da athletic e fvcg’59.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alex70 - 2 settimane fa

      condivido Atheltic
      e a conclusione e’ che la nostra rosa e’ valida ma gestita da uno dei peggiori e mediocri allenatori
      ma come cazzo si fa’ ad ingaggiare un buon allenatore ?
      forse occorre un vero presidente
      ma ahimè non lo abbiamo
      ergo
      #CAIRO GAME OVER
      #MAZZARRI GAME OVER

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. leggendagranata - 2 settimane fa

    A coloro che si accontentano sempre di tutto cito il giudizio di Gigi Garanzini sulla Stampa: “… a Marassi dove un punto sarebbe stato grasso che cola…”. Che fa il pari con quello che scrive Sartori, equilibrato, ma senza veli: “…C’è però da chiedersi quante partite possano essere vinte in questo modo…”. E’ vero anche che il “calcio è strano” e che magari questi tre orribili punti possono segnare una svolta (ci credo poco, ma da tifoso mi illudo). Il problema però rimane e per quel che mi riguarda si ingigantisce dopo che ho visto Fiorentina-Lecce. Partita combattuta, maschia, Il Lecce ha giocato alla pari fino a quando è andato in vantaggio, poi la Fiorentina ha avuto una reazione veemente, generosa, ma senza Ribery e Chiesa non è riuscita a passare. E penso che giocando come ieri le buscheremmo nuovamente dal Lecce. Ecco perchè torno al quesito di fondo: dove si andrà giocando in questo modo? Mazzarri non può pensare (e dopo i fatti della scorsa notte al Filadelfia, con la dura e condannabile contestazione di un gruppo di tifosi l’ avrà capito) che la piazza si accontanti di quella che Sartori definisce “una tranquilla salvezza”. La “rosa”, a mio giudizio, ha potenzialità mal sfruttate soprattutto in attacco, dove però bisogna mettere gli uomini ai loro posti: da Verdi a Iago Falque, a Zaza. E sì, anche il tanto criticato aprioristicamente Zaza, di cui tutti si dimenticano il buon inizio di stagione in copia con Belotti. “Non sono un talebano, non applico a tutti i costi una tattica ignorando gli uomini che ho a disposizione”, ha affermato poco tempo fa Sarri, Mazzarri faccia tesoro di queste parole: non si possono prendere degli esterni e costringerli a fare i tamponatori o i trequartisti. Non è il mestiere nè di Verdi, nè di Iago che, chissà come mai, da quando è arrivato Mazzarri ha avuto un brusco calo nel rendimento, dopo grandi stagioni. Così come non è il mestiere di Baselli fare il medianaccio (seppure si applichi diligentemente).Penso a un Quadrado, un Dibala, un Higuain, un Icardi, un Nainggolan, reduci da stagioni deludenti ed ora nuovamente esplosi perchè utilizzati secondo le loro caratteristiche. Qui il primo errore di Mazzarri, ma ce n’è un secondo che condivide con la società: sono ormai due campagne acquisti che i rinforzi non sono quelli che lui vuole o che non vanno a colmare le lacune della rosa (a centrocampo). Ha fatto fuori Soiano e Ljajic, ma possibile che non si sia reso conto che ci voleva qualcuno al loro posto? E Cairo, può pensare di affidarsi a uno staff di cartavelina, di fare tutto lui che da 15 anniprende cantonate quando fa ile campagne acquisti in prima persona? Possibile che si sia dimenticato dei Fiore, Pancaro, Recoba, Coco, Barone, Vrizas? Pagare 25 milioni un discreto giocatore come Verdi vul dire sprecare risorse preziose, che al Toro non abbondano. Pensare che lo stesso Verdi e un Laxalt, che aveva fatto una stagione da panchinaro, fossero i rinmforzi utili per il famoso salto di qualità è stata una pia illusione. Ma anche in questo caso il concorso di colpa di Mazzarri è evidente. Ed ora non facciamo un errore esiziale: confermatre un tecnico costoso e,per quello che si è visto finora, cocciuto e stagionato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. FVCG'59 - 2 settimane fa

    Vedo che c’è chi si attacca ai numeri per cercare di dare ancora un senso positivo alla stagione del Toro: la speranza deve essere sempre l’ultima a morire ma i numeri di ieri sera, ad esempio, dicono che il Genoa avrebbe dovuto vincere e invece ha vinto il Toro…
    Questo è uno dei paradossi del calcio, dove non sempre vince chi merita, proprio come succede spesso nella vita. Però il duro lavoro, l’impegno, la serietà, un progetto con obiettivi da raggiungere, un gruppo coeso che li vuole raggiungere, alla lunga portano a vedere ed ottenere risultati positivi. Purtroppo sono tutte cose che non vedo e percepisco nel Torino attuale, per cui la vedo molto dura uscire da queste sabbie mobili che circondano la squadra: a partire da un’organizzazione societaria inesistente (DG, DS, RSGiovanile), un Presidente che ha speso molto, indiscutibile, ma anche molto male (perché vuole fare un mestiere che non è il suo), strutture (Fila, stadio, Robaldo), una rosa molto male assortita, senza talenti (tolti il Gallo e Sirigu, ma inevitabilmente prossimi partenti), poca personalità e pure qualche bella mela marcia… sotto la guida di uno che ieri ha messo in campo una squadra senza attaccanti di ruolo, contro un Genoa in fondo la classifica e una sola punta in casa col Lecce e a Parma, con il Fila chiuso perché i tifosi non meritano di entrare (perché indisciplinati e non utili alla causa).
    Siccome è nelle difficoltà più estreme che, di solito, emergono quelle qualità e si prendono quelle le decisioni che poi danno la forza per rinascere e ricreare tutto quello che si è perso, possiamo solo augurarci che questo avvenga nel più breve tempo possibile, perché il rischio che si sta correndo è molto grosso e serio.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. Athletic - 2 settimane fa

    Con la squadra vista ieri, l’obiettivo è la salvezza. Abbiamo vinto, preso tre punti e ci siamo allontanati dalla zona calda. Ok, tutto bene. Ma siamo realisti per favore, in ben due occasioni è stata questione di un paio di centimetri, bastava prendere la parte interna del palo o della traversa e questa partita l’avremmo persa. Questa partita l’ha decisa la sorte, non l’abbiamo vinta noi, perché non abbiamo fatto nulla, ma proprio nulla per vincerla. E manca sempre il DS, oramai è ora di iniziare a programmare la prossima stagione, vanno fatti ragionamenti, valutazioni, parlare coi giocatori, decidere chi sarà l’allenatore per il prossimo anno. Serve un DS, serve un DG, serve gente competente in società. Facciamo così, chiedetelo a Cairo, non a noi, quali sono gli obiettivi del Toro, chiedetegli perché non abbiamo un DS e un DG.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fedeltoro49 - 2 settimane fa

      Sono perfettamente d’accordo. Senza un organigramma competente ed efficiente non si va da nessuna parte.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. miele - 2 settimane fa

    Le prospettive di un Toro così, per quel che mi riguarda, sono quelle di farmi invidiare, ogni partita di più, i tifosi di Verona, Lecce, Parma e, non cito per non infierire troppo, Atalanta e Cagliari.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. Mario66 - 2 settimane fa

    Soltanto una persona priva di senso o in malafede potrebbe argomentare discorsi positivi sulla partita di ieri.
    Mazzarri non ne ha azzeccata una nella sulla composizione iniziale della squadra né sui cambi. Quello di Ansaldi poi sa di autolesionismo. Gli è andata bene tutto qui
    Il futuro lo vedo male ma molto male.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. Héctor Belascoarán - 2 settimane fa

    Pensieri:

    1) il 3-7-0 nessuno aveva mai osato tanto contro la terzultima in classifica.
    2) 2 pali e una paratona del Santo per loro e un solo tiro nello specchio per noi
    3) gol nell’unico calcio d’angolo in stagione tirato teso sul dischetto come si faceva una volta (probabilmente un’errore tecnico a questo punto, devo dedurne).
    4) sostituzione di Ansaldi che fino a quel momento era stato non il più pericoloso ma l’unico pericoloso in campo.
    5) se pure Baselli si incazza…

    Considerazione finale:

    3 punti importantissimi che valgono 6 perchè presi, anche se con poco merito, sul campo di una diretta concorrente per la lotta salvezza.
    Questa è l’unica nota lieta della giornata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pesce - 2 settimane fa

      Sottoscrivo tutto al 100%, sei solo stato troppo buono/offensivo sullo schema adottato: non si trattava di uno spregiudicato 3.7.0, bensì di un più coperto 4.6.0

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Savitur - 2 settimane fa

        Dai in alcuni momenti era un 4 5 1 con Berenguer desolatamente solo in area….imbarazzante e scandaloso

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. Il_Principe_della_Zolla - 2 settimane fa

    Le prospettive di un Torino FC così? Il coma farmacologico. Disegnare scenari che facciano riferimento a qualcosa di “sportivo” dopo una prestazione come quella di ieri sera, e l’ambiente che sta montando di fronte all’insipienza mazzarriana e l’inettitudine cairota è, a dir poco, un diversivo. Facciamo pena, in tutti i sensi. Serve un cambiamento, non in stile gattopardesco, ma una vera sterzata. Un Torino FC così non va da nessuna parte, come non ci è mai andato finora.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. GlennGould - 2 settimane fa

    @Max, ti rispondo qui.
    Guarda, ieri ero talmente esterrefatto dalla pochezza nostra, dalle scelte di Mazzarri, che quando abbiamo segnato non ho neanche esultato, il che è tutto dire.

    Che non faccia giocare Millico lo capisco, immagino di saperne i motivi.
    Ma c’è ben altro che non capisco. Era dai tempi di Lerda che non si vedevano in campo prestazioni così brutte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maxx72 - 2 settimane fa

      Scusa Fratello Glenn, ti riferivi a me e al mio commento? È solo che da quel che ho visto non sono l’unico Max…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. GlennGould - 2 settimane fa

    Sommiamo i commenti di Mimmo e Daniele, ed otteniamo il risultato.

    C’è la Coppa Italia.
    Chissà..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  34. jimmy - 2 settimane fa

    Metà classifica

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  35. Mimmo75 - 2 settimane fa

    Abbiamo tre punti in meno rispetto allo scorso anno, quando non partimmo con l’handicap dei preliminari e conseguente preparazione fatta in fretta e furia. Vinciamo di più (+1), pareggiamo di meno (-5) perdiamo di più (+4). Abbiamo subito lo stesso numero di reti (20) e ne abbiamo segnate 2 in meno. Sono difficoltà oggettive dalle quali però stiamo uscendo. Sono sempre i numeri a dirlo, confermando le buone sensazioni che da dopo il derby il campo regala in termini di tenuta fisica e compattezza, elementi che finonalla stracittadina mancavano. Prima del derby avevamo una media punti di 0,89 a partita, cioè da retrocessione. Dal derby (compreso) in poi la media è di 1,5, praticamente raddoppiata. È pur vero che il confronto è tra una serie di 8 partite e una di 4 ma non si può negare che in queste ultime l’atteggiamento e l’intensità del Toro sono cambiate. Prematuro fare proiezioni ma è innegabile che quanto visto in campo trova riscontro nei numeri come già lo trovava prima del derby. Non sto parlando, a scanso di equivoci, di un Toro bello e vincente ma di una squadra chensta ritrovando le basi sukle quali costruire una stagione positiva e che prima mancavano: corsa, impegno, intensità, pressing organizzato. Il resto verrà da se. Le prossime gare diranno molto, confermeranno i miglioramenti o ci diranno definitivamente che la stagione è perduta e sarà necessario rifondare squadra e cambiare mister, anche se il problema continuerà ad essere la società nel lungo periodo. Le prossime 5 dovranno portare in dote almeno 10 punti. Vorrebbe dire chiudere il girone d’andata ad almeno 27 punti cioè due in più rispetto allo scorso torneo. Vorrebbe dire mettersi nelle migliori condizioni possibili per affrontare la seconda parte di stagione, quella nella quale, storicamente, le squadre di Mazzarri vengono fuori prepotentemente. Ne sappiamo qualcosa, no? Lo scorso anno di questi tempi la situazione era più o meno la stessa pur senza la tara della prepaprazione atletica affrettata: gioco brutto e sterile, molti gol subiti, tifosi scontenti, squadra distratta e a metà classifica. L’anno scorso di questi tempi iniziarono a cogliersi i primi timidi segnali di svolta. Li evidenziai e come ora fui coperto di critiche e insulti. Poi il tempo diede ragione al mister e ai ragazzi dimostrando che i segnali no erano campati in aria. Speriamo vada così anche stavolta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 settimane fa

      Vero ciò che scrivi ma devi contestualizzare tutto, non solo una parte.
      Rispetto allo scorso anno ci sono più squadre davanti a noi e fanno più punti.
      Cagliari ha 8 punti più di noi e deve ancora giocare e nelle prime 7 in classifica non ci sono Napoli e Milan che difficilmente finiranno dietro di noi. Sarà dunque dura risalire almeno al settimo posto.
      L’ambiente nello spogliatoio pare incrinato e i tifosi si sono stufati di non assistere mai a una gran partita del Toro.
      Infine, in casa facciamo troppe poche vittorie (credo 2 ad oggi )
      Insomma, malgrado oggettivamente non sembra ci sia un gran divario tra quest’anno e quello precedente, secondo me le differenze sono significative.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mimmo75 - 2 settimane fa

        Tutto vero. Ma noi dobbiamo fare la corsa su noi stessi puntando a migliorare il risultato della scorsa stagione, in termini di punti o piazzamento. Su tutto il resto possiamo incidere molto poco perché ogni squadra ha le sue dinamiche interne. Guarda la viola come sprofonda dopo una partenza sprint. Guarda che polveriera è il Napoli con i calciatori in rivolta. Il Verona a breve inizierà a calare, è la classica piccola che parte a razzo e poi precipita. È presto per guardare la classifica come a un qualcosa di definito. Questa prende veramente una forma verosimile solo a primavera inoltrata.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Mimmo75 - 2 settimane fa

      Chiedo scusa, ho sbagliato il confronto con la stagione precedente, in realtà era con quella di due anni fa. I dati giusti dicono che abbiamo 4 punti in meno, che abbiamo segnato 3 gol in meno e subit 4 in più. E chiudemmo il girone d’andata a 27 punti, non a 25. Per il resto ribadisco il concetto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. leggendagranata - 2 settimane fa

        Sei partito da numeri sbagliati per la tua analisi, ma “ribadisci” il concetto. Non ti capisco.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 settimane fa

      @mimmo
      Ciao!
      Ribadisco pure io.
      Ma non rilancio.

      Aspetto la coppa Italia insieme a Glenn Gould, che magari me ne suona una buona, tanto per rifarmi almeno le orecchie…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Pota - 2 settimane fa

      Grande Mimmo x la tua analisi .Finalmente qualcuno che riesce a trovare qualcosa di positivo in questo momento “NO” della squadra.Io stesso pur essendo della linea della continuità fino al termine del campionato sono abbastanza dubbioso sulla possibilità di una ripresa sui livelli dell’anno scorso.Staremo a vedere, soprattutto mi auguro che tutti i giocatori remino dalla stessa parte di un mister che finora non è che abbia brillato per il bel gioco dato alla squadra.Ad Maiora

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Pesce - 2 settimane fa

      Possiamo provare a finirla di dare colpe alla preparazione affrettata per i preliminari di EL?
      E se per caso (puro caso), avessimo passato il turno e adesso fossimo ai gironi, giocando ogni 3 gg, allora quale sarebbe il nostro rendimento? Dovremmo avere meno punti del Brescia?
      Inoltre di solito una preparazione anticipata/affrettata, ti dovrebbe dare risultati nell’immediato e dovresti pagarla alla lunga (ad es nel girone di ritorno), invece noi siamo la squadra che corre meno di tutti a novembre.
      Quella della preparazione anticipata è un alibi che Mazzarri e i suoi sostenitori adoperano per provare a giustificare e basta

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mimmo75 - 2 settimane fa

        I preliminari, se programmati per tempo in termini di preparazione, sono un “problema” gestibile. A noi è stato detto che avremmo partecipato solo 2 settimane prima. In ogni caso i preliminari hanno sono da sempre una rottura di palle e inficiano il campionato. Sono una vetrina voluta dall’UEFA per aumentare i ricavi con partite di bassissimo livello. Le squadre son costrette a parteciparvi ma.ne farebbero volentieri a meno.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Pesce - 2 settimane fa

          Non ha risposto alla domanda: “E se per caso (puro caso), avessimo passato il turno e adesso fossimo ai gironi, giocando ogni 3 gg, allora quale sarebbe il nostro rendimento?“
          Inoltre ti ricordo che da Danimarca vinse un Europeo nonostante fosse stata ripescata poco prima dell’inizio dello stesso con i giocatori già in vacanza da una decina di giorni

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. prawn - 2 settimane fa

      Se ho voglia dopo controllo i numeri perché qualcosa non mi quadra

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. prawn - 2 settimane fa

        si date i meno intanto avevo ragione, ha confrontato stagioni sbagliate.

        infatti quella era quella orrida di miha, dove fu esonerato

        ma andate avanti cosi’ , bravi voi

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Mimmo75 - 2 settimane fa

          Aveva fatto notare di aver sbagliato confronto, forse ti è sfuggito

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. fedeltoro49 - 2 settimane fa

      Utinam!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  36. Il Giaguaro - 2 settimane fa

    Ormai le prime sette in classifica sono andate; se non è bastato un girone di ritorno da Champions per entrare direttamente in UEFA l’anno scorso figuriamoci adesso.
    L’unica possibilità remota rimarrebbe la Coppa Italia ma visti i trascorsi degli anni passati….
    La nostra dimensione, quella di un ottavo/dodicesimo posto, anche questo ennesimo anno di transizione.
    Quest’estate ho davvero sperato, come quasi tutti noi (rileggiamoci i commenti di Luglio/Agosto….) che potesse essere l’anno buono per entrare nella cerchia dei vassalli (parlo di quarto/quinto posto).
    In questo momento più che comprare giocatori a Gennaio la Società dovrebbe vendere e, soprattutto, lavorare tra i quadri dirigenziali (un DS coi controc… oggi ci serve più di un attaccante da 20 gol a stagione!!!!), uno staff di preparatori atletici degno della serie A; ci sono segnali di miglioramento, ma a metà campionato non si può, dopo un tempo di pressing alto con dei morti viventi come il Genoa attuale, non averne più nella ripresa e concedere quattro / cinque ripartenze nelle praterie del centrocampo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  37. CUORE GRANATA 44 - 2 settimane fa

    Caro Direttore penso sia il caso di non continuare con la,a mio parere,surreale manfrina delle ambizioni europee..Ieri la “Dea bendata”è stata benevola nei ns. confronti ma la sostanza non cambia.Il periplo per approdare alla ns. eventuale “Itaca”sarà piuttosto periglioso:l’equipaggio è nell’insieme mediocre,sul “timoniere”meglio tacere e quanto “all’armatore”..Vedremo se le contestazioni in atto porteranno il Pres. a fare “qualche riflessione” ma sono piuttosto scettico al riguardo.Per ora non ci resta che guardare al carpe diem e solo qualche imprevista variabile potrebbe sparigliare le carte.Sempre FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  38. Stufodellamediocrita' - 2 settimane fa

    A mio parere è inimmaginabile un cambio di marcia; la squadra è questa è, soprattutto, il mister è questo. Per rendersene conto dobbiamo cambiare la prospettiva: questa stagione è in linea con le altre, metà classifica, diciamo tra 9° e 12° posto. Sono le 2 stagioni in cui siamo arrivati al 7° che rappresentano l’eccezione.
    L’unica differenza sostanziale è che quest’anno la mediocrità è conclamata all’ennesima potenza, il 5-5-0 di ieri lo dinostra in modo inequivocabile. Basta guardare come si è vinto le 5 volte che lo si è fatto: soffrendo nel 2° tempo col Sassuolo, grazie a San Salvatore a Parma con l’Atalanta, con una doppietta del Gallo dopo 60 minuti dominati dal Milan, con 2 rigori ed un espulsione contro la peggior squadra della serie A (Brescia) ed, infine ieri…oppure come è contro chi si è perso: Lecce, Sampdoria, Parma o Udinese.
    Uniche prestazioni dignitose Napoli e Juve. Con la Lazio un disastro e con l’Inter quasi.
    Ergo 14 indizi fanno molto più di una prova…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 2 settimane fa

      Assolutamente, lasciami aggiungere, ho letto commenti che dicono che WM ha perso il polso della squadra, non credo proprio.
      I ragazzi fanno i compiti (e se si ribellano finiscono in panca, vedi Zaza ma anche Millico magari). Gli scambi al centrocampo, il non gioco, i retro passaggi sono tutta farina di Mazzarri.
      Tutto quello che sta succedendo al toro è frutto di pianificazione, non sono coincidenze.
      ED È anche per questo che WM resterà fino a fine anno alla guida della squadra.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  39. prawn - 2 settimane fa

    Sartori ma ancora parli di Europa?
    L’obiettivo stagionale è una tranquilla salvezza (e siamo in zona arancione non ancora verde per questo), finire il contratto con Mazzarri e liberarsi di un paio di contratti zavorra (zaza) e magari fare un paio di plusvalenze (con una stagione mediocre il gallo sarebbe legittimato ad andarsene)

    La tristezza regna

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy